Recensione Corsair Obsidian 250D

Lo spazio all'interno dell'Obsidian 250D è più che sufficiente per installarvi di tutto e di più, sempre tenendo in considerazione il suo fattore di forma mini-ITX; gli spazi però sono comunque angusti e Corsair, per venire incontro al cliente, ha pensato di adottare parti interne velocemente rimovibili, di modo da liberare spazio e creare un accesso agli interni molto più agevole; ne sono un esempio il supporto per la singola periferica da 5.25" (da notare di dimensioni "full-size") e la barra centrale che fa da supporto per le due ventole laterali. E' facile notare che senza di questi due si ha una più ampia possibilità di movimenti all'interno.

525 cage525 cage offside fan mountside fan mount off

Sempre in tema periferiche esterne, troviamo un sistema di installazione tool-less molto comodo; si sblocca una piccola linguetta in plastica posta sulla parte sinistra, si infila dal frontale il drive e la si ferma in posizione incastrando al suo posto la linguetta. Da notare la presenza, al contempo, di due fori asoli sullo stesso lato di questo sistema, necessari per installare con viti e cacciavite le periferiche più corte (vedi ad esempio rheobus, display, etc...).

 525 tool free       525 tool free 2       525 tool free back

Il vano per l'alimentatore è stato realizzato sul fondo; grazie a questa disposizione, l'Obsidian 250D case può ospitare qualsiasi alimentatore, con lunghezza massima pari a 200mm. L'installazione della periferica è semplicissima, si procede innanzitutto avvitandoci la griglia in acciao, per poi inserirlo dall'esterno spingendolo fino in posizione, e fissando infine la griglia al telaio. Notiamo la presenza di quattro gommini sul fondo che tengono leggermente sollevato l'alimentatore da terra facendolo respirare e smorzano le vibrazioni. Proprio sopra questo vano, poi, è stato ricavato il piatto scheda madre; si nota il classico scasso nella zona del socket, qui molto ampio grande praticamente quanto tutta la scheda, che permette di accedere comodamente al retro del dissipatore senza dover rimuovere la scheda madre dalla sua sede. Peccato solo che diventi inacessibile con l'alimentatore installato in sede.

psu bay rubber    mobo trayfoot height

Il reparto di storage è composto da un singolo cestello, non rimovibile, situato accanto all'alimentatore; è possibile installarvi sino a quattro drive, due da 3.5" e  due da 2.5"; anche per queste è previsto un sistema tool-less a slitte, munite di inserti metalicci che, sostituendo le viti, bloccano in posizione il drive.

hdd sledgehdd sledge detailssd sledgessd sledge detail


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM