Recensione Antec ISK600

Tornando in tema Antec ISK600, eccoci finalmente alla fase più pratica della prova sul campo; abbiamo installato all'interno del case un sistema completo così composto:

  • Scheda madre AsRock H77M-ITX
  • Processore Intel Core i7 2600K
  • Dissipatore ad aria Zero Infinity SHIVA
  • Scheda video Zotac GeForce GTX275 AMP Ed.
  • Ram 1x2GB
  • Hard disk meccanico 500GB
  • Hard disk meccanico da 250GB
  • SSD da 128GB
  • Alimentatore Antec HCG 520 M

Siamo partiti, come sempre, dal posizionare l'alimentatore nel suo vano, avendo cura di rimuovere in anticipo i due supporti superiori per i drive così da avere massimo spazio di manovra; l'operazione è risultata molto semplice e veloce, ed una volta strette tutte le viti l'unità è ben salda nella sua posizione. Ricordatevi, prima di chiudere definitivamente il case, di collegare il cavo e mettere su "ON" l'interruttore.

Una piccola nota: abbiamo provato, per curiosità, a montare l'alimentatore al contrario, con la ventola rivolta verso l'interno, ma purtroppo non ci siamo riusciti poichè la presa è risultata troppo in basso e non si può quindi collegare il cavo.

Consigliamo infine, visti gli spazi interni comunque discreti, di optare per un alimentatore modulare, altrimenti faticherete non poco a nascondere tutti gli eventuali cavi in eccesso.

 

Antec ISK 600 integration psu 1Antec ISK 600 integration psu cableAntec ISK 600 integration psu lenght

 

Il passo successivo è il posizionamento della scheda madre; anche in questo caso nessun problema nelle operazioni in quanto lo spazio di manovra attorno è abbondante e si riescono ad avvitare con comodità le quattro viti. Come si nota, grazie alla posizione intelligente della scheda madre, il dissipatore, seppur voluminoso ed alto, ha tutto lo spazio necessario per lavorare bene e non è soffocato. Bisogna solo prestare attenzione al modello scelto per quanto riguarda la forma e le eventuali ventole da installare.

 

Antec ISK 600 integration moboAntec ISK 600 integration mobo 1Antec ISK 600 integration mobo 2ù

 

Uno dei possibili punti critici dei case Mini-ITX è la scheda video, perchè spesso risultano troppo lunghe o spesse; non è il caso dell'Antec ISK600, nel quale è possibile installare schede lunghe fino a ben 317mm, anche a doppio slot e con dissipatori più larghi del normale (come è il caso, ad esempio, della EVGA GTX 770 Classified). Nessun problema di spazio anche per i connetti ausiliari PCI-E, siano essi in verticale o in orizzontale.

Ed infatti, non abbiamo avuto alcuna difficoltà nell'inserire in posizione la nostra scheda video, seppur sia molto lunga e a doppio slot.

 

Antec ISK 600 integration vgaAntec ISK 600 integration vga top

 

Anche per quanto riguarda i drive, sia meccanici che a stato solido, non sono sorte complicanze; peccato solo per la mancanza di meccanismi tool-less visti in altri case, ma grazie alla possibilità di estrarre facilmente i due supporti, le operazioni sono ugualmente molto rapide e semplici.

Facciamo notare due particolari; in primis se utilizzate un dissipatore un po' alto, come nel nostro caso, non potrete più montare l'hard disk inferiore sul supporto centrale (come mostrato nella seconda figura da sinistra); in secundis, il supporto verticale per hard disk da 3.5" (terza foto da sinistra) non prevede nessun meccanismo per disaccoppiare il drive stesso dal telaio, con il conseguente possibile propagarsi delle vibrazioni.

 

Antec ISK 600 integration ssdAntec ISK 600 integration hddAntec ISK 600 integration hdd 1

 


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM