Recensione Bitfenix Shogun

Recensione Bitfenix Shogun

Case e banchetti da test/bench

Prosegue in casa Bitfenix l'era dei case con paratie laterali in vetro. Il "fratello" del Bitfenix Aurora si chiama Shogun,…

Recensione LEPA Neollusion

Recensione LEPA Neollusion

Dissipatori

L'ultimo anno appena trascorso ha visto l'affacciarsi in maniera prepotente nel mondo dei sistemi di raffreddamento consumer l'utilizzo di soluzioni…

Recensione Raijintek Asterion Classic

Recensione Raijintek Asterion Classic

Case e banchetti da test/bench

Recensione ed analisi tecnica del case Asterion Classic di casa Raijintek; come siamo ormai abituati a vedere da qualche tempo,…

Recensione Alphacool X-Flow radiators serie

Recensione Alphacool X-Flow radiators serie

Radiatori

Quest'oggi vogliamo dedicare la recensione al mondo del liquid cooling, un settore che nel corso dell'anno appena passato ha subito…

Recensione Alphacool Eisfach

Recensione Alphacool Eisfach

Tubi, raccordi, vaschette e altro

Una delle aziende più attive degli ultimi tempi nel campo del liquid cooling per pc recentemente in fase di forti…

Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Waterblock

Il mondo dei sistemi di raffreddamento a liquido personalizzati, custom o aftermarket che dir si voglia, ha da sempre rappresentato…

Recensione Bitfenix Aurora

Recensione Bitfenix Aurora

Case e banchetti da test/bench

Quando si parla di case, non possiamo di certo non citare Bitfenix, uno tra i più importanti produttori di chassis…

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Ventole

Enermax è da tempo inserita nelle pagine di CT e nel corso degli anni abbiamo avuto più volte modo di…

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Dissipatori

Con ormai un ampio trascorso in sistemi di raffreddamento a liquido, ventilazione forzata e proposte dissipanti convenzionali di fascia entry…

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Ventole

Entrata nel settore della ventilazione forzata a gamba tesa ormai quattro anni orsono con le ventole Air Series SP120 e…

Riparazione di una Sanso PDH-054

 Quello che ci interessa, e che nove volte su dieci salterà all'interno delle vostre Sanso, è il fusibile posto in fabbrica a protezione di tutta l'elettronica della pompa, esso è collocato tra i due cavi di alimentazione ed è di tipo SMD nano2 con codice di velocità F e corrente massima di 2,5Ampere.
La foto seguente indica la sua posizione:

sanso-pdh-054-smd-fuse

Prima di procedere alla sua sostituzione facciamo un breve test, grattiamo via da contatti laterali l'isolante blu messo in fabbrica per proteggere l'elettronica dall'umidità e con un cavetto in rame o un pezzo di stagno, ponticelliamo i due contatti; se la causa del coma della vostra pompa è lui una volta collegata all'alimentatore "magicamente" la Sanso riprenderà a scalciare!
Scolleghiamo quindi il tutto e prepariamoci alla sostituzione, in questo caso noi abbiamo optato per dei fusibili SMD nano2 da 2,5A con tuttavia codice di velocità FF ovvero "super veloci"; in caso di nuovo cortocircuito la nostra cara avrà di nuovo chi si sacrificherà per lei.


smd-nanofusesmd-nanofuse ff

La rimozione del vecchio fusibile avviene tramite saldatore, chi ha un filo di esperienza in merito armato di punta fine può effettuare l'operazione con un comunissimo saldatore a cartuccia da pochi euro mentre per i meno esperti l'aiuto di un terzo è caldamente raccomandato, ci vuole poco per far danni in questo caso.
Rimuoviamo quindi la colla dall'integrato, aiutandoci con una lametta, per evitare eventuali fumi sprigionati da un contatto involontario o peggio autocombustioni, puliamo la zona in cui andremo ad operare dall'isolante e procediamo con l'operazione di dissaldatura del componente bruciato, qualche secondo per parte e il fusibile salta via:

sanso-pdh-054-fuse-removesanso-pdh-054-fuse-remove2

Posizioniamo il nuovo, scaldiamo, mettiamo una goccia di stagno e risaldiamo i contatti al pcb:

pdh-054-soldering-fusepdh-054-soldering-fuse2

Bene abbiamo fatto tutto quello che c'era da fare, rimontiamo il tutto in ordine inverso rispetto a prima e andiamo alla prova del nove.
Cabliamo i cavi su un molex a tre pin, colleghiamo i tubi, una vaschetta o per gli allievi della vecchia scuola una T rovesciata, un litro di acqua e diamo corrente; se tutto è andato per il verso giusto avremo di nuovo la nostra fiammante Sanso con un costo delle riparazioni irreparabili di 0,40centesimi IVA inclusa.

sanso-pdh-054-working

 

Commenti sul forum.

 


« Indietro 2/2 Avanti

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM

COMUNICATI STAMPA DAI PARTNER

COLLABORIAMO CON