Recensione Noctua NH-L9x65

Chi ci segue da qualche anno avrà ormai capito che uno degli appuntamenti fissi con le recensioni di CT sono i prodotti a marchio Noctua, la casa Austriaca è infatti uno dei nostri aficionados più vecchi che fin da subito si è offerta di supportare una giovane startup come la nostra.
Solo poche settimane fa avevamo infatti riportato l'arrivo sui mercati internazionali della nuova creazione dell'azienda in questione, si trattava dell'NH-L9x65 un dissipatore low profile che è andato a completare l'offerta di soluzioni dissipanti sotto i 130mm andando ad affiancarsi ai cugini NH-D9L e NH-U9S recensiti a inizio anno. Si tratta dell'ennesimo inserimento a catalogo di un prodotto che si muove in direzione diametralmente opposta rispetto a quella seguita negli ultimi anni dove alla pura potenza dissipante si preferisce, ad oggi, il contenimento degli ingombri volumetrici, indirizzando il prodotti ad utilizzi su form factor mATX e mini-ITX o comunque su piattaforme hardware utilizzanti chassis a ridotto volume quali HTPC e media center in generale.
Ovviamente tali tipologie di soluzioni non sono pensate per chi cerca l'overclock o le prestazioni pure ma hanno piuttosto il compito di migliorare quelle che sono sia le doti termiche che acustiche dei dissipatori standard di Intel e AMD mantenendo al contempo ampia compatibilità con moduli ram ad alto profilo e telai a ridotta altezza.
Seguono le caratteristiche tecniche dichiarate da Noctua per l'NH-L9x65:

noctua
Dissipatore Noctua NH-L9x65
Compatibilità Socket Intel LGA2011-0 & LGA2011-3(Square ILM), LGA1156, LGA1155, LGA1150 & AMD AM2, AM2+, AM3, AM3+, FM1, FM2, FM2+ (richiesto backplate)
Altezza ventola inclusa 65mm
Larghezza 95 mm
Profondità 95 mm
Peso complessivo 413 grammi
Materiali rame, alluminio e nichel
Ventole compatibili 92 x 92 x 14mm e 92 x 92 x 25mm
Dotazione NF-A9x14 PWM premium fan
Low-Noise Adaptor (L.N.A.)
NT-H1 high-grade thermal compound
SecuFirm2™ Mounting Kit
Noctua Metal Case-Badge
Garanzia 6 anni
Ventola fornita di serie
Modello NF-A9x14 PWM premium fan
Dimensioni 92 x 92 x 14mm
Cuscinetto SSO2
Velocità di rotazione (+/- 10%) 2500 RPM
Massima velocità di rotazione con L.N.A. (+/- 10%) 1800 RPM
Rotazione minima (PWM, +/-20%) 600 RPM
Portata massima 33.82 CFM
Emissioni acustiche massime 23.6 dB(A)
Tensione nominale +12v DC
Corrente assorbita 2.52W
Connettore 4 pin PWM
MTBF >150 000 ore
noctua nh l9x65 1  noctua nh l9x65 2 noctua nh l9x65 6

 


La confezione che accompagna il nuovo nato sotto lo stemma del gufo Austriaco ricalca il solito stile di Noctua, abbiamo un package che ripresenta i colori marrone e bianco con una parte frontale riportante il nome del dissipatore, le sue principali caratteristiche quali il basso profilo, la totale compatibilità con le ram e la presenza della nuova NF-A9x14 a cui si affiancano un QRcode riportante l'url di riferimento del sito aziendale e una foto di sfondo dell'NH-L9x65 stesso.

nh-L9x65-package

Sui restanti lati abbiamo la riproposizione delle caratteristiche tecniche riportate in apertura di articolo, le quote millimetrate di ventola e corpo radiante assieme ad un elenco del contenuto della confezione e alle principali peculiarità accompagnate sulla destra dalle certificazioni CE e RoHs per il commercio Comunitario e il rispetto dell'ambiente, grazie all'assenza di metalli inquinanti e composti chimici particolarmente dannosi per l'ecosistema.
Chiude il packaging la parte retrostante che come di consueto ci descrive per sommi capi il dissipatore in otto lingue differenti tra le quali non figura, per questa volta, l'italiano.

nh-L9x65-package2 nh-L9x65-package3 nh-L9x65-package4

All'interno della confezione la dotazione viene inserita in un astuccio in cartone riportante sul lato principale dei disegni stilizzati del contenuto; con l'NH-L9x65 nel dettaglio, Noctua, ci mette a disposizione:

  • backplate in acciaio multisocket SecuFirm II
  • clip di ritenzione e distanziali dielettrici per socket Intel
  • clip di ritenzione e distanziali dielettrici per socket AMD
  • adattatori per socket Intel LGA 2011
  • un tubetto di pasta termocunduttiva proprietaria NT-H1
  • un cavo di downvolt L.N.A. (low noise adaptor)
  • tre libretti di istruzioni per intel/amd
  • un tondino con punta a stella per avvitare in comodità il ponte di ritenzione
  • un badge adesivo con il logo aziendale

nh l9x65 bundle nh l9x65 bundle2

INTEL AMD Accessori
nh-l9x65 intel retention nh-l9x65 amd retention nh-l9x65 accessories

 

 


 

Premontata sull'NH-L9x65 troviamo una NF-A9x14, si tratta di una soluzione ventilante di 90mm a basso profilo(soli 14mm complessivi) che abbiamo già avuto modo di incontrare qualche anno fa; essa è infatti un modello introdotto da Noctua già nel Dicembre 2012 che risulta essere caratterizzata da un importante regime di rotazione al fine di sopperire alla mancanza di spessore.
Essendo già stata discussa e testata in precedenza rimandiamo all'articolo completo per chi volesse esaminare l'intera serie mentre riportiamo di seguito unicamente l'estratto relativo al modello in questione.

"Discorso del tutto similare possiamo approntare per le sorelle maggiori da 60 e 92mm che oltre a ripresentare il frame AAO nuovamente con antivibrazionali incollati optano, la prima, per un layout a sette profili ventilanti mentre, la seconda, viene fornita con nove pale tutte utilizzanti il nuovo sistema di controllo a denominazione "Flow acceleration channels"; una tecnologia che permette un maggior controllo dei vortici delle zone perfiferiche delle pale assicurando la corretta erogazione dei flussi unita ad una diminuzione delle emissioni acustiche.

noctua-nf-a9x14-sidenoctua-nf-a9x14-side2noctua-nf-a9x14-side3

Piuttosto conservative e prive di appendici aerodinamiche risultano per entrambi i modelli le linee di spinta e di taglio che vedono un angolazione nettamente maggiore nella A6 rispetto alla A9 a fronte degli spessori profondamente differenti messi a disposizione da parte di Noctua al suo reparto di sviluppo; la differenza di pale, ben tre in più per la 90mm, è d'altronde un chiaro segno di come si sia cercato di bilanciare la ventola da un punto di vista delle portate che sarebbero risultate svantaggiose se lasciata con soli sette profili ventilanti a ridotto angolo di attacco.

profilo-a6profilo-a9

Si noti anche in questo caso la presenza per entrambi i modelli della tecnologia SID (Stepped Inlet Design) che permette una riduzione delle turbolenze in entrata alla ventola mentre risulta del tutto assente la presenza dei controlli interni alla cornice presenti solo sui modelli da 120mm e 40mm come visto in precedenza.
Chiudiamo la parte tecnica sulle piccole di casa Noctua con una panoramica sugli spessori delle ventole, si va dai soli 10mm della 40mm ai 25mm della 60mm passando per i 14mm della più grande del lotto avente diametro ventilante di 92 millimetri."

spessore-a-serie-1


La Noctua appena visionata è stata testata secondo la metodologia di test applicata alle ventole in uso da diversi anni all'interno dei nostri locali; per comodità riportiamo un estratto della metodologia nei suoi punti salienti anche se consigliamo vivamente la lettura integrale.
http://www.coolingtechnique.com/guide/metodologie-di-test/399-galleria-del-vento.html

Estratto metodologia di test:
L'analisi strumentale delle ventole viene effettuata collocando il prodotto all'interno di una struttura appositamente studiata e creata da parte del nostro Staff e realizzata dall'italiana Dimastech su specifiche da noi fornite; ciò consente di posizionare la ventola in posizione elevata dal piano di sostegno ad una distanza di 50 centimetri dal microfono di rilevazione con il cono d'aria opposto alle onde acustiche rilevate,permettendoci di evitare possibili interferenze dovute ai flussi che agiscono sul microfono.
Lo schema seguente sintetizza in maniera agevole quanto fin qui descritto:

metodologia_test

Per ciò che concerne le rilevazioni della portata,di rpm,pressione e ampere saranno presi i valori a 0/1/2/3/4/5/6/7/8/8/9/10/11 e 12v(forniti da un alimentatore da banco stabilizzato), questo è reso nuovamente possibile dalla nuovo struttura realizzata tramite lamiera da 2mm in acciaio a tenuta stagna.
Essa vanta un volume d'aria di 2500cm3, circa quattro volte il volume della precedente, al cui interno è stato applicato un manto di fonoassorbente multifrequenza da 3cm di spessore capace di tagliare in maniera sensibile ogni tipo di risonanza e di emissione acustica che si potrebbe venire a creare a causa delle turbolenze interne.

A flussi "puliti" l'aria viene canalizzata sul fondo e restituita ad una anemometro a filo caldo; quest'ultimo a differenza dei comuni a ventola assiale, vanta l'implementazione dell'ultima tecnologia utilizzata nel campo che prevede l'adozione di un filo in ceramica preriscaldato costantemente monitorizzato da una termocoppia ad elevata precisione in grado di calcolare in real time, grazie al supporto del microprocessore integrato, la variazione decimo di secondo per decimo di secondo della temperatura del filo che risulterà più caldo in luogo di basse portate e più freddo qual'ora ci siano ingenti flussi.
L'adozione di questo genere di soluzione offre molteplici vantaggi tra cui indubbiamente la maggior precisione che nel nostro caso passa da 0,39 a 0,10 m/s e porta con se l'assenza della ventola di rilevazione che difatto costituisce un ulteriore fonte di rumore non altrimenti eliminabile.

Di seguito viene illustrato il funzionamento dell'anemometro in utilizzo:

 


 

 

 

Nome ventola:Noctua NF-A9x14 PWM 90mm
nf-a9x14-pwm-data

Analisi spettrometrica emissioni acustiche
Verde: background
Blu: +7 volts - Viola: +9 volts - Verde acqua: +12 volts
nh l9x65-spettro

Si evidenzia un picco di emissione a 370Hz con ventola a +12v mediante controllo in tensione, essendo piuttosto bassa come frequenza lo stesso risulta comuqnue ampiamente tollerabile e poco percettibile in termini acustichi.

Video in alta definizione - Audio a 16Bit

90 millimetri
delta con sorella da 25mm di spessore
Db(A)/CFM (Rumorosità) RPM/CFM(Pescaggio)
dba-cfm rpm

 

 


 

Estratto dai propri elementi protettivi l'NH-L9x65 si presenta all'utente come una soluzione "ready to run", Noctua fornisce infatti il dissipatore con ventola e ponte di ritenzione già premontati relegando all'utente solo le operazioni di posa della pasta termoconduttiva e di montaggio del backplate con le relative staffe di ritenzione.
Per ciò che concerne la soluzione ventilante, essa viene fissata alla superficie dissipante mediante l'uso di due clip in acciaio decisamente semplici sia da rimuovere che da installare, a questi si aggiungono gli angolari in elastomero della ventola che permettono di disaccoppiare il telaio dalle alette al fine di evitare fastidiosi fenomeni di risonanza che risultano essere dietro l'angolo date le ridotte dimensioni del pacco alettato.

noctua nh-l9x65 heatsinkwfan noctua nh-l9x65 heatsinkwfan2 noctua nh-l9x65 heatsinkwfan3

Da notare risultano il posizionamento delle viti di ritenzione del ponte centrale, dalle foto di cui sopra si può vedere che le stesse vengono annegate all'interno delle alette mediante oppurtune sedi; di conseguenza, per poter installare il dissipatore sarà obbligatorio rimuovere la ventola e utilizzare il cacciavite con punta a stella fornito in dotazione. Prestate massima attenzione quando rimontate la 90mm e verificate che gli angolari siano effettivamente tra il dissipatore e il telaio della ventola; qualche millimetro più infuori e avrete le vibrazioni direttamente sulla scheda madre.

noctua nh-l9 fan retention  noctua nh-l9 fan retention2

Rimossa anche la ventola, l'NH-L9x65 risulta essere un dissipatore con flussi perpendicolari alla scheda madre adottante un pacco alettato in alluminio alimentato da una matrice formata da quattro heatpipes da sei millimetri di diametro L design, singolo punto di evaporazione e di rugiada, che vengono disposte dal costrutture secondo uno schema simmetrico che prevede il posizionamento di due heatpipes per lato disposte su file parallele che si estendo per l'intera lunghezza della superficie dissipante.

noctua nh-l9x65-heatsink-side noctua nh-l9x65-heatsink-side2 noctua nh-l9x65-heatsink-side3

Parte superiore ed inferiore del dissipatore risultano piuttosto standard, la testa prevede sostanzialmente una superficie planare che sfoggia tutte le 50 alette di cui è costituito l'NH-L9x65 offrendo una superficie di appoggio ad alta resistenza aerodinamica alla 90mm in immissione sopra di essa; da qui riusciamo ad intravedere anche il percorso dato alle HP e il monoblocco di ritenzione inferiore che a causa del ponte centrale non ospita alcun dissipatore di buffer forte anche delle ridotte dimensioni.

Noctua nh-l9x65-top
Passando alla base abbiamo la solita superifcie di contatto Noctua, un monoblocco in rame rettificato a macchina successivamente rivestito al nichel senza apportare una levigatura superficiale a specchio al fine di massimizzare lo scambio termoconduttivo tra ihs e dissipatore.

noctua nh-l9x65 base noctua nh-l9x65 base2

Immancabili infine le consuete saldature in lega Sn/Ag, timbro indelebile del costruttore austriaco che oltre a dare una solida resistenza meccanica al prodotto consentono di massimizzare gli scambi termici evitando perdite prestazionali dovute a cattivi contatti tra le varie interfacce termiche che fisicamente costituiscono un dissipatore vedesi banalmente il passaggio di energia termica tra heatpipes e alette o più a monte tra base e heatpipes stesse.

Noctua nh-l9x65 soldering


La metodologia di test applicata al Noctua in questione si appoggia all'organico di strumentazione in dotazione a Coolingtechnique.com, si utilizzano nel dettaglio carichi termici sintetici pilotati in digitale tramite Pulse Width Modulation con sorgenti schermate sia per contatto che per irraggiamento nel campo degli UV. A causa inoltre dei particolari sistemi di dissipazioni in analisi si è optato per testare le soluzioni dissipanti con le loro ventole stock in grado di generare 37CFM ad una pressione di poco superiore al 1mmh2O a fronte di un minore diametro ventilante 92mm contro i 120mm reference.

Ulteriori informazioni cosi come l'intera metodologia di test possono essere visionate al seguente indirizzo web:
Raffreddamento aria,liquido ed extreme cooling - Simulatori di carico Revisione 2.0

Noctua NH-L9x65 ≈37 CFM 1.5mmH2O--->Testing fan
T1=Temperatura sorgente
T2=Temperatura pacco alettato

nh l9x65 stock-cooling

 Comparazione con prodotti di terzi | LOW PROFILE
Stock cooling
nh l9x65 perf data

Comparazione con prodotti di terzi |AIO
Stock cooling
nh-d9lx65 vsaio

 Eventuale collasso termico riscontrato / carico massimo consigliato sul lungo periodo, piano di test parallelo al suolo.
collasso

 


Tirare delle conclusioni su questo genere di proposte non è mai semplice, se però si analizzano le premesse con il quale l'NH-L9x65 viene venduto possiamo sicuramente direi che il bersaglio è stato nuovamente centrato da parte di Noctua. Il dissipatore in questione non si vuole porre infatti come una soluzione pensata per le prestazioni, ma si presenta al grande pubblico come il cugino di primo grado dell'NH-L9 di cui pur mantenendone gli ingombri laterali ne aumenta il volume in altezza, migliorando in maniera sensibile le prestazioni grazie alla superficie dissipante che cresce in maniera esponenziale rispetto alla precedente versione. Si tratta quindi di una sorta di ibrido a metà strada tra i low profile puri e i torre sotto i 130mm di altezza; una categoria sostanzialmente nuova di cui Noctua si carica le spalle e fa da pioniera.
A questo si aggiunge l'ampia compatibilità con i moduli ram e sistemi di raffreddamento ad alto profilo delle schede madri, condendo il tutto con la solita qualità del gufo austriaco che non si fa mancare nemmeno in questa occasione l'eccellente sistema di ritenzione Secufirm II, con backplate e controdadi di ritenzione, assieme alle saldature in lega sul pacco alettato e cura per i dettagli assolutamente di fascia alta.
Il risultato ne è un dissipatore bilanciato per l'utilizzo a cui è rivolto grazie anche alla ventola fornita di serie che sebbene risulti chiaramente presente a +12v, risulta tutto sommato sopportabile anche in ambienti tranquilli quando si trova a tensioni intermedie di daily use.
Quello che però non si può trascurare è la diretta concorrenza, se infatti siamo disposti a rilasciare un filo le maglie per ciò che riguarda la compatibilità con moduli DDR e lo spazio attorno al socket più in generale, diverse aziende propongo dissipatori con performance sensibilmente maggiori tanto che Phanteks con il suo TC12LS(20mm più basso del Noctua in questione) già dai 90W di carico stacca di 8 gradi °C il dissipatore in oggetto che deve subire anche la scomoda presenza dei suoi fratelli U9S e D9L nettamente più performanti nonostante abbiano ingombri di poco superiori a 10cm in altezza.
L'NH-L9x65 si va a porre quindi un po in un limbo, decisamente strano come collocazione, che non lo colloca ne come un low profile puro ne come un dissipatore a torre a bassa altezza, ma lo pone su quella che può essere definita una specifica esigenza rispondendo a quella fetta di utenza che ha a disposizone 80-90mm(15mm per il pescaggio della ventola) di spazio nel proprio case ma che non vuole o non può intaccare le zone al di fuori del socket con dissipatori più voluminosi; in questo caso la scelta, se si vogliono comunque delle discrete performance dissipative, giocoforza castrate dai low profile puri, può ricadere sul dissipatore in questione che rimane comunque una scelta dettata dalle specifiche esigenze dell'utente che deve avere spazio in altezza ma non il larghezza rimanendo all'interno di quelle che sono le "keep out zone " di Intel e AMD.
Insomma abbiamo tra le mani una proposta un po strana che vuole essere da un lato un low profile a bassi ingombri laterali e dall'altro un dissipatore performante, il risultato è un incrocio che si pone esattamente a metà tra i due mondi lasciando tuttavia sul campo diversi gradi nei confronti degli avversari che hanno saputo scegliere una fascia di appartenenza sviluppando, di conseguenza, i vantaggi di una piuttosto che dell'altra scelta.
Per ciò che riguarda infine il prezzo, l'NH-L9x65 viene attualmente venduto sul territorio Nazionale ad una cifra di 45€, richiesta monetaria in linea con quanto offerto e che sicuramente trova riscontro nella consueta qualità che Noctua ripone nei propri prodotti.

Nome prodotto PRO CONTRO Award tecnici
Award prestazionali

 noctua
Noctua NH-L9x65

+ Ottima qualità dei materiali
+ Strutturalmente solido
+ Altezza di soli 65mm
+ Sistema di ritenzione a ponte
+ Controdadi di tenuta
+ Pasta termoconduttiva in siringa
+ ampia compatibilità con moduli ram e sistemi di raffreddamento ad alto profilo
+ Discrete prestazioni
+ Saldature in lega

/

 

 

ct gold technical

 

 

ct medium performance

Si ringrazia Noctua per l'esemplare oggetto dell'articolo di oggi.
Commenti sul forum.