Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Waterblock

Il mondo dei sistemi di raffreddamento a liquido personalizzati, custom o aftermarket che dir si voglia, ha da sempre rappresentato…

Recensione Bitfenix Aurora

Recensione Bitfenix Aurora

Case e banchetti da test/bench

Quando si parla di case, non possiamo di certo non citare Bitfenix, uno tra i più importanti produttori di chassis…

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Ventole

Enermax è da tempo inserita nelle pagine di CT e nel corso degli anni abbiamo avuto più volte modo di…

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Dissipatori

Con ormai un ampio trascorso in sistemi di raffreddamento a liquido, ventilazione forzata e proposte dissipanti convenzionali di fascia entry…

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Ventole

Entrata nel settore della ventilazione forzata a gamba tesa ormai quattro anni orsono con le ventole Air Series SP120 e…

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

AIO - liquidi compatti

Nonostante un mercato degli AIO, All In one(Tutto in uno ndr.), che da qualche mese a questa parte rema ormai…

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Tubi, raccordi, vaschette e altro

In un periodo sempre più incalzato da sistemi di raffreddamento a liquido AIO da parte di molteplici marchi che si…

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

AIO - liquidi compatti

Recentemente ci siamo soffermati più volte sulle soluzioni di raffreddamento a liquido compatto dando spazio sia a quella che è…

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Pompe,flussimetri e elettronica dedicata

Di recente vi abbiamo parlato della nuova serie Atlantis di casa Raijintek, si tratta per chi non ci ha seguito…

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

AIO - liquidi compatti

Abbiamo spesso parlato negli ultimi mesi di soluzioni dissipanti che si presentano e si collocano rispetto al grande pubblico in…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2015 JoomlaWorks Ltd.

Guida al downvolt delle ventole

Come ultimo analizziamo il downvolt tramite molex;non perchè sia il meno efficace o il più complesso da realizzare ma perchè potrebbe portare ad errori e/o danni irreversibili nel caso in cui, per errore, l'utente sbagli qualcosa nel risaldare o ricollegare i cavi all'interno dell'adattatore.
Con questa metodologia si vanno a modificare le tensioni di alimentazione sull'intero rail del cavo alimentato,se per esempio si riduce tramite molex una ventola a 7v e sul molex maschio libero si inserisce un hard disk ,tale hdd riceverà in entrata 7v e non i canonici 12v restituendo possibili o meglio, sicuri malfunzionamenti.

Veniamo comunque a noi;
i molex utilizzati dalle ventole si distinguono in 4 tipi differenti:

*4 pin

ventola_4pin

 

*2 pin
*3 pin con controllo tachimetrico(cavo giallo)
*4 pin con controllo tachimetrico e PWM (cavo blu)

3pin

Gli adattatori che andremo ad utilizzare saranno della tipologia 4pin===>3 pin prendendo di conseguenza l'alimentazione direttamente dall'alimentatore tramite molex a 4 pin.
Anche questi adattatori si dividono in due categorie:
*4===> 3 pin standard

adattatore_4_3pin

4_3pin

*4===> 3 pin con controllo tachimetrico su unità esterna

adattatore_4_3pintachimetrico

adattatore_4_3pintachimetrico

Questi sono gli schemi da seguire a seconda si voglia downvoltare la propria ventola a 5v o 7v;il tutto si gioca con le tensioni che abbiamo a disposizione ovvero: 12v - 5v - 0v.

Tensione a 7v

_4pin_3pin_7v

Tensione a 5v

_4pin_3pin_5v

Nota: il downvolt nei seguenti grafici viene effettuato solo sul molex 3 pin che andrà collegato alla ventola lasciando l'intero ramo su molex a 4 pin con la corretta alimentazione a +12v.
Qualora vogliata downvoltare l'intero cavo basterà traslare lo schema applicato al molex 3 pin sul molex 4 pin:

fan5v

fan7v

Considerazioni e conclusioni:
Esistono anche degli switch a due o 3 posizioni di cui la antec ne fa largo uso sulle sue ventole tricool:

tricool

tali switch permettono il cambiamento di tensione in un range di 5 - 7 -12v garantendo un lavoro pulito e di ottima manegevolezza.
Tuttavia alcune ventole a bassi rpm,800≈1200rpm, possono non partire a 5v avendo uno "start up" del motore situato a voltaggi maggiori,ciò comporterebbe se alimentato a 5v ad un logoramento del motore stesso e quindi ad una sua possibile rottura.
Personalmente consiglio di gran lunga l'uso dei rheobus,con ormai 20/30€, si comprano dei veri e propri strumenti multimediali e si è certi di lavorare in tutta sicurezza,il downvolt con altri mezzi rimane comunque una pratica sicura e solida avendo dalla sua il basso costo di elaborazione.
Le resistenze costano mediamente 5/10 centesimi l'una e un potenziometro difficilmente oltrepassa i 3€ affermandosi di conseguenza come,se pur con un rischio di errore maggiore, la tecnica dal miglio rapporto prezzo prestazioni.

Commenti sul forum.


« Indietro 3/3 Avanti

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM

COMUNICATI STAMPA DAI PARTNER

COLLABORIAMO CON