Recensione Raidmax Vampire

Sotto il profilo tecnico, il Raidmax Vampire vanta alcune feature molto interessanti, tutte collocate sul tetto del case; sulla sinistra è installato il grosso pulsante di accensione mentre quello di reset è sulla destra; tra i due spunta il pannello di I/O composto da due porte USB 2.0 (sulla sinistra), due jack da 3.5" per cuffie e microfono, e due porte USB 3.0 (sulla destra); queste sono intelligentemente riparate dalla polvere da piccolo tappini in gomma. Non essendo questi legati in alcun modo al case prestate attenzione a non perderli quando li rimuovete.

Sullo spigolo destro troviamo un piccolo fan controller tramite il quale potrete regolare la velocità di tre ventole, per un massimo di 30W erogabili; agendo sulla levetta si può scegliere tra "High" and "Low", che impostano in realtà la velocità minima e media, mentre per lasciarle girare al massimo, ignorando del tutto lo switch, si deve attivare la modalità "X-Speed" premendo l'apposito pulsantino; un piccolo LED rosso si accenderà ad indicarvi il corretto funzionamento. E' anche possibile spegnere completamente le ventole agendo sull'ultimo pulsante sulla destra; un LED verde indica se il controller è acceso o spento.

Dall'altra parte c'è il bay hot swap da 2.5", inizialmente chiuso da un coperchietto in plastica per evitare l'infiltrazione di polvere o sporco; è realizzato a regola d'arte e non abbiamo avuto problemi di sorta nel suo impiego.

Raidmax Vampire hot swap 1Raidmax Vampire hot swap openedRaidmax Vampire hot swap ssd

Raidmax Vampire IO panelRaidmax Vampire IO panel capRaidmax Vampire fan controller

Di seguito nel dettaglio analizziamo cosa si cela dietro queste periferiche. Per quanto riguarda il pannello di I/O e il fan controller Raidmax ha studiato due distinti PCB di colore blu, fissati alla cover rispettivamente con tre e due viti; sulla destra il bay da 2.5" Hot-Swap, una scatoletta in plastica sul cui fondo sono installati i due connetti SATA per dati e alimentazione.

Raidmax Vampire elettronic

Tutte le schede sono realizzate a regola d'arte, con saldature tonde, lucide e lisce e una buona disposizione dei componenti; nel dettaglio notiamo ad esempio lo switch a due posizioni del fan controller, al cui fianco sono saldati gli switch per bypassare questo comando e per accendere/spegnere il controller stesso, con i relativi LED di stato. Una piccola nota negativa riguarda i connettori a 3 pin delle ventole che ci sono sembrati di scarsa qualità e soprattutto lasciano scoperte le connessioni.

Raidmax Vampire fan controller boardRaidmax Vampire fan controller connector

Raidmax Vampire hot swap box

Raidmax Vampire IO board frontRaidmax Vampire IO board backRaidmax Vampire IO board connector

Sul fronte dissipazione attiva il Raidmax Vampire monta sul frontale una ventola da 200mm in immissione, installata nello spazio tra il cestello degli hard disk e il telaio del case stesso; la ventola fornita in dotazione è di casa Raidmax, completamente trasparente con LED blu, ma non si conoscono ulteriori dettagli tecnici.

Sul retro si hanno più possibilità; il case è predisposto per una ventola da 120 o da 140mm (in dotazione, marchiata Raidmax della quale purtroppo non abbiamo trovato informazioni); c'è spazio anche per un radiatore monoventola da 120mm o da 140mm, anche se abbiamo qualche dubbio su quest'ultimo modello. Le misure in quella zona sono infatti un pò ristrette e già il radiatore da 120mm occupa tutto il volume.

Ricordiamo poi la griglia realizzata sulla finestra laterale, realizzata per installare fino a due ventole da 120mm (non fornita in dotazione); come detto è un particolare che non si vedeva da tempo, ma che può tornare molto utile per tenere a bada le schede video, soprattutto per chi punta ad usarne più di una; anche senza installare ventole extra (per non aumentare eccessivamente il rumore totale) questa griglia è un ottimo punto di sfogo dell'aria calda prodotta.

Per finire, sul tetto si possono installare fino a due ventole da 120 o 140mm, oppure una da 200mm, ad estrarre aria calda dall'interno del case; per gli appassionati del raffreddamento a liquido si può installare un radiatore biventola, restando però sulla tipologia slim. In realtà lo spazio qui è abbondante anche per un triventola, senza la necessità di alcuna modifica strutturale, anche se purtroppo l'ultima ventola non avrebbe da dove pescare aria fresca vista la presenza del pannello di I/O sul tetto del case.

Raidmax Vampire front fan

Raidmax Vampire back 120 fanRaidmax Vampire back 140 fanRaidmax Vampire back 120 radiator

Raidmax Vampire top 120 fanRaidmax Vampire top 140 fanRaidmax Vampire top 200 fanRaidmax Vampire top 120 radiator


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM