Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Recensione Aquacomputer Cuplex Kryos NEXT

Waterblock

Il mondo dei sistemi di raffreddamento a liquido personalizzati, custom o aftermarket che dir si voglia, ha da sempre rappresentato…

Recensione Bitfenix Aurora

Recensione Bitfenix Aurora

Case e banchetti da test/bench

Quando si parla di case, non possiamo di certo non citare Bitfenix, uno tra i più importanti produttori di chassis…

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Recensione Enermax DF Pressure, 120mm a stampo sportivo.

Ventole

Enermax è da tempo inserita nelle pagine di CT e nel corso degli anni abbiamo avuto più volte modo di…

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Recensione Enermax ETS-T50 AXE

Dissipatori

Con ormai un ampio trascorso in sistemi di raffreddamento a liquido, ventilazione forzata e proposte dissipanti convenzionali di fascia entry…

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Recensione ventole Corsair ML - Magnetic Levitation fan

Ventole

Entrata nel settore della ventilazione forzata a gamba tesa ormai quattro anni orsono con le ventole Air Series SP120 e…

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

Recensione CoolerMaster Masterliquid PRO 240

AIO - liquidi compatti

Nonostante un mercato degli AIO, All In one(Tutto in uno ndr.), che da qualche mese a questa parte rema ormai…

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Recensione vaschette Alphacool Eisbecher

Tubi, raccordi, vaschette e altro

In un periodo sempre più incalzato da sistemi di raffreddamento a liquido AIO da parte di molteplici marchi che si…

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

AIO - liquidi compatti

Recentemente ci siamo soffermati più volte sulle soluzioni di raffreddamento a liquido compatto dando spazio sia a quella che è…

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Recensione RAI-PM5 e RAI-R20, pompa e vaschetta secondo Raijintek

Pompe,flussimetri e elettronica dedicata

Di recente vi abbiamo parlato della nuova serie Atlantis di casa Raijintek, si tratta per chi non ci ha seguito…

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

Recensione AIO Corsair Hydro H110i e H115i

AIO - liquidi compatti

Abbiamo spesso parlato negli ultimi mesi di soluzioni dissipanti che si presentano e si collocano rispetto al grande pubblico in…

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2015 JoomlaWorks Ltd.

Radiator leak - case study

Il mondo dei radiatori applicati al liquid cooling è ormai in continua evoluzione e sempre più si contano i modelli che i vari marchi introducono sul mercato senza esclusione di colpi; ciò è dovuto alla continua ricerca di nuovi  acquirenti al fine di accaparrarsi sempre più maggiori quote di vendita del mercato in questione.
Per fare questo gli strumenti a disposizione delle aziende sono molteplici: dalle caratteristiche particolari introdotte su specifici modelli, ai materiali utilizzati, alla verniciatura sino ad arrivare al prezzo di vendita; vera e propria discrimante per alcuni utenti su cui basare l'acquisto di taluni prodotti.

Nel corso degli ultimi anni con l'avvento dei paesi emergenti e delle nuove case più agguerrite che mai; i costruttori, che già lavoravano nel campo, sono stati costretti a ricorrere ad una politica fortemente concorrenziale smettendo di produrre internamente e dando in appalto, in larga parte, la produzione dei radiatori ad aziende collocate in nazioni in cui è risaputo costare meno la fabbricazione, sia in termini di materiale che in termini di costo produttivo vero e proprio.

Questo, sebbene i disegni forniti arrivino sempre dai produttori originari e dai loro centri di ricerca, ha portato una calo nella qualità dei prodotti e soprattutto nei controlli di qualità (il famoso "quality control") che sono praticamente del tutto o quasi spariti dalla linea di produzione, quasi fossero un optional di cui il produttore può farne a meno.

Quest'oggi riteniamo opportuno rivelare alla comunità del liquid cooling un fenomeno che decisamente non tiene conto della buona fede del consumatore finale che, incurante delle strategie economiche presenti dietro il suo radiatore nuovo di zecca, spende i propri soldi pur non sapendo dei macroscopici difetti di conformità che affligono, se non tutti, buona parte dei radiatori presenti sul mercato.

Teniamo a precisare, prima di addentrarci ulteriormente nell'argomento, che con questo articolo coolingtechnique.com non vuole scagliare le pietre contro un marchio in particolare, al contrario non si vuole additare nessuno ne benchè meno criticare ma si vuole portare alla luce degli occhi degli utenti, quello che centinaia di testate giornalistiche, forse, non conoscono e che presunti tester ignorano pur avendo dati chiari a loro disponibilità.
Coolingtechnique.com non è un semplice sito di reviews lato cooling e pertanto ritroviamo politicamente ed eticamente scorretto approfittarsi degli utenti che ci permettono, grazie ai loro soldi, di portare a casa la pagnotta ogni mese a noi e alle persone presenti nel campo in tutti i suoi aspetti.

Giungiamo quindi ai fatti.

Oltre otto mesi fa dalla data di stesura di questo articolo, discutendo con una casa tuttora presente nel mondo del liquid cooling abbiamo potuto confermare i sospetti che da tempo ci balenavano per la testa; ovvero la presenza di un difetto di costruzione( e non di progettazione) di parecchi modelli di radiatori venduti ed attualmente in vendita, sotto i marchi di diversi operatori del settore.
Quello che molti di voi non sanno è che, nonostante siano presenti decine e decine di case che rivendono sotto i propri loghi i prodotti del loro catalogo, chi produce i radiatori sono tre/quattro aziende(di cui non faremo i nomi, per i motivi di cui sopra ) che ricevono i disegni dai vari progettisti, producono i radiatori secondo tali specifiche e li rispediscono al mittente che poi provvederà a rimarchiarli e a venderli secondo la propria rete di vendita; la quale, in Europa, è quasi interamente centralizzata a pochi distributori con sedi distaccate operanti all'interno dei singoli Paesi.
L'esternare il lavoro ad aziende terze che producono con costi bassi, permette quindi di immettere sul mercato un radiatore dal prezzo competitivo e dalle caratteristiche interessanti; si ottiene cosi una gamma che può competere anche con i produttori emergenti, i quali grazie ai bassi costi di realizzazione metterebbero in difficoltà chi produce i radiatori in paesi dove i costi di produzione sono più elevati basti pensare alla differenza di costo tra Italia e Cina.

Purtroppo questa politica improntata unicamente ad abbassare i costi, ha portato al verificarsi di un difetto costruttivo grossolano all'interno dei radiatori presente ormai da parecchi anni che può condurre a grossi deficit in termini di prestazioni soprattutto su impianti caratterizzati da basse portate.

 


Indietro 1/4 Avanti »

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM

COMUNICATI STAMPA DAI PARTNER

COLLABORIAMO CON