Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Waterblock

Il mondo dei sistemi di raffreddamento a liquido personalizzati, custom o aftermarket che dir si voglia, ha da sempre rappresentato…

Recensione Bitfenix Aurora

Recensione Bitfenix Aurora

Case e banchetti da test/bench

Quando si parla di case, non possiamo di certo non citare Bitfenix, uno tra i più importanti produttori di chassis…

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Ventole

Enermax è da tempo inserita nelle pagine di CT e nel corso degli anni abbiamo avuto più volte modo di…

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Dissipatori

Con ormai un ampio trascorso in sistemi di raffreddamento a liquido, ventilazione forzata e proposte dissipanti convenzionali di fascia entry…

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Ventole

Entrata nel settore della ventilazione forzata a gamba tesa ormai quattro anni orsono con le ventole Air Series SP120 e…

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

AIO - liquidi compatti

Nonostante un mercato degli AIO, All In one(Tutto in uno ndr.), che da qualche mese a questa parte rema ormai…

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Tubi, raccordi, vaschette e altro

In un periodo sempre più incalzato da sistemi di raffreddamento a liquido AIO da parte di molteplici marchi che si…

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

AIO - liquidi compatti

Recentemente ci siamo soffermati più volte sulle soluzioni di raffreddamento a liquido compatto dando spazio sia a quella che è…

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Pompe,flussimetri e elettronica dedicata

Di recente vi abbiamo parlato della nuova serie Atlantis di casa Raijintek, si tratta per chi non ci ha seguito…

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

AIO - liquidi compatti

Abbiamo spesso parlato negli ultimi mesi di soluzioni dissipanti che si presentano e si collocano rispetto al grande pubblico in…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2015 JoomlaWorks Ltd.

Riparazione di una Sanso PDH-054

 Quello che ci interessa, e che nove volte su dieci salterà all'interno delle vostre Sanso, è il fusibile posto in fabbrica a protezione di tutta l'elettronica della pompa, esso è collocato tra i due cavi di alimentazione ed è di tipo SMD nano2 con codice di velocità F e corrente massima di 2,5Ampere.
La foto seguente indica la sua posizione:

sanso-pdh-054-smd-fuse

Prima di procedere alla sua sostituzione facciamo un breve test, grattiamo via da contatti laterali l'isolante blu messo in fabbrica per proteggere l'elettronica dall'umidità e con un cavetto in rame o un pezzo di stagno, ponticelliamo i due contatti; se la causa del coma della vostra pompa è lui una volta collegata all'alimentatore "magicamente" la Sanso riprenderà a scalciare!
Scolleghiamo quindi il tutto e prepariamoci alla sostituzione, in questo caso noi abbiamo optato per dei fusibili SMD nano2 da 2,5A con tuttavia codice di velocità FF ovvero "super veloci"; in caso di nuovo cortocircuito la nostra cara avrà di nuovo chi si sacrificherà per lei.


smd-nanofusesmd-nanofuse ff

La rimozione del vecchio fusibile avviene tramite saldatore, chi ha un filo di esperienza in merito armato di punta fine può effettuare l'operazione con un comunissimo saldatore a cartuccia da pochi euro mentre per i meno esperti l'aiuto di un terzo è caldamente raccomandato, ci vuole poco per far danni in questo caso.
Rimuoviamo quindi la colla dall'integrato, aiutandoci con una lametta, per evitare eventuali fumi sprigionati da un contatto involontario o peggio autocombustioni, puliamo la zona in cui andremo ad operare dall'isolante e procediamo con l'operazione di dissaldatura del componente bruciato, qualche secondo per parte e il fusibile salta via:

sanso-pdh-054-fuse-removesanso-pdh-054-fuse-remove2

Posizioniamo il nuovo, scaldiamo, mettiamo una goccia di stagno e risaldiamo i contatti al pcb:

pdh-054-soldering-fusepdh-054-soldering-fuse2

Bene abbiamo fatto tutto quello che c'era da fare, rimontiamo il tutto in ordine inverso rispetto a prima e andiamo alla prova del nove.
Cabliamo i cavi su un molex a tre pin, colleghiamo i tubi, una vaschetta o per gli allievi della vecchia scuola una T rovesciata, un litro di acqua e diamo corrente; se tutto è andato per il verso giusto avremo di nuovo la nostra fiammante Sanso con un costo delle riparazioni irreparabili di 0,40centesimi IVA inclusa.

sanso-pdh-054-working

 

Commenti sul forum.

 


« Indietro 2/2 Avanti

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM

COMUNICATI STAMPA DAI PARTNER

COLLABORIAMO CON