Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Waterblock

Il mondo dei sistemi di raffreddamento a liquido personalizzati, custom o aftermarket che dir si voglia, ha da sempre rappresentato…

Recensione Bitfenix Aurora

Recensione Bitfenix Aurora

Case e banchetti da test/bench

Quando si parla di case, non possiamo di certo non citare Bitfenix, uno tra i più importanti produttori di chassis…

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Ventole

Enermax è da tempo inserita nelle pagine di CT e nel corso degli anni abbiamo avuto più volte modo di…

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Dissipatori

Con ormai un ampio trascorso in sistemi di raffreddamento a liquido, ventilazione forzata e proposte dissipanti convenzionali di fascia entry…

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Ventole

Entrata nel settore della ventilazione forzata a gamba tesa ormai quattro anni orsono con le ventole Air Series SP120 e…

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

AIO - liquidi compatti

Nonostante un mercato degli AIO, All In one(Tutto in uno ndr.), che da qualche mese a questa parte rema ormai…

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Tubi, raccordi, vaschette e altro

In un periodo sempre più incalzato da sistemi di raffreddamento a liquido AIO da parte di molteplici marchi che si…

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

AIO - liquidi compatti

Recentemente ci siamo soffermati più volte sulle soluzioni di raffreddamento a liquido compatto dando spazio sia a quella che è…

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Pompe,flussimetri e elettronica dedicata

Di recente vi abbiamo parlato della nuova serie Atlantis di casa Raijintek, si tratta per chi non ci ha seguito…

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

AIO - liquidi compatti

Abbiamo spesso parlato negli ultimi mesi di soluzioni dissipanti che si presentano e si collocano rispetto al grande pubblico in…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2015 JoomlaWorks Ltd.

Riparazione di una Sanso PDH-054

Qualche mese orsono riceviamo da parte di uno dei nostri lettori una richiesta decisamente poco convenzionale per quanto riguarda l'attività del sito; ci viene infatti proposta una riparazione di una pompa, più precisamente una Sanso PDH-054, data da uno dei principali negozi specializzati in rivendita di hardware cooling come irremediabilmente compromessa e quindi irreparabile.

Scoraggiato vuoi per i costi di acquisto non proprio vantaggiosi vuoi per la giovane età del prodotto che ancora doveva saggiare dell'acqua distillata, l'utente ci contatta spiegandoci brevemente l'accaduto asserendo che la pompa in seguito ad un errato cablaggio era stata cortocircuitata e da li non aveva più dato segni di vita, inutili erano stati infatti i vari tentativi di rianimarla con alimentatori differenti e con i cavi in posizione corretta.
Senza dare false speranze, dato un esito cosi diretto da parte dello shop, accettiamo di dare uno sguardo alla pompa a tempo perso....le sorprese sono tutte da venire!
In una uggiosa serata Milanese dopo aver dedicato qualche ora alle consuete procedure di testing ed aver messo in temperatura la camera a controllo climatico che si apprestava a mettere sotto torchio il nuovo nato di Xigmatek, nella stanza accanto abbiamo iniziato le procedure di analisi della pompa; questa, una volta smontata delle sue parti principali quali girante, top superiore e albero in ceramica si presenta nelle seguenti condizioni:

sanso-pdh-054-pumpsanso-pdh-054-pump-2

L'operazione in questo caso è del tutto semplice, l'apertura del corpo principale avviene semplicemente svitando le quattro viti a stella presenti nella prima foto e successivamente sfilando il top che metterà a nudo i due cuscientti in ceramica, la girante e il relativo albero interno.
In questa situazione tuttavia si può fare ben poco se non la consueta manutenzione pulendo l'interno della pompa e, qual'ora la situazione lo richieda, sostituire i cuscinetti in ceramica se rotti o eccessivamente usurati.
Il passo successivo consiste nell'accedere all'elettronica, qui data la totale assenza di qualsivoglia documento tecnico presente sul web abbiamo dovuto rifarci per intero alle nostre conoscenze sul campo, andando a logica e procedento per esclusione effettuando quello che viene definito del "retroengineering" sulla pompa made in Japan.
Quello che ci serve è la scheda eletronica che alimenta e controlla gli avvolgimenti della pompa, essa è collocata nella parte retrostante della stessa e l'accesso viene bloccato di fabbrica tramite del sigillante; a Sanso evidentemente non piace poi molto che si sbirci "sotto le gonne" delle proprie pompe.
Andiamo tuttavia per gradi, per accedere al vano della scheda elettronica dovremo muoverci con cautela rimuovendo in prima istanza l'etichetta posta superiormente, un banale phon e una lametta possono aiutarci nell'operazione e nel caso in cui si rompa non abbiamo alcun danno rilevante,è giusto una etichetta informativa fine a se stessa. Giunti a ciò dovremo con decisione far muovere la calotta posteriore della sanso verso il retro, questa si muoverà di circa tre millimetri per poi bloccarsi a causa dei cavi degli avvolgimenti che vanno in tensione direttamente sulla scheda elettronica.

sanso-pdh-054-unmountsanso-pdh-054-unmount-2

Quest'ultima risulta infatti direttamente incollata alla calotta in acciaio posteriore che ne impedisce praticamente l'accesso e qualsiasi movimento. Qui abbiamo la parte più delicata di tutta l'operazione; Sanso ha ben pensato di complicare un filo la vita ai più inesperti incollando niente di meno che il PIC a controllo della pompa sulla parte posteriore, per scollarla dovremo nuovamente affidarci al phon riscaldando la parte centrale della calotta posteriore facendo, a pezzo caldo,  delicatamente leva con un cacciavite avvolto in un panno tra la scheda elettronica e la struttura inferiore cui è incollato il pcb.
Procediamo per gradi e con pazienza, ricordatevi che non avete niente da perdere, e in meno di cinque minuti avrete rimosso la colla che vi impediva di arrivare alla scheda elettronica.
Ecco come si presenta il cuore della Sanso, si noti la presenza della abbondante colla epossodica e del supporto specifico a cui lega l'integrato del PCB.

sanso-pdh-054-pcbsanso-pdh-054-pcb-2

sanso-pdh-054-circuit-boardsanso-pdh-054-circuit-board2sanso-pdh-054-circuit-board3

 


Indietro 1/2 Avanti »

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM

COMUNICATI STAMPA DAI PARTNER

COLLABORIAMO CON