Recensione Zalman H1

Inserita ormai dal 1999 nel campo della dissipazione, Zalman è attualmente una delle aziende più attive nella produzione di dissipatori per CPU caratterizzati da un design che la identificano fortemente, dal carattere un po' futuristico e un po' retrò; qualcosa che va oltre la mera funzionalità puntando decisamente sull'impatto estetico e lasciando un ricordo indelebile in chi negli ultimi anni si è dedicato per lavoro o per passione alla dissipazione PC. Fin dalla nascita la casa Koreana ha sempre puntato al concetto di “Noiseless computing” che ha portato l'azienda ad un rapido successo facendola espandere prima alla dissipazione di altri componenti come VGA e poi alla produzione di alimentatori e case fino ad arrivare ad oggi con un portfolio ampio e diversificato.
Come ogni produttore che si immette in un nuovo campo ricco di concorrenza, come quello dei case per computer, Zalman ha avuto il suo ciclo di gavetta con un inizio dove pur creando componenti di buona ed anche ottima qualità, altri marchi riuscivano a farsi notare maggiormente, vuoi per un design più accattivante, vuoi per un rapporto prezzo/prestazioni migliore o per semplici e naturali dubbi sull'ultimo arrivato. La perseveranza però ripaga e ad oggi Zalman riesce a giocarsela piuttosto bene con i concorrenti puntando anche nell'ultimo periodo ad una campagna di restile, con nuovi prodotti che vanno dai case per HTPC fino ai Full-Tower, dove possiamo notare soluzioni dal design sobrio che strizzano l'occhio al gamer ed altre dal design più aggressivo ma sempre con un tocco di eleganza, un bilanciamento che riesce a non annoiare, senza strafare in un campo o nell'altro.
Ed è proprio uno degli ultimi case prodotti da Zalman che andremo oggi ad analizzare, un Full-Tower con più di una sorpresa denominato H1.

Partiamo come di consueto dalla caratteristiche tecniche dichiarate dalla casa:

zalman
Tipo Full Tower Case
Dimensioni (WxHxD) 237 x 551 x 569mm
Compatibilità scheda madre Standard XL-ATX / E-ATX / ATX / Micro ATX / Mini-ITX
Compatibilità PSU
Standard ATX / ATX12V
Compatibilità schede PCI/AGP
360mm
Drive Bays 5,25" 3
3,5" 7
Hot-swap
3.5"/2.5" HDD x 3EA
Common
Bay interni 5.25" / 3.5" / 2.5" x 1
Componenti dissipazione (Ventole) Top 120mm Fan Vent x 2 (2 Ventole incluse)
Poesteriore 120mm Fan Vent x 1 (1 Ventola inclusa)
Anteriore
200mm LED Fan x 1 (1 Ventola a led blu inclusa)
Cooling Kit
Ventola da 120mm addizionale x 1 (1 Ventola opzionale (Interna))
Fan controller
Controllo simultaneo per 2 canali
Supporto VGA
Si
Pannello laterale finestrato / ventilato
Si
Porte I/O Cuffie x 1, Microfono x 1, USB 2.0 x 2, USB 3.0 x 2, Display temperatura
Pannello laterale finestrato
Si
Slots per schede PCI
9 slot

          Zalman H1 Web 01Zalman H1 Web 02Zalman H1 Web 03


Il case Zalman H1 ci è consegnato in un involucro di cartone decisamente robusto che fa subito intuire sia per le dimensioni che per il peso a cosa ci troveremo difronte in seguito. La grafica è molto curata in ogni lato con una colorazione prevalentemente nera. Nelle due facce principali viene subito riportano uno dei cavalli di battaglia del case presentato tramite grandi foto che mettono in evidenza il top e soprattutto il pannello multifunzione I/O, il tutto adornato da bianche scritte in inglese riportanti marchio, nome del case ed un accenno alla ventilazione automatica.

Zalman H1 Imballo 01Zalman H1 Imballo 02

I lati minori seguono lo stesso schema dei fratelli maggiori sia per colorazione che, nella parte alta, delle stesse informazioni, per poi proseguire con una facciata dedicata ad un approfondimento in inglese sul funzionamento della ventilazione automatica e disegni di come il top si comporti in caso di attivazione o spegnimento del sistema.
Scendendo verso il basso vengono riportate le principali caratteristiche del case tramite una tabella ed inoltre ritroviamo i simboli per normative CE, RoHS e per lo smaltimento del prodotto, mentre nell'angolo opposto vi sono i vari codici a barre, luogo di produzione (Cina) e misure e pesi dell'intero imballo; il lato opposto riporta un riassunto meno schematico delle principali caratteristiche del case in otto lingue.

Zalman H1 Imballo 03Zalman H1 Imballo 04

Andando a tagliare il nastro adesivo trasparente personalizzato dal marchio Zalman ed accingendoci all'apertura, ci troviamo difronte al case inserito in una busta in cellophane trasparente ed incastonato fra due massicce sagome in polistirolo bianco che svolgono egregiamente il loro lavoro protettivo da polvere e soprattutto da eventuali urti o graffi durante le fasi di trasporto; da notare come sulla busta protettiva venga riportata lateralmente la frase in inglese a chiare lettere “Le buste in plastica possono essere pericolose. Per evitare pericoli di soffocamento tenere questo sacchetto lontano da neonati e bambini”.

Zalman H1 Imballo 05Zalman H1 Imballo 06Zalman H1 Imballo 07

Estratto lo Zalman H1 dal suo imballo ed aprendo il pannello laterale del case troviamo al suo interno gli accessori offerti in bundle contenuti in una busta in plastica trasparente a chiusura ermetica.
Precisamente sono presenti:

-Un manuale di istruzioni in bianco e nero esplicativo per un primo utilizzo del case.
-7 Stand Off per motherboard neri.
-6 viti 6-32 UNC x 5mm nere.
-35 viti M3 x 5mm nere.
-8 viti autofilettanti per ventole da 10mm nere.
-5 fascette nere.
-Cavo Hot Swap SATA/alimentazione per 3 HDD nero.
-Cavo prolunga 12V per alimentazione motherboard 8Pin con sleeving semicoprente nero.
-Adattatore 5,25”>3,5” preinstallato nel case.

Zalman H1 Bundle 01Zalman H1 Bundle 02Zalman H1 Bundle 03

In bundle sono inoltre comprese svariate ventole preinstallate di cui una da 200mm trasparente a led blu con frame circolare inserita in immissione nel frontale, una 120mm a pale bianche in estrazione nel posteriore e due 120mm sempre a pale bianche posizionate nel top in estrazione, utilizzate nel sistema automatico di ventilazione. La ventola da 200mm (ZY2022CSL) ha uno spessore di soli 20mm ed impiega un motore Sleeve Bearing da 700RPM massimi con un consumo di 0,2A ed utilizza un connettore tachimetrico 3Pin, mentre le ventole da 120mm (ZA1225ASL) utilizzano un motore Sleeve Bearing da 1600RPM massimi, 59,1 CFM e 26dB(A) dichiarati, con un consumo di 0,16A e connettore tachimetrico 3Pin.

Zalman H1 Fan 01 Zalman H1 Fan 02 Zalman H1 Fan 03 Zalman H1 Fan 04


Lo Zalman H1 è un case Full-Tower di colorazione nera dalle notevoli dimensioni, con un design classico delineato da linee decise movimentate in parte da inserti in mesh ed incavi funzionali, il che lo porta ad avere una presenza piuttosto monolitica. L'alternanza di parti metalliche e plastiche riesce a creare un'insieme di gradevole aspetto, senza formare distacchi cromatici e movimentando l'impatto visivo quel tanto che basta a renderlo convincente.

Zalman H1 Esterni 01Zalman H1 Esterni 02Zalman H1 Esterni 03Zalman H1 Esterni 04

Il frontale è principalmente plastico e formato da una concentricità di elementi e soluzioni sbalzate su vari livelli che lo portano ad avere un aspetto decisamente più gradevole rispetto ad un eventuale appiattimento del tutto, che lo avrebbe reso monotono e già visto.
Di colorazione completamente nera, parte esternamente con un bordo plastico per poi proseguire verso il centro con una cornice in mesh a maglia fine che si incava verso il basso fungendo da presa d'aria per la ventola anteriore. Proseguendo verso il centro del frontale si incontra di nuovo una parte in plastica inglobante nella parte superiore l'immancabile marchio dell'azienda a lettere argentate e che, bombandosi nella parte inferiore, riporta il frontale a livello. La parte centrale del frontale è elegantemente ricoperta di un fine strato di alluminio spazzolato integrando le tre cover per slot da 5,25” ed una aggiuntiva presa d'aria a scomparsa; premendo in prossimità della scritta “push” infatti, la zona centrale del frontale emerge verso l'esterno scoprendo forature laterali che aumentano il pescaggio d'aria della ventola anteriore e fanno gradevolmente fuoriuscire la sua illuminazione a led blu, unica zona inoltre a presentare internamente un filtro per la polvere in plastica semirigida, accessibile solo ad avvenuta rimozione del frontale.

Zalman H1 Esterni 05 Zalman H1 Esterni 06

Il principale pannello laterale riporta in grandi lettere grigie il nome del case ed integra una finestra rettangolare in acrilico trasparente che permette di mostrare completamente l'hardware installato all'interno, tenendo nascosti solamente i box per HDD e le unità da 5,25”; la sua controparte posteriore invece non presenta alcuna peculiarità.

Il posteriore ha le principale caratteristiche di ogni case, con zona superiore adibita al foro per l'installazione della maschera per I/O della motherboard ed alloggiamento con griglia a nido d'ape per il montaggio di una ventola da 120/140mm (ventola da 120mm fornita in bundle). Scendendo verso il basso ritroviamo ben 9 slot per periferiche PCI che fanno già percepire la possibilità di installazione di schede madri in formato LX-ATX, 4 fori gommati per il passaggio dei tubi di eventuali impianti di raffreddamento a liquido con componenti esterni e, nella zona inferiore, il foro di alloggiamento per l'alimentatore. Nell'estrema parte superiore ci sono inoltre due ulteriori fori circolari da aprire tramite rottura del tappo interno mentre sui bordi esterni troviamo le quattro viti tool-less con copertura plastica zigrinata per il serraggio degli sportelli laterali.

Zalman H1 Esterni 07 Zalman H1 Esterni 08 Zalman H1 Esterni 09

Passando al fondo ci saltano subito all'occhio due grandi filtri plastici estraibili che fungono da protezioni dalla polvere per la grande griglia a nido d'ape che prende l'intera lunghezza del case, fornendo pescaggio d'aria all'alimentatore e ad eventuali ventole aggiuntive; quattro imponenti rialzi trapezoidali forniti di gommatura antiscivolo trovano alloggiamento sui quattro angoli fungendo da base d'appoggio al case.

Zalman H1 Esterni 10  Zalman H1 Esterni 11


Esplorando l'interno dello Zalman H1 ci rendiamo subito conto del notevole spazio a nostra disposizione. L'impostazione non presenta nulla di nuovo, con anteriore adibito a periferiche da 5,25” nella parte alta e da 3,5” e 2,5” nella parte bassa e slot alimentatore nel fondo, il tutto in una solida verniciatura nera opaca, ma anche al primo colpo d'occhio si fanno notare le diverse accortezze contenute.

 Zalman H1 Interni 01Zalman H1 Interni 02Zalman H1 Interni 03Zalman H1 Interni 04

Rimosso il frontale nel consueto modo con sgancio delle clip tramite trazione dalla maniglia inferiore portiamo a nudo il telaio anteriore. Nella zona superiore sono presenti quattro slot da 5,25” di cui i due superiori pronti all'uso, mentre i due inferiori prevedono la rottura di una mascherina anteriore riavvitabile per essere utilizzati;lo slot inferiore dei quattro non trova alcuno sbocco esterno sul frontale e serve solamente per alloggiamento di periferiche da 5,25” interne. L'installazione delle periferiche da 5,25” è pensata per essere tool-less, infatti la parte sinistra degli slot è munita di clip di aggancio che grazie ad una semplice pressione nella zona evidenziata dalla scritta PUSH sollevano i due perni interni, mentre una volta alloggiata l'unità in posizione basterà fare pressione nella zona opposta per effettuare il serraggio; la controparte opposta non ha questo sistema di aggancio ma è lasciata alla sola pressione di alette metalliche ricavate dalla lamiera, anche se è presente la possibilità di utilizzare viti, cosa che per periferiche che prevedono movimento come le unità ottiche o di masterizzazione sarebbe consigliata.
Nella zona inferiore del frontale trova alloggiamento la grande ventola da 200x20mm ancorata tramite viti da 30mm in due lamiere più interne rispetto al resto, infatti la ventola ha fori di aggancio con distanza pari a quelli di una 180mm ed il telaio presenta dei ritagli laterali appositi per il frame, un escamotage che permette l'utilizzo di una ventola di dimensioni maggiori rispetto alle reali possibilità a disposizione, sia per quanto riguarda il posizionamento dei fori, sia per l'ingombro in spessore.

Zalman H1 Interni Frontale 01 Zalman H1 Interni Frontale 02 Zalman H1 Interni Frontale 03

Posizionati sotto gli alloggiamenti da 5,25” troviamo due box per unità di memorizzazione da 3,5” e 2,5”. I box si trovano esattamente davanti alla ventola anteriore posizionati uno sopra l'altro e permettono l'istallazione di 3 unità ciascuno, sia che si parli di HDD da 3,5”, sia che si parli di SSD o HDD da 2,5”. L'alloggiamento delle unità avviene tramite utilizzo di slitte in plastica a sgancio rapido che scorrono nei box tramite ruote laterali gommate con funzione antivibrazionale. Il sistema non è del tutto tool-less, infatti le unità da 3,5” possono essere montate semplicemente allargando la slitta incastrandole all'interno in due fermi per lato, mentre le unità da 2,5” prevedono l'utilizzo di quattro viti su altrettanti fori posizionati sul fondo delle slitte. Il box superiore dei due è removibile tramite tre viti zigrinate che andranno svitate per far si che il box possa scorrere su delle slitte verso l'esterno, il tutto per massimizzare lo spazio per eventuali VGA dalla notevole lunghezza o “solamente” per togliere un consistente ostacolo all'aria in ingresso dall'anteriore.
La possibilità di rimozione di uno dei box e la loro struttura vanno ad influire un po' sulla solidità facendo risultare i due box sottotono rispetto alla qualità generale del case.

Zalman H1 Interni HDD 01Zalman H1 Interni HDD 02

Il motherboard tray si presenta decisamente solido con la parte centrale forata da una grande finestra per facilitare l'installazione dei dissipatori CPU e contornata da numerosi passaggi per i cavi, di cui ben otto nella parte inferiore e destra di notevoli dimensioni ed equipaggiati di tappo forato in gomma, più alcuni fori più piccoli a scomparsa nella parte superiore per il passaggio di cavi ventole ed alimentazione scheda madre. Il case può ospitare motherboard che vanno dal formato Mini-ITX fino all' E-ATX e XL-ATX e la sagoma di ognuno di questi è riportata tramite linee e nomi incisi sul tray, facilitando il colpo d'occhio per l'inserimento dei distanziali di montaggio.
Passando alla zona posteriore si nota subito come oltre ai fori per il passaggio dei cavi vi siano ben quattordici asole ricavate dalla lamiera adibite alla sistemazione dei cavi che rendono lo spazio a disposizione più che sufficiente per un ottimo cable management, spazio che varia dai 17mm ai 27mm a seconda delle zone.

Zalman H1 Interni Int 01 Zalman H1 Interni Int 02 Zalman H1 Interni Int 03

Il fondo dello Zalman H1, come abbiamo visto dall'esterno, presenta una griglia a nido d'ape che prende la sua intera lunghezza, protetta tramite due filtri ed adibita principalmente al pescaggio dell'aria da parte dell'alimentatore. Quest'ultimo, di lunghezza massima di 200mm, trova alloggiamento nella zona posteriore poggiando su quattro rialzi gommati che ne attenueranno le vibrazione e ne miglioreranno il pescaggio della ventola, mentre la parte centrale del fondo presenta dei fori apparentemente adibiti all'installazione di una ventola da 120mm tramite viti esterne, anche se non espressamente menzionato nelle caratteristiche del case; altri quattro fori sono presenti anche sotto il box per gli HDD e dunque apparentemente inutilizzabili, anche se il box può essere facilmente rimosso tramite una vite interna e due esterne, rendendo il fondo capace di ospitare anche un radiatore da 240mm, senza troppo impegno, pur perdendo gli alloggiamenti per unità di memorizzazione.

Zalman H1 Interni Bottom 01

Il retro del case rispecchia ovviamente le caratteristiche viste dall'esterno, infatti nella parte inferiore troviamo il foro per l'installazione dell'alimentatore tramite le consone quattro viti esterne, orientabile sia con ventola verso il fondo filtrato o verso l'interno. I nove slot per schede PCI sono coperti da altrettanti tappi in tinta con gli interni e completamente forati, decisamente solidi, removibili e riutilizzabili tramite comode viti in metallo con copertura plastica zigrinata per uso sia manuale che tramite giravite. Nella parte superiore vi è l'alloggiamento con griglia a nido d'ape per ventole da 120/140mm dove troviamo preinstallata una ventola Zalman da 120mm.

Zalman H1 Interni Back 01 Zalman H1 Interni Back 02 Zalman H1 Interni Back 03 Zalman H1 Interni Back 04

Come ultima feature all'interno dello Zalman H1 troviamo una staffa in plastica posizionata centralmente che va dal fondo al top del telaio con tre supporti da poter spostare a piacimento. I supporti hanno la funzione principale di andare a sorreggere le VGA installate, utile soprattutto per le più voluminose che nel tempo tendono a far sentire il peso del dissipatore sul PCB, ed inoltre, grazie ai fori presenti in ogni supporto, due di questi possono essere ruotati e spostati alla giusta distanza per poter installare una ventola in posizione verticale, così da poter indirizzare un flusso d'aria su di un ipotetico dissipatore CPU passivo o magari dissipatori passivi delle VGA sotto raffreddamento a liquido. La staffa è agganciata tramite clip ad incastro sul fondo e tramite una vite sul top con possibilità di essere installata in tre posizioni in base all' hardware.

Zalman H1 Interni Staffa 01 Zalman H1 Interni Staffa 02


Abbiamo voluto lasciare la descrizione del top dello Zalman H1 per ultima data la sua peculiare caratteristica e punto di forza, infatti il case è dotato di controllo automatico delle ventole in base alla temperatura ma a differenza di altri case, all'accensione delle ventole superiori il top apre automaticamente delle feritoie per la fuoriuscita dell'aria calda, ma andiamo ad analizzare in dettaglio la struttura ed il funzionamento di questo sistema.

Zalman H1 Top 01

Il top è in plastica e di notevole altezza alloggiando nella parte anteriore un pannello I/O con controllo ventole integrato mentre nella parte posteriore possiamo notare l'alternanza di cinque paratie rivestite di alluminio nero spazzolato.
Il pannello I/O risulta obliquamente incavato e diviso in due zone, la parte inferiore appare come un normale pannello integrando due porte USB 3.0, due porte USB 2.0, jack per microfono e cuffie ed i due pulsanti di accensione e reset, mentre nella parte superiore troviamo l'intero sistema di controllo delle ventole e del sistema automatizzato. A sinistra sono presenti due potenziometri per la gestione manuale della velocità della ventola anteriore e posteriore mentre il resto è dedicato alle due ventole superiori accoppiate in un solo potenziometro ed alla loro gestione automatica. Il sistema prevede l'utilizzo di un sensore per la costante lettura della temperatura che apparirà visualmente nel piccolo schermo a due cifre a caratteri blu nella destra del pannello, quando la temperatura letta dal sensore raggiungerà i 35° o i 45° (impostabile tramite apposito pulsante “temp.setting”) le due ventole verranno alimentate ed in concomitanza le cinque paratie superiori verranno alzate permettendo la fuoriuscita dell'aria calda; il tutto è gestibile anche manualmente cambiando modalità tramite il tasto “setting” e variando la velocità delle ventole tramite l'apposito potenziometro.

Zalman H1 Top 02

Rimuovendo il top dal case andiamo ad osservare il funzionamento in dettaglio.
Scoprendo il telaio superiore notiamo che le due ventole da 120mm preinstallate si trovano rialzate rispetto al resto ed avvitate ad un telaio rettangolare che ci da la possibilità di utilizzare ventole da 120mm in due differenti posizioni ed inoltre ventole da 140mm; possono essere utilizzati radiatori per sistemi di raffreddamento a liquido da 240mm e 280mm, purché rientranti nelle misure del telaio rialzato di 318x168mm o installati al disotto delle ventole sfruttando il maggior spazio all'interno del case.

Zalman H1 Top 03

Il controller per ventole si compone di un solo PCB che integra il tutto, dai tre potenziometri fino allo schermo per la temperatura, ed è denominato “Z15 Fan-Control_V3”. Sul retro sono presenti tutti i cavi per la sua gestione, di cui uno per alimentazione tramite molex 4Pin non removibile, tre attacchi per ventole tachimetriche nel quale vengono posizionate delle normali prolunghe 3Pin di cui una sdoppiata ad Y per le due ventole superiori, il sensore temperatura non removibile che non è altro che un termistore NTC con filo isolato da una goccia di resina della grandezza di 3mm, ed infine il connettore di alimentazione 4Pin per il motore passo-passo da 12V (24BYJ48A) che aziona il meccanismo di apertura superiore.

Zalman H1 Top 04 Zalman H1 Top 05

Svitata la parte del meccanismo di apertura delle paratie notiamo come il funzionamento avviene tramite un sistema semplice ma efficace. Posizionate su di una griglia a nido d'ape vi sono le cinque paratie integranti due supporti ad L che terminano da un lato in occhielli di fissaggio per la rotazione e dall'altro, lato in cui si trova il motorino, sempre in occhielli ma riportanti dentature esterne. Il tutto funziona tramite una barra laterale che fa combaciare gli occhielli dentati con altrettanti fori anch'essi dentati, ed una volta alimentato il motorino collegato alla barra, in concomitanza con l'alimentazione delle ventole, essa verrà spostata avanti ed indietro alzando ed abbassando le paratie.

Zalman H1 Top 06Zalman H1 Top 07Zalman H1 Top 08Zalman H1 Top 09

Ed ecco un esempio del funzionamento

Zalman H1 Top 10


Procediamo con l'installazione dell'hardware all'interno dello Zalman H1 iniziando con l'alloggiamento dell'alimentatore nella sua sede.
Per prima cosa togliamo la barra per il sostegno delle VGA che altrimenti sarebbe solo d'intralcio, tolta la vite superiore basta stringere l'aggancio inferiore per sfilarla dalla sede con facilità.
La paratia con foro di installazione dell'alimentatore è decisamente solida e con fori precisi, inoltre i quattro rialzi gommati aiutano anche a non farlo scorrere durante l'operazione.

Zalman H1 Montaggio hardware 01

Passando all'installazione della motherboard ed utilizzandone una in formato ATX abbiamo dovuto avvitare altri tre distanziali, aiutati anche dalle incisioni dei formati presenti sul tray. Non vi sono stati particolari problemi, la mascherina I/O va agganciata in una sede decisamente precisa e si è di certo non si è sofferta la mancanza di spazio per le manovre data la grandezza del case. Per l'alimentazione 8Pin della scheda madre ci è tornata utile, anche se per pochi centimetri, la prolunga fornita in bundle, così da far passare il cavo dal retro guadagnandone decisamente in pulizia ed estetica.

Zalman H1 Montaggio hardware 02

Andiamo dunque ad installare la VGA, la rimozione dei due tappi PCI necessari per il montaggio è decisamente veloce e tool-less e la VGA va in sede senza problemi, per poi serrarla con le stesse due viti zigrinate.
Passiamo alle periferiche di memorizzazione andando ad installare un HDD meccanico da 3,5” ed un SSD da 2,5” nel box inferiore, in modo da poter estrarre quello superiore per ogni evenienza. Per l' HDD meccanico è bastato allargare una delle due slitte in plastica ed incastrarlo all'interno grazie a due sporgenze plastiche per lato che fungono da viti tenendolo fermo, mentre per l' SSD si è dovuti ricorrere a quattro viti per gli altrettanti fori inferiori dell'unità, almeno in questo modo si hanno le periferiche con le connessioni posteriori allineate, ed abbiamo potuto utilizzare il cavo da tre periferiche SATA presente nel bundle; utilizzando un adattatore 3,5”>2,5” nella maggioranza dei casi le connessioni non sarebbero allineate. Le slitte sono ben fatte e l'intero sistema, compresa la rimozione del box superiore, è molto semplice e ben ideato, anche se una maggior solidità dei box non avrebbe guastato.
Installato il tutto andiamo ad effettuare le connessioni facendo passare tutti i cavi verso il retro tramite le forature gommate, molto comode, e di certo lo spazio posteriore non manca per effettuare un efficace cable management, anche se lo spessore non è ovunque molto, la grande superficie disponibile e la grande quantità di asole per fascette ci danno molte possibilità di sistemazione, rendendo l'anteriore decisamente pulito e privo di ogni intralcio. Non ci dimentichiamo di certo di sistemare il sensore termico dalle parti del dissipatore CPU per il funzionamento automatico della ventilazione superiore.

Zalman H1 Montaggio hardware 03 Zalman H1 Montaggio hardware 04

Infine andiamo a rimontare la staffa per dare sostegno alla VGA, togliamo due dei tre supporti in quanto una sola scheda è presente nella configurazione e non c'è bisogno di installare ventole per areazione aggiuntiva. Il risultato finale è decisamente pulito e lo Zalman H1 fa la sua figura apparendo in tutta la sua grandezza.

 Zalman H1 Montaggio hardware 05 Zalman H1 Montaggio hardware 06


Procediamo analizzando l'areazione interna dello Zalman H1 andando a testare le temperature di CPU e VGA nelle condizioni di IDLE e FULL e constatando le differenze con hardware senza restrizioni montato su di un banchetto da test.
I componenti che utilizzeremo saranno i seguenti:
CPU Intel Pentium G2020
Motherboard MSI Z68MA-ED55 (B3)
Ram Kingston Value 2x4Gb
VGA ATI Radeon HD 4850 Gainward GS
SSD Intel X25-M G2 80Gb
HDD Samsung Spinpoint F4EG 2Tb
Alimentatore Corsair HX520W
Dissipatore CPU Prolimatech Lynx
Pasta termica Prolimatech PK-1
Le temperature dei componenti sono state raccolte ad una temperatura ambiente approssimativamente di 18° senza effettuare modifiche tra i vari step e con ventole case a 12V, mentre le ventole per la dissipazione di CPU e VGA sono state lasciate alla gestione dei rispettivi BIOS.
Di seguito riportiamo gli screen dei test prima su banchetto e poi sullo Zalman H1 in configurazione stock e dunque con una ventola da 200mm in immissione sul frontale, una ventola da 120mm in estrazione nel posteriore e due ventole da 120mm in estrazione sul top.

Banchetto Zalman H1
 




IDLE
IDLE-Banchetto IDLE



 FULL CPU
FULL-CPU-Banchetto FULL-CPU




FULL GPU
FULL-GPU-Banchetto FULL-GPU

 

Le temperature in IDLE si attestano più o meno sullo stesso range, con qualche minimo guadagno per la CPU in configurazione all'interno dello Zalman H1 che fa registrare mediamente 1° in meno ma con situazione inversa per la VGA. La condizione cambia per la CPU in FULL dove, pur con il grande flusso d'aria del case Zalman soprattutto in estrazione, i test fanno registrare temperature mediamente di 2° inferiori sul banchetto. Durante gli stress test la VGA non sembra giovare di nessuna delle due situazioni assestandosi praticamente sulle medesime temperature registrate ai medesimi RPM della ventola della propria dissipazione.


Con l' H1 Zalman ha dimostrato che ancora oggi, sfoderando nuovi prodotti, riesce ad essere pienamente competitiva riuscendo ad amalgamare alcune caratteristiche che all'utente finale non possono che far piacere. Lo Zalman H1 è un case dall'aspetto serioso ma non troppo, quel misto che riesce a trasmettere eleganza ma con quei piccoli particolari, estetici e non solo, che ti fanno ricordare che sotto sotto l'anima è ancora quella orientata al gamer.
Le molteplici features adottate ci permettono di installare in maniera agevole l'hardware, potendo contare su materiali di ottima qualità che conferiscono un' eccellente solidità al prodotto il quale gode anche di una notevole facilità di utilizzo grazie alle molteplici configurazioni che ci consentono di avere un sistema ordinato, pulito, ben areato e funzionale.
Il grande spazio interno a disposizione durante l'utilizzo di una motherboard ATX ci fa subito ricordare come questo case sia comunque pensato per arrivare ad installare schede XL-ATX ed E-ATX avendo a disposizione ben 9 slot PCI, risultando nell'insieme non di certo dalle dimensioni contenute.
Il sistema di gestione delle ventole integrato nel frontale unito al sistema di gestione automatico delle due ventole superiore si presenta come una features aggiuntiva sicuramente apprezzata, dandoci modo di controllare la ventola anteriore e posteriore impostando la velocità manualmente in base alle nostre esigenze, mentre il sistema automatico pensa a regolare lo smaltimento del calore in eccesso durante sessioni di stress azionando le ventole e facendo aprire le sue cinque paratie superiori, un sistema che esteticamente può piacere e non, a seconda dei propri gusti.
Ovviamente niente è perfetto e qualche pecca la si è potuta riscontrare anche in un case di questo livello. Il sistema di gestione automatica funziona molto bene ed in modo reattivo aprendo la paratia al raggiungimento dei 35° o 45°, ma presenta un punto debole, se per caso la temperatura letta dal sensore sale in modo lento o addirittura si stabilizza a cavallo di uno dei due step impostabili si incorrerà in un loop infinito di aperture e chiusure delle paratie, evento decisamente fastidioso che ci porterà a variare la temperatura di step o a passare all'impostazione manuale. I box per l'installazione degli HDD sono progettati in modo intelligente per poter estrarre il superiore in modo veloce e senza l'ausilio di utensili, aumentando la lunghezza delle VGA da poter installare e/o eliminando un ostacolo all'aria in ingresso, ed anche le slitte sono adeguatamente pensate per ammortizzare decentemente le vibrazione trasmesse, però la struttura dei box è sottotono rispetto al resto del case risultando “leggera” e portando ad avere qualche vibrazione in più che poteva essere risparmiata.
Lo Zalman H1, pur essendo un case dalle notevoli dimensioni, non è prettamente pensato per ospitare sistemi di raffreddamento a liquido complessi permettendo su carta di installare un solo radiatore da 240/280mm sul top e non di spessori importanti, limitando la compatibilità praticamente ad i soli impianti a liquido AIO; inoltre con l'utilizzo di un radiatore sul top non si potrà sfruttare il sistema di controllo automatizzato in quanto risulterebbe comunque perennemente aperto o porterebbe ad avere diversi problemi nella gestione della dissipazione dello stesso. C'è comunque da ricordare, che anche se non espressamente indicato, può essere alloggiato un secondo radiatore da 240mm sul fondo eliminando anche il box HDD con il semplice ausilio di un giravite.
A parte qualche particolare lo Zalman H1 risulta essere un case dalla struttura solida e dagli ottimi materiali, con numerose features interessanti, dal notevole spazio interno con possibilità di montaggio praticamente di qualsiasi tipo di hardware e con un design che facilmente può venir apprezzato da una vasta fascia di utenti, il tutto condito da un bundle alquanto ricco sia di ventole che di accessori ed una verniciatura opaca impeccabile e resistente.
Con un prezzo che varia dai 130€ ai 140€ si attesta inoltre in una fascia decisamente interessante che gli permette fare concorrenza a case decisamente meno equipaggiati di lui da un punto di vista tecnico minando seriamente anche il posizionamento dei full tower più spinti e venduti a cifre superiori.

 

Nome prodotto PRO CONTRO Award tecnici
Award prestazionali

zalman
H1

+ Struttura solida
+ Ottima verniciatura
+ Ampia compatibilità con l' hardware
+ Notevole spazio interno
+ Porte USB 3.0
+ Controllo ventole integrato
+ Controllo automatico ventole superiori in base alla temperatura con apertura delle paratie
+ Ampia dotazione di serie
+ Staffa si supporto per VGA
+ Filtri antipolvere nei punti chiave
+ Quasi interamente tool free

- Gestione automatica delle ventole migliorabile per quanto riguarda le temperature di transizione
- Box HDD di solidità inferiore al resto
- Poche agevolazioni per impianti di raffreddamento a liquido date le dimensioni
- Filtro antipolvere anteriore di non facile reinserimento con frontale inserito

 ct gold technical


ct high performance

Si ringraziano Zalman e IDP srl per l'esemplare oggetto dell'articolo odierno.
Commenti sul forum.