Recensione Noctua NH-L12

La soluzione dissipante che Noctua offre per i sistemi HTPC e per i case a basso ingombro in generale è una delle soluzioni più complete e competitive attualmente presenti sul mercato, con una cura verso il prodotto minuziosa in ogni sua minima parte e con una dotazione accessoristica da far invidia alle soluzioni concorrenti di fascia alta.
Partendo proprio da quest'ultima, il bundle che avremo a disposizione con questo L12 ci mette praticamente al riparo da ogni situazione in cui potremmo incorrere e ci permette un ampio raggio di manovra grazie ai due adattatori di downvolt, al cavo Y passante pwm, che ci permette di condividere il segnale della scheda madre tra le due ventole, e il cavo di prolunga in grado di consentire un installazione pulita e funzionale del tutto; completano il quadro inoltre il più che efficiente e comodo sistema di ritenzione secufirm II e il tubetto di pasta termoconduttiva di fascia alta NT-H1 basata su ioni di argento
Valore aggiunto sono inoltre le due ventole PWM NF-B9 e NF-F12, soluzioni ventilanti di fascia alta e di recente introduzione sul mercato, in grado di offrire prestazioni di rilievo in quasi tutti i campi di interesse che vedono le due soluzioni implementate come alcune delle ventole maggiormente prestazionali e silenziose, al tempo stesso, grazie al lavoro portato avanti dall'azienda sulla gestione dei vortici pre e post ventola di cui abbiamo lungamente parlato nell'articolo di riferimento.
Per ciò che concerne il dissipatore vero e proprio, ancora una volta Noctua non si smentisce, presentando una soluzione tutto sommato semplice ma decisamente ben realizzata e curata sotto i suoi vari aspetti, sicuramente da notare sono, a tal proposito, le saldature in lega presenti tra le heatpipes e i vari punti di interfacciamento termico, il rivestimento in nichel effettuato su tutte le parti in rame per evitarne il naturale ossidamento e la spazzolatura delle zone a vista per dare al prodotto un estetica che alla vista risulti sobria ed elegante.
Le prestazioni dell'NH-L12 risultano infine in linea con quanto offerto dalla proposta dell'azienda, la presenza delle quattro heatpipes a singolo punto di condensa e l'assenza del dissipatore di buffer creano qualche problema nelle fasi a basso carico termico dove il dissipatore accusa un ritardo a 40 e 80W rispettivamente di 0,7°C e 0,6°C nei confronti del Cooler Master GeminII SF524, suo diretto contendente, mentre si mantiene nettamente più competitivo sui wattaggi intermedi e medio alti dove, a 150W, fa segnare un timido -0,1°C nei confronti dell'SF524 il quale tuttavia riprenderà il largo a 200w a causa dei primi fenomeni di innalzamento della temperatura interna(collasso termico) che si presentano sull'NH-L12 a poco più di 170W; valore che se si pensa al settore "low consumption" cui è indirizzato il prodotto fa sicuramente capire l'ampio margine di sicurezza che è in gardo di offrire anche nel momento in cui sia presente una cattiva gestione dei flussi interni al chassis.

Il Noctua NH-L12 viene attualemnte venduto sul mercato nazionale ad un costo, iva inclusa, che si aggira sui 50€, esborso di una decina di euro superiore alla diretta concorrenza che tuttavia trova ampia giustificazione nella dotazione di serie che offre solo come reparto ventilante circa 35€ di valore commerciale.

Nome prodotto PRO CONTRO Eventuali Award


noctua

Noctua NH-L12

+ Ottima qualità dei materiali
+ Costruzione ai vertici di categoria
+ Ampio e curato bundle
+ Ventole performanti
+ Controllo PWM
+ Buone prestazioni a 120 e 150W
+ Sistema di ritenzione a controdadi
+ Presenza di saldature in lega

- Assenza del dissipatore di buffer

ct best value

Si ringrazia Noctua per la fornitura dell'esemplare oggetto dell'analisi odierna.
Commenti sul forum.


« Indietro 10/10 Avanti

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM