Recensione Enermax ETS-T40 Fit RF e BK

Con gli ETS-T40 Fit Enermax tenta di ridare ossigeno al proprio parco di soluzioni dissipanti sino ad ora ancorate agli ETS-N30 e ETS-T40, soluzioni di fascia entry level, o poco più, che facevano del rapporto prezzo prestazioni il loro cavallo di battaglia aggredendo la concorrenza li dove spesso si fanno i grandi numeri grazie a soluzioni che tirano il mercato a causa del prezzo di acquisto particolarmente vantaggioso.
Con la nuova lineup tuttavia l'azienda Taiwanese cerca di spingersi oltre dando alla nuova generazione l'arduo compito di spartiacque con il passato, con gli ETS-T40Fit Enermax inizia infatti a fare sul serio andando ad attaccare la fascia forse più difficile dell'aria dove le tecnologie, il parco ventilante e le prestazioni devono andare a braccetto con il prezzo di acquisto che pur non rimanendo sull'entry level non si deve alzare troppo al fine di fronire un pacchetto fortemente competitivo su più fronti.
Si tratta ovviamente di un compito non semplice che ha visto molti fallire ma che è stato per altri il trampolino di lancio verso una nuova scalata alla vetta nel settore; il segreto in questo caso risiede nel "know how" acquisito e nell'esperienza passata cosa su cui Enermax ha saggiamente puntato prima di tirare fuori quella che possiamo definire la sua attuale fascia media in fatto di soluzioni dissipanti ad aria.
Scendendo nello specifico i dissipatori che abbiamo avuto modo di testare e toccare con mano su queste pagine e nei giorni passati, prendono quanto di buono visto con le precedenti generazioni, gli danno un po di steroidi per farli crescere nelle dimensioni, condiscono il tutto con le tecnologie di primo livello del parco ventilante e servono un risultato assicurato.
Tutto infatti si può dire meno che i nuovi ETS-T40 Fit non siano soluzioni dissipanti azzeccate, il bundle seppur privo di sacchettini vari o di istruzioni particolarmente discorsive offre tutto il necessario per una corretta installazione fornendo pasta termoconduttiva in siringa multiuso, staffe di ritenzione in acciaio, clip di ritenzione per due ventole(seppur ne venga fornita solo una) e persino disaccoppiatori in elastomero sia per la prima che per la seconda ventola, insomma dotazione da bitorre top di gamma e non di certo da fascia media.
I puristi potranno forse storcere il naso per il backplate in plastica ma si tratta sostanzialmente di un problema più astratto che reale, i dissipatori pesano infatti meno di 500grammi e la staffa posteriore nonostante non sia di metallo svolge in maniera più che egregia il proprio lavoro grazie anche al ponte di ritenzione centrale e le viti di carico con molle a pressione prestabilita.
Passando all'aspetto estetico Enermax sa come sempre il fatto suo, sia la versione RF che BK in esame hanno il loro fascino utilizzando, per la prima, il forte contrasto del rame delle heatpipes facendo della bellezza del metallo nudo i suoi punti di forza, mentre per la versione con rivestimento ceramico nero si gioca con i led della Apollish che letteralemnte illuminano la stanza in cui andrete ad installare il disispatore, davvero ben poco da ridire da questo punto di vista.
Passandoa piè pari all'aspetto prestazionale bisogna spendere due parole sulle ventole che risultano estremamente variabili in base alla versione scelta, con l'RF ci verrà infatti fornita una ventola da 140mm a semi-frame votata principalmente al contenimento delle emissioni acustiche che fa segnare parametri piuttosto interessanti dovre fra i 20 e i 55CFM risulta persino più silenziosa di una Noctua A14 e leggermente più rumorosa delle Ty-141 di Thermalright, il rovescio della medaglia sono le pressioni statiche piuttosto basse nelle medie restrittività e accettabili nelle alte, parliamo comunque sempre di 0.1mmH2O di differenza dalla Noctua e 0,3 da Phanteks e Thermalright; poca cosa soprattutto se il vostro obiettivo è il contenimento del rumore sul quale, come abbiamo visto, si è lavorato bene assicurando 60CFM a 20dB(A).

Dal lato "oscuro" con il T40-Fit-BK la questione cambia in maniera significativa, la TB Apollish punta infatti meno sulle emissioni acustiche ma di più sulle prestazioni, oltre che all'estetica ovviamente, essa è risultata in grado di generare oltre 80CFM a poco più di 21dB(A) posizionandosi su parametri praticamente analoghi a ventole top di gamma avversarie per ciò che concerne le emissioni acustiche e in seconda posizione a diretto conflitto con la NF-F12 per ciò che riguarda le pressioni statiche grazie al boost di 300RPM che le permette di staccare tutte le ventole dalle portate similari ma dai giri motore limitati a 1500. Un risultato nel complesso più che soddisfacente che potrà fare la felicità dei modder che potranno prendere finalmente due piccioni con una fava, estetica e prestazioni.

Va da se che per ciò che riguarda lo scambio termico, essendo i disispatori identici, la vera discriminante in questo caso la fanno le proposte ventilanti, se infatti con la ventola reference da 50CFM gli ETS-T40 Fit fanno segnare temperature inferiori di qualche °C alla diretta concorrenza come il mars gaming MCPU2 o le proposte intermedie di casa Raijintek; è con le ventole stock che la cosa si fa interessante con entrambe le soluzioni che abbassano i valori registrati di ben 5°C già ai 150W con il BK che, grazie all'Apollish, chiude a 300W a soli 2°C dal TC14S di casa Phanteks e dall'Eclipse IV di casa X2, entrambi bitorre con un numero di hetapipes superiore.
Un risultato decisamente interessante se si considera che stiamo parlando di dissipatori a basso ingombro volumetrico ed ad alta compatibilità con Ram ad alto e basso profilo.
Chiudiamo con le solite cifre, Il costruttore chiede IVA inclusa 40,90€ per l'ETS-T40F-RF e 44,90€ per l'ETS-T40F-BK, costi da piena fascia media che tuttavia consentono di acquistare soluzioni dissipanti caratteristiche, dall'ottima qualità costruttiva, dall'eccellente estetica e dalle prestazioni con singola ventola in grado di avvicinare persino la fascia alta di terzi, lasciando all'utente persino la possibilità di installare una seconda ventola per fare davvero sul serio in termini di scambio termico. Un modo decisamente interessante per investire 40€ in questo autunno 2015.

Nome prodotto PRO CONTRO Award tecnici
Award prestazionali

 enermaxEnermax ETS-T40F-RF

+ Materiali di primordine
+ Eccellente qualità costruttiva
+ Pacco alettato solido
+ Base di contatto con HDT rifinita e planare
+ Ventola a base emissioni acustiche e scalabile
+ Esteticamente curato
+ Backplate con controdadi
+ Predisposto per una seconda ventola
+ Spettro acustico pulito
+ Pale rimovibili
+ Compatibilità RAM ad alto profilo

/

 

 

 

 

 ct gold technical

 

 

 

 

 

 

 

 

  ct best value

 

 

 

enermaxEnermax ETS-T40F-BK

+ Materiali di primordine
+ Eccellente qualità costruttiva
+ Pacco alettato solido
+ Base di contatto con HDT rifinita e planare
+ Ventola a base emissioni acustiche e scalabile
+ Esteticamente curato
+ Backplate con controdadi
+ Predisposto per una seconda ventola
+ Pale rimovibili
+ Ottime prestazioni con ventola stock
+ Compatibilità con RAM ad alto profilo

/

Si ringrazia Enermax per gli esemplari oggetto dell'articolo di oggi.
enermax
Commenti sul forum.


« Indietro 8/8 Avanti

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM