Recensione Scythe Mine 2

Scythe si riconferma essere ancora una volta un marchio che bada al sodo, proponendo un dissipatore che mira alle performance piuttosto che all'estetica; il Mine 2 che abbiamo analizzato nel corso di questa recensione si è dimostrato essere un prodotto di fascia alta caratterizzato da soluzioni tecniche innovative come la tecnologia MAPS che gli permettono di tenere testa alle soluzioni avversarie attualmente presenti sul mercato.

Il bundle che il brand ci mette a disposizione è il minimo indispensabile di cui necessitiamo per l'installazione, ogni singolo pezzo dovrà essere utilizzato e se avanzerà qualcosa, beh, avremmo sbagliato il montaggio; ciò non toglie tuttavia che la qualità dei componenti forniti alla rinfusa all'interno di una anonima confezione in cartone bianco, siano tutti di eccellente fattura riportando ancora una volta viti e backplate in acciaio lucidati a specchio in grado di resistere a ben più di qualche semplice sollecitazione.
Sempre di serie avremo, inoltre, a nostra disposposizione il cavallo di battaglia della casa per ciò che concerne le ventole da 140 millimetri di superficie ventilante; essa è una Scythe Slip Stream 140 dotata di 1700 rpm a cui vengono montati anche un potenziometro analogico e uno switch per il controllo manuale o tramite PWM, decisamente una eccellente soluzione anche se in fase di montaggio può portare qualche problematica per il corretto fissaggio della staffa pci.

Le performance della ventola sono decisamente interessanti, la casa ha deciso palesemente di sbilanciare il prodotto verso le prestazioni pure facendo segnare valori di pressione statica di quasi 4mmH2O a 80CFM ; ad oggi un valore irraggiungibile da qualsiasi ventola da 140mm testata.
Ovviamente, chi ci segue da qualche tempo saprà che per tali valori lo scotto da pagare è in termini di emissioni acustiche ed infatti a causa dell'angolazione della linea di spinta della pala, che gli permette tali valori di pressione, le emissionioni acustiche sono mediamente il doppio(3dB(A) ) delle altre ventole mentre il pescaggio risulta essere il fanalino di coda del grafico di riferimento.
Peggio di lei fa unicamente la Aimaxx 140 che presenta problematiche di bilanciamento dovute anche in questo caso ad un orientamento verso le pressioni statiche come segnalato nella recensione delle ventole della casa.

Per ciò che concerne le prestazioni, lo Scythe Mine 2 offre un ottimo comportamento pressochè a qualsiasi wattaggio, il dissipatore monoblocco in alluminio posto alla base del dissipatore lo aiuta in maniera adeguata ai bassi carichi termici mentre la stratificazione delle heatpipes e la tecnologia MAPS gli permettono di ottenere eccellenti temperature agli alti carichi(200/300W) posizionandosi su valori migliori di un Noctua NH-D14.
Punti "deboli" risultano essere i medio ed i medio alti carichi dove il gap dovuto all'assenza delle saldature tra le alette e la heatpipe e il non perfetto utilizzo delle otto heatpipes, gli fanno lasciare sul campo qualche punto che con tutta probabilità viene recuperato con gli interessi qual'ora si utilizzi il dissipatore con la ventola fornita di serie, rumorosa ma decisamente prestante.
Il mine 2 è attualmente disponibile presso i rivenditori del marchio ad un prezzo di circa 65€ iva inclusa, costo sicuramente non indifferente che viene in parte giustificato dalla stazza del prodotto e dalla dotazione fornita con la ventola.

Nome prodotto PRO CONTRO Eventuali Award

Scythe
Mine 2

+Buona qualità costruttiva
+Ottimi materiali
+Ventola performante
+Doppio controllo analogico e digitale

-Sistema di ritenzione scomodo
-Clip di ritenzione ventole decisamente migliorabili

ct_high_performance

Si ringrazia Scythe per l'invio del sample oggetto dell'articolo.

Commenti sul forum.


« Indietro 7/7 Avanti

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM