Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Waterblock

Il mondo dei sistemi di raffreddamento a liquido personalizzati, custom o aftermarket che dir si voglia, ha da sempre rappresentato…

Recensione Bitfenix Aurora

Recensione Bitfenix Aurora

Case e banchetti da test/bench

Quando si parla di case, non possiamo di certo non citare Bitfenix, uno tra i più importanti produttori di chassis…

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Ventole

Enermax è da tempo inserita nelle pagine di CT e nel corso degli anni abbiamo avuto più volte modo di…

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Dissipatori

Con ormai un ampio trascorso in sistemi di raffreddamento a liquido, ventilazione forzata e proposte dissipanti convenzionali di fascia entry…

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Ventole

Entrata nel settore della ventilazione forzata a gamba tesa ormai quattro anni orsono con le ventole Air Series SP120 e…

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

AIO - liquidi compatti

Nonostante un mercato degli AIO, All In one(Tutto in uno ndr.), che da qualche mese a questa parte rema ormai…

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Tubi, raccordi, vaschette e altro

In un periodo sempre più incalzato da sistemi di raffreddamento a liquido AIO da parte di molteplici marchi che si…

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

AIO - liquidi compatti

Recentemente ci siamo soffermati più volte sulle soluzioni di raffreddamento a liquido compatto dando spazio sia a quella che è…

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Pompe,flussimetri e elettronica dedicata

Di recente vi abbiamo parlato della nuova serie Atlantis di casa Raijintek, si tratta per chi non ci ha seguito…

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

AIO - liquidi compatti

Abbiamo spesso parlato negli ultimi mesi di soluzioni dissipanti che si presentano e si collocano rispetto al grande pubblico in…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2015 JoomlaWorks Ltd.

Guida alla pulizia del radiatore

Seguendo la scia della scuola americana, i passi per pulire a fondo un radiatore sono i seguenti:

1)Per prima cosa lasciamo scorrere acqua corrente calda all'interno del radiatore per 5 minuti in un raccordo e per altri 5 minuti nell'altro. In questa prima fase è preferibile ruotare il radiatore nelle diverse posizioni possibili per far girare al meglio l'acqua al suo interno: sacche d'aria potrebbero infatti impedire all'acqua di arrivare in certi punti interni del radiatore. Personalmente non ho altro posto per eseguire questa operazione se non nella doccia, chi è dotato di mezzi più adeguati sicuramente troverà il tutto molto più semplice e immediato.

fase_1

Probabilmente la posizione migliore per espellere eventuale aria all'interno è quella del radiatore in verticale con i raccordi verso l'alto. Verificate che non ci sia il gorgoglio classico che si ha in fase di normale riempimento del proprio impianto a liquido, segno che è rimasta dell'aria nel radiatore.

2)A questo punto riempiamo con acqua corrente calda il radiatore lentamente, a piccoli passi, scuotendolo energicamente e cercando di far scorrere l'acqua all'interno in tutti i suoi punti. Per scuoterlo a dovere vi potete aiutare con la mano per tappare i fori di ingresso/uscita, se non ci riuscite vi consiglio di usare dei tappi. Una volta che riuscite a riempire il radiatore fino all'orlo scuotetelo per l'ultima volta e svuotatelo. Ripetete questa operazione 2-3 volte.

3)Arrivati qui ripetete la seconda fase utilizzando l'aceto. Io ho utilizzato un comune aceto di vino bianco, ovviamente il più economico che ho trovato con una acidità del 6%.

aceto

4)Infine riempite il radiatore di aceto e lasciatelo così per un'ora. E' ovviamente importante eliminare tutta l'aria all'interno: per fare questo riempite a piccoli passi il radiatore ed inclinatelo con i raccordi verso l'alto per favorire l'uscita dell'aria. Fate attenzione a non lasciare per più di un'ora l'aceto all'interno del radiatore altrimenti potrebbe iniziare a corrodere.

Tutte le fasi fin qui descritte vanno ripetute una seconda volta. Può sembrare una procedura noiosa che fa perdere anche parecchio tempo ma è necessaria per pulire come si deve il radiatore. Per farvi capire meglio il perchè sia necessario ripetere tutto una seconda volta vi mostro in foto due bicchieri di aceto provenienti dalla fase 4.

bicchieri_con_residui

Apparentemente sembrano due bicchieri uguali ma se andiamo a vedere il fondo troviamo la differenza.

bicchiere_round_1

bicchiere_round_2

Come si può ben vedere dalle foto con il primo turno di operazioni eliminiamo il grosso dei residui mentre con il secondo il poco, davvero poco, che ne rimane.
Finito il secondo round di pulizia per eliminare l'aceto dal radiatore ripetete le fasi 1 e 2. Per i pignoli, poichè è stata utilizzata acqua corrente durante le varie fasi è possibile ripetere la fase 2 con acqua distillata/demineralizzata. Una volta asciutto, il radiatore è pronto per l'uso.
Chi non risulta soddisfatto può anche montare un circuito di prova composto solo da vaschetta,pompa e radiatore per verificare empiricamente se il radiatore risulta effettivamente pulito oppure no andando a vedere cosa si deposita nella vaschetta. Personalmente seguendo questa procedura non ho riscontrato nessun problema e il radiatore è risultato perfettamente pulito.

Commenti sul forum.


« Indietro 2/2 Avanti

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM

COMUNICATI STAMPA DAI PARTNER

COLLABORIAMO CON