Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Waterblock

Il mondo dei sistemi di raffreddamento a liquido personalizzati, custom o aftermarket che dir si voglia, ha da sempre rappresentato…

Recensione Bitfenix Aurora

Recensione Bitfenix Aurora

Case e banchetti da test/bench

Quando si parla di case, non possiamo di certo non citare Bitfenix, uno tra i più importanti produttori di chassis…

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Ventole

Enermax è da tempo inserita nelle pagine di CT e nel corso degli anni abbiamo avuto più volte modo di…

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Dissipatori

Con ormai un ampio trascorso in sistemi di raffreddamento a liquido, ventilazione forzata e proposte dissipanti convenzionali di fascia entry…

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Ventole

Entrata nel settore della ventilazione forzata a gamba tesa ormai quattro anni orsono con le ventole Air Series SP120 e…

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

AIO - liquidi compatti

Nonostante un mercato degli AIO, All In one(Tutto in uno ndr.), che da qualche mese a questa parte rema ormai…

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Tubi, raccordi, vaschette e altro

In un periodo sempre più incalzato da sistemi di raffreddamento a liquido AIO da parte di molteplici marchi che si…

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

AIO - liquidi compatti

Recentemente ci siamo soffermati più volte sulle soluzioni di raffreddamento a liquido compatto dando spazio sia a quella che è…

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Pompe,flussimetri e elettronica dedicata

Di recente vi abbiamo parlato della nuova serie Atlantis di casa Raijintek, si tratta per chi non ci ha seguito…

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

AIO - liquidi compatti

Abbiamo spesso parlato negli ultimi mesi di soluzioni dissipanti che si presentano e si collocano rispetto al grande pubblico in…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2015 JoomlaWorks Ltd.

Cablaggio e posizionamento sonde di precisione

snowft
Attualmente per il web si vedono molte review dei vari waterblock in commercio,tuttavia non si trova mai una review in cui vengano utilizzate sonde di precisione con relativo termometro per misurare le temperature,in particolare quella dell'acqua e della CPU.

Peccato,perchè le sonde di precisione PT100 sono lo strumento essenziale per ottenere precisione e ripetibilità della misurazione eseguita.
Veniamo subito al dunque: nel laboratorio di test di CoolingTechnique,per quanto riguarda la sezione liquid cooling, viene utilizzato un termometro bisonda Delta Ohm HD 2127.1 che garantisce una precisione pari al centesimo di grado. A questo termometro sono collegate 2 sonde che andranno a misurare rispettivamente la temperatura dell'acqua e la temperatura della CPU.
Le sonde sono delle PT100 di classe 1/3 din che garantiscono una notevole precisione
 
20090121144343 dsc03632-0001
 
Tolleranze PT100
 
il primo problema che si affronta quando si hanno 2 sonde PT100 da 2,3mm in mano è quello del cablaggio. E' infatti necessario seguire un preciso schema per collegare questo tipo di sonde al termometro,in particolare al connettore femmina che ci siamo preventivamente procurati.
 
Schema di collegamento PT100
 
Nel nostro caso lo schema da seguire è quello della "active probe",schema che è stato successivametnte verificato anche sul manuale del termometro.
Come è facile evincere da questo schema,per prima cosa è necessario smontare il connettore femmina e saldare 4 fili conduttivi ai rispettivi 4 piedini del connettore indicati in figura (1-6-7-8),che successivamente verranno raggruppati a 2 (1-6 e 7-8) e collegati ognuno ad un filo della sonda
 
1
 
In questa figura si può vedere il lavoro svolto,saldatura e copertura con termorestringente di ogni piedino per evitare il contatto con i piedini vicini. A questo punto si possono raggruppare i singoli cavi con una guaina termorestringente e rimontare il connettore femmina.
Questo è il risultato:
 
2
 
Giunti qui lasciamo stare il connettore appena cablato ed occupiamoci della sonda.
In questo caso è stato preso in considerazione il cablaggio della sonda di precisione che andrà a finire sotto la nostra CPU,dato che il procedimento è molto più complesso rispetto a quello che si dovrebbe seguire per la sonda che misurerà la temperatura dell'acqua.
In quest'ultimo caso è infatti sufficiente connettere con un filo conduttivo un estremo della sonda con un estremo del connettore appena cablato,ripetere l'operazione per l'altro estremo,cablare tutto con le termorestringenti ed il gioco è fatto. Per quanto riguarda quindi la sonda della cpu,tagliamo un po' le due estremità,dato che per il posto in cui dobbiamo posizionarla risultano essere un po' troppo lunghe e  la andiamo a posizionare ben ferma su un supporto (in questo caso una lametta di un taglierino) per non sforzare troppo i due estremi della sonda stessa che potrebbero spezzarsi (l'autore di questo articolo ne sa qualcosa) e per consentire una saldatura molto più agevole
 
dsc04570
 
Fatto questo prendiamo il filo di una bobina di una ventola e ne tagliamo due spezzoni da 10-15 cm ciascuno. Questo filo ci consentirà di riuscire a passare sotto al socket della nostra scheda madre perchè è molto sottile,inoltre è verniciato e questo lo rende non conduttivo. Per questo motivo,nei punti dove dobbiamo andare a saldare,è necessario grattare le estremità con la carta vetrata (io ho utilizzato della 280).
Il risultato è il seguente
 

dsc04575
 
Come si vede dalla foto, si è riusciti in questo modo ad eliminare la vernice "rossa" dal filo all'estremità.
Questa operazione va ovviamente ripetuta per ogni estremità del filo che dovrà essere saldata, le quali nel nostro caso sono 4.
Dopo aver effettivamente verificato con un multimetro se i fili conducessero, ho dovuto affrontare uno dei passi che più mi ha complicato la vita: saldare un filo spesso quanto un capello con un saldatore da 8 euro con una punta non proprio idonea. Di sicuro chi sta leggendo questo articolo saprà fare meglio di me. Per fare queste due saldature mi sono aiutato con un'altra lametta posizionata sotto le due estremità della sonda,più che altro per far avere una base allo stagno nel momento in cui sarei dovuto andare a saldare. Ho quindi prestagnato un po' le estremità dei 2 fili di bobina
 
dsc04571
 
e sono andato ad eseguire la saldatura,che non è stata proprio il massimo della precisione ma alla fine è risultata valida
 
dsc04572
 
Dopo la saldatura ho tirato un po' i cavi per vedere se effettivamente potesse reggere,dopodichè ho provato la sonda saldando le altre due estremità dei cavi di bobina al connettore precedentemente realizzato
 
dsc04573
 
Verificato il corretto funzionamente della sonda, ho provveduto a smontare il mio wb dalla cpu,ho pulito l'ihs e ho posizionato su un foglio di carta la CPU. Successivamente ho dissaldato il connettore dai cavi della bobina e ho posizionato la sonda,dopo aver coperto i componenti elettrici presenti sotto la CPU con un pezzetto di scotch di carta
 
dsc04577
 
dsc04582
 
Come si vede dalla foto sono andato anche ad isolare le singole saldature con un altro pezzetto di stocth di carta. Sono poi quindi andato a verificare il contatto della sonda con la cpu, e il contatto non era dei migliori
 
dsc04579
 
Ho quindi tagliato del neoprene delle dimensioni pari al centro del socket della scheda madre e di 2 mm circa di spessore
 
dsc04581
 
A questo punto si può iniziare a posizionare la CPU nella sua sede. Ho tolto il neoprene,ho appoggiato la CPU al waterblock del chipset e ho fatto passare i due cavi come mostrato in figura
 
dsc04585
 
Questa operazione non è stata particolarmente difficile, evidentemente sotto al socket nei punti dove passano i cavi non erano presenti componenti elettronici.
Fatto questo ho riposizionato il neoprene al centro del socket facendo attenzione che questo non andasse a schiacciare i miei cavi e ho potuto mettere la CPU;in tal modo il neoprene grazie alla pressione esercitata dal sistema di ritenzione del processore spinge la sonda contro il corpo della cpu,assicurando un contatto ottimale.
 
dsc04586
 
Il più è fatto,ho successivamente provveduto a risaldare i cavi al connettore e cablato con una guiana termorestringente  le saldature e gran parte dei fili della bobina per evitare che si potessero rompere sollecitandoli,ho fissato il cavo principale della sonda al banchetto verificando il corretto funzionamento della sonda.
Tutto liscio:
 
dsc04591
 
In seguito ho verificato anche il funzionamento della sonda a Pc acceso e non ho riscontrato nessun problema. Infine,ho preso l'altra sonda completamente cablata e l'ho posizionata su un tubo di rame. Dopo averne verificato il contatto,ho successivamente provveduto ad isolarla per bene con 3 giri di nastro isolante
 
dsc04594
 
dsc04595
 
Operazioni perfettamente riuscite e temperature con precisione al centesimo di grado disponibili!
 
 

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM

COMUNICATI STAMPA DAI PARTNER

COLLABORIAMO CON