Recensione Bitfenix Aurora

Ed eccoci di fronte al case. Che dire? Le due paratie in vetro si fanno subito notare, e fanno davvero una bella figura! Si può già percepire, senza avvicinarsi, la differenza che c'è tra le classiche finestre in plexiglass e queste paratie in vetro temprato: tutto un altro effetto. Look total black, per una linea più elegante e fine; vetro fumè da un lato, e (praticamente) a specchio dall'altro, forma nel complesso squadrata, mossa però da linee curve sul frontale e sul top. Nel complesso risulta molto elegante e pulito, senza però essere il "solito" case nero; si abbina quindi facilmente ai gamer, ma si sposa bene anche con un ambiente lavorativo.

Gli ingombri totali sono pari a 215x490x520mm, piuttosto contenuti per un case di questa fascia, ed un peso totale pari a circa 10Kg, il 90% dei quali è dovuto dai due grossi (e spessi) vetri. Il Bitfenix Aurora può ospitare praticamente tutti i principali formati di scheda madre, dall'E-ATX al mini-ITX; c'è inoltre spazio per sette schede di espansione e quattro hard disk da 3.5" e tre da 2.5".

Molto interessante la soluzione adottata da questo Aurora per la ventilazione. Come in tutti i case recenti di fascia alta, le griglie anteriore e spesso anche quella superiore, non sono più a vista, ma si cerca di nasconderle; questo per due semplici motivi, ovvero da un lato ridurre il rumore emesso dal case, dall'altro per un migliore impatto estetico. Rispetto ai concorrenti, che solitamente sfruttano griglie poste sui bordi del pannello frontale, Bitfenix ha pensato, per cosi dire, ad una frontale su due piani, dove al primo piano è posta la griglia vera e propria, nascosta da una sagoma in plastica, rastremata al centro, installata al primo piano. Questa soluzione è molto particolare e crea un effetto all'occhio interessante, semplice ed accattivante, oltre che funzionale: probabilmente rispetto ad altre soluzioni, si riesce ad ottenere un flusso d'aria significativamente superiore.

Sul tetto invece, l'aria passa attraverso due serie di feritoie create lungo ciascun bordo, oltre che attraverso a due piccole aperture simmetriche create al centro della maschera stessa (anche se probabilmente queste sono una soluzione più estetica che funzionale).

I due pannelli laterali sono realizzati totalmente in vetro temprato, con uno spessore di ben 3.5mm; sono davvero molto pesanti, ma anche robusti. Il vetro di sinistra è fume scuro, e diventa lui stesso una gigantesca finestra laterale sul vostro hardware; quello di destra è invece totalmente opaco grazie ad una pellicola adesa al vetro stesso, cosi da nascondere il retro del case ed ottenere una finitura praticamente a specchio. Entrambi i vetri, per evitare qualsiasi problema, hanno bordi e angoli perfettamente stondati e un sottile riporto in gomma lungo tutti i bordi che aumenta il grip.

 

aurora case frontaurora case back  aurora case top 45

aurora case side 1aurora case side 45aurora case front 45aurora case side

 

Nel complesso l'abbinamento plastica opaca e vetro lucido, seppur sulla carta sembri essere non fattibile, ci è piaciuto, e il Bitfenix Aurora ne rappresenta il giusto equilibrio. I due vetri sono di ottima qualità e fattura, ma state sempre attenti nel maneggiarli; se volessimo trovare il pelo nell'uovo, le plastiche sono forse un gradino sotto, per via di un paio di piccole imperfezioni che abbiamo notato.


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM