Recensione Raijintek TISIS e Pallas

A  corredo con il Raijintek Pallas trattandosi di un dissipatore a basso profilo avremo una ventola da 140mm con soli 13mm di spessore; si tratta della Aeolus α, una vecchia conoscienza già vista con L'Ereboss di cui riproponiamo per comodità l'analisi di seguito:

.. L'Aeolus α prevede nuovamente un telaio full frame di colorazione rossa che ingloba al suo interno tredici profili ventilanti nuovamente di colorazione bianca o panna se proprio vogliamo essere maggiromente precisi.

raijintek-140mm-fan-1raijintek-140mm-fan-2raijintek-140mm-fan-3raijintek-140mm-fan-4

Impressionante in questo caso risulta il lavoro di ottimizzazione svolto sulla ventola che con i suoi 13mm di altezza si posiziona come una delle 140mm più sottili presenti sul mercato senza che questo influisca in maniera sensibile sulle doti prestazionali del prodotto.
Il segreto sta tutto nel numero e nell'inclinazione dei profili palari che vantano una copertura quasi integrale della sezione cilindrica della ventola e offrono delle linee di taglio nettamente conservative con degli angoli di attacco molto bassi che consento di orientare la soluzione ventilante al pescaggio a dispetto della pura pressione statica che, nel caso specifico, ha un margine di influenza secondario nell'analisi delle prestazioni essendo l'Ereboss un dissipatore a bassso coefficiente di attrito aerodinamico come vedremo nelle pagine successive.

raijintek-140mm-impeller-1raijintek-140mm-impeller-2

Discorso diverso riguarda invece il Nemesis; qui grazie alle generose dimensioni e allo spazio lasciato tra le due torri abbiamo tra le mani due 140mm asimmetriche, aventi uno spessore di 25mm con una cornice esterna rossa che richiama la sorella minore mentre tutto il comparto ventilante formato da undici pale risulta di colorazione bianca; l'unico stacco è dato unicamente dall'adesivo posto sul coperchio del motore riportante il logo dell'azienda.

raijintek-nemesis-fan raijintek-nemesis-fan2 raijintek-nemesis-fan3

Sotto l'aspetto tecnico abbiamo l'utilizzo di linee di taglio e di spinta all'aria piuttosto omogenee con angoli conservativi e la punta estrema del singolo elemento soffiante stondata al fine di evitare fruscii e turbolenze indesiderate durante l'utilizzo del prodotto. L'unica nota di rilievo risultano essere le tre appendici aerodinamiche posta sulla linea di spinta della pala nei pressi del motore, soluzione già vista su tantissime altre ventole e che permette di generare dei vortici posteriori che riducono il cono d'aria creato dalla ventola ottimizzando le prestazioni complessive a parità di RPM e CFM generati.

raijintek-nemesis-fan-4 raijintek-nemesis-fan-5

Ottima risulta infine per ambo le ventole la sleevatura e la relativa gestione dei cavi, per entrambe si sfruttano due molex di colore bianco e una calza in PET multifilamento ad alto potere coprente che nasconde in maniera perfetta tutti i cavi di alimentazione e di controllo come il tachimetrico ed il PWM se pur quest'ultimo inspiegabilmente venga utilizzato solo su una delle due 140mm fornite con il Nemesis. Soluzione quantomeno bizzarra dato che cosi facendo non si ottengono ne i benefici puri del PWM, ne tantomeno la riduzione dei costi apportata dal non utilizzo di tale tecnologia; avremmo sicuramente preferito a questo punto due semplici ventole munite di solo tachimetrico con un cavo ad Y per poterle collegare ad una singola presa di mainboard o fan controller.

raijintek-nemesis-fan-molex raijintek-nemesis-fan-sleeve

 


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM