Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Waterblock

Il mondo dei sistemi di raffreddamento a liquido personalizzati, custom o aftermarket che dir si voglia, ha da sempre rappresentato…

Recensione Bitfenix Aurora

Recensione Bitfenix Aurora

Case e banchetti da test/bench

Quando si parla di case, non possiamo di certo non citare Bitfenix, uno tra i più importanti produttori di chassis…

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Ventole

Enermax è da tempo inserita nelle pagine di CT e nel corso degli anni abbiamo avuto più volte modo di…

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Dissipatori

Con ormai un ampio trascorso in sistemi di raffreddamento a liquido, ventilazione forzata e proposte dissipanti convenzionali di fascia entry…

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Ventole

Entrata nel settore della ventilazione forzata a gamba tesa ormai quattro anni orsono con le ventole Air Series SP120 e…

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

AIO - liquidi compatti

Nonostante un mercato degli AIO, All In one(Tutto in uno ndr.), che da qualche mese a questa parte rema ormai…

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Tubi, raccordi, vaschette e altro

In un periodo sempre più incalzato da sistemi di raffreddamento a liquido AIO da parte di molteplici marchi che si…

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

AIO - liquidi compatti

Recentemente ci siamo soffermati più volte sulle soluzioni di raffreddamento a liquido compatto dando spazio sia a quella che è…

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Pompe,flussimetri e elettronica dedicata

Di recente vi abbiamo parlato della nuova serie Atlantis di casa Raijintek, si tratta per chi non ci ha seguito…

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

AIO - liquidi compatti

Abbiamo spesso parlato negli ultimi mesi di soluzioni dissipanti che si presentano e si collocano rispetto al grande pubblico in…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2015 JoomlaWorks Ltd.

Studio sul flowrate in un loop in serie


Con il nuovo arrivo nel lab del nuovo flussimetro digitale l'esperimento molto intuitivo che si è allestito è stato il seguente: mantenendo fisso il Dwyer nella solita posizione, si è proceduto a spostare di volta in volta il flussimetro digitale nei vari punti di interesse del circuito in serie per vedere se la portata variava.

 

flussimetro digitale studio flowrate loop serie 

Il loop su cui è stato fatto l'esperimento è quello classico per i test prestazionali per radiatori, composto in serie dalla EK-Res 400, la Sanso PD31 mantenuta a 28V costanti, il flussimetro Dwyer, il nuovo flussimetro digitale, il radiatore Watercool HTF4 e il Dimastech Nethuns sopra il simulatore di carico.

loop studio flowrate loop serie

Per prima cosa si è misurata la portata con i due flussimetri posizionati in serie, per vedere se i valori riportati erano più o meno vicini; per fare questo è stata variata la portata agendo semplicemente dalla manopola del dwyer e sono state prese le misure rilevate dai due flussimetri. I dati rilevati sono stati i seguenti:

tabella 1 studio flowrate

Le misurazioni non sono proprio le stesse per via della maggiore precisione del flussimetro digitale con risoluzione a passi di 0,1 LPM, rispetto alla scala "ad occhio" del Dwyer; inoltre il valore digitale del flussimetro non è mai stabile ma oscilla almeno tra due valori, per cui si è scelto quello più stabile nel tempo.
Ad ogni modo non è la risoluzione e precisione dei due diversi strumenti il fulcro del discorso: i dati sono stati annotati e riportati sopra; successivamente si è spostato il flussimetro dopo il radiatore e ripetuto lo stesso test, variando la portata e segnando le misure dei due strumenti.

tabella 2 studio flowrate

Comparando le letture del flussimetro digitale tra i due casi esaminati sopra è facile notare come queste sono praticamente le stesse, quindi non si ha nessun abbassamento di portata dovuto al radiatore! Cosa che dovrebbe far già riflettere sull'esito finale del test.
Continuando con l'esperimento si è posizionato il flussimetro digitale dopo il waterblock e prima della vaschetta e successivamente dopo la pompa e prima del Dwyer, variando la portata di volta in volta ed annotando le misurazioni.

tabella 3 studio flowrate

tabella 4 studio flowrate

Anche in questi casi andando a prendere la totalità delle letture del flussimetro digitale e comparandole tra di loro non troviamo differenze apprezzabili che possano indurre a pensare ad un abbassamento di portata dopo ogni componente del loop, per cui la risposta alle domande che sono state poste nella pagina precedente e che dovrete sempre tenere a mente è: la portata in un impianto a liquido con componenti connessi in un loop chiuso non varia nei suoi diversi punti! Prima o dopo un waterblock, prima o dopo il radiatore o la pompa, prima o dopo un qualsiasi componente del vostro loop la portata rimarrà costante!

Commenti sul forum.


« Indietro 2/2 Avanti

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM

COMUNICATI STAMPA DAI PARTNER

COLLABORIAMO CON