Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Just moved CTzen
    Data Registrazione
    Oct 2018
    Messaggi
    2
    Thanked: 0

    [Domanda] Radiatori: come sono fatti e come sono realizzati

    Ciao a tutti,
    causa scimmia personale, sono interessato al processo produttivo che porta alla realizzazione di un radiatore.
    Mi piacerebbe sapere come viene creato passo dopo passo.
    Se qualcuno avesse poi esperienza diretta (perché ci lavora o ci ha lavorato o ha conoscenti nel campo) sarebbe il massimo
    Ciao a tutti
    S&T


  2.   Sponsored Advertisements
      Guest
    To Remove Ads... Please   Login or Register  
  3. #2
    Administrator L'avatar di Damiano
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Località
    Uboldo (VA)
    Messaggi
    19,841
    Thanked: 607
    Il radiatore è ,schematizzando, un singolo tubo fatto a spirale su cui vengono installate/saldate delle alette per diminuirne il coefficiente di resistenza termica con l'ambiente, l'acqua percorrendo il tubo cede calore alle alette che di conseguenza raffreddano il liquido in uscita.
    Con il tempo la tecnologia si è evoluta e si è passati dal monotubo alle camere di espansione con multitubi(meno carico sulla pompa), questi sono poi stati schiacciati per diminuire il coefficiente di resistenza aerodinamica e le alette si sono via via sempre più evolute vantando forme geometriche sempre più complesse al fine di ottenere il massimo dalle portate d'aria in arrivo dalla ventilazione forzata(direi che ad oggi questo è l'unico campo su cui si sta lavorando). Ci sono infine i radiatori a piastre utilizzati nella applicazioni più spinte.
    http://www.coolingtechnique.com/rece...a.html?start=2

    Il processo produttivo è molto semplice e direi che rispecchia questo video:


    AI tempi di gloria mi cimentai pure io nella realizzazione di un passivo + un alettato; dovrebbero stare ancora da qualche parte nei meandri delle stanze di CT:
    Immagine 078.jpg

    Immagine-079.jpg

    Immagine-086.jpg

    Feci pure un frankenstein ibridando un WB con heatpipes e azeotropi cucinati in casa..
    Immagine 050.jpg


    Mia digressione a parte molto dipende dal target a cui ti vuoi rivolgere e ai macchinari a tua disposizione, i radiatori attuali - banda del buco a parte- sono radiatori fatti in massa da grossi costruttori mondiali(uno di questi sta esattamente nel paese da cui ti scrivo) con a bordo tecnologie rilevanti, qualità costruttiva elevata e processi produttivi all'avanguardia(solo di R&D investono cifre a 6 zeri e un rad attivo da 40kw/h di potenza costa si e no 150€ al "pubblico").
    Imo per tentare di ottenere qualcosa serve un idea fuori dagli schemi e funzionante in termini di efficienza energetica il che è tutto meno che semplice; aquacomputer ad esempio fa qualcosa del genere ma integra tutti i sui sistemi all'interno del proprio ecosistema e pertanto riesce a dare un valore aggiunto ai radiatori che si costruisce in casa.

    Benvenuto
    again........bu?u?b?q s? uo??n?o??? ???........niaga


  4. #3
    Very important CTzen L'avatar di M346
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    3,564
    Thanked: 36
    Citazione Originariamente Scritto da Damiano Visualizza Messaggio
    Feci pure un frankenstein ibridando un WB con heatpipes e azeotropi cucinati in casa..

    chè è sta roba?



Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •