Recensione Alpenföhn K2

 L'Alpenföhn K2 viene venduto all'interno di una confezione di cartone che oseremo definire "massiccia"; nel corso di questi anni di recensioni, con tutta probabilità il package fornito da Alpenföhn risulta uno dei più grandi se non il più grande in termini volumetrici che ci sia giunto per quanto riguarda i dissipatori.

Esso si presenta con una confezione in cartone ondulato a prevalente nera su cui vengono riportati in primo piano, nella parte frontale, una panoramica a 45° del dissipatore, il nome del prodotto con il relativo logo e lo slogan del K2 che lascia ben poco spazio all'immaginazione: "Face your destiny and use our strongest weapon in your fight against the heat!"; letteralmente : "affronta il tuo destino e usa la nostra arma più potente nella tua battaglia contro il calore!".

Slogan sicuramente d'effetto che fa fin da subito capire di cosa stiamo parlando, in questo caso Alpenföhn non usa mezzi termini e mette subito le carte in tavola, presentando il K2 come la soluzione più performante della casa "our strongest weapon".

alpenfohn-k2-package alpenfohn-k2-package1

Le restanti facce portano all'analisi dell'acquirente le principali caratteristiche tecniche del prodotto che vengono descritte da un punto di vista prettamente analitico, riportando praticamente ogni possibile informazione come le dimensioni(160x144x154mm), il peso(1378g) del dissipatore, le specifiche delle due ventole, i socket intel e AMD compatibili che prevedono anche la compatibilità con il nuovo FM1, e le certificazioni ottenute dal K2 che risultano essere la CE e la Rhos, rispettivamente per il rispetto dei parametri di sicurezza/conformità europei e il rispetto ambientale grazie all'assenza di metalli pesanti dannosi per l'ecosistema in cui viviamo.

Interessante risulta notare di come sebbene il prodotto venga venduto sotto il nome di Alpenföhn, la casa responsabile della produzione nonchè di eventuali RMA risulta essere la casa madre EKL; essa viene indicata accanto alle principali certificazioni e arreca con se la nazione di provenienza(Germania) che viene affiancata da quella di produzione del prodotto, Cina ovviamente.

alpenfohn-k2-package3 alpenfohn-k2-package2

Aperta la confezione, ritroviamo il tutto diviso in apposite sezioni che vengono raggruppate grazie all'utilizzo di un astuccio in cartone di colorazione nera; il primo che ci verrà in mano sarà quello contenente la fornitura dei sistemi di ritenzione e dei principali accessori come pasta termoconduttiva e clip in acciaio di ritenzione per le ventole; quest'ultime anch'esse imballate una ad una in ulteriori astucci di cartone nero.

Il bundle risulta parecchio ricco e si compone di un sistema di ritenzione in acciaio con struttura a ponte utilizzante sei punti di ritenzione che ci permetterà di smonttare il dissipatore senza essere obbligati a rimuovere anche il backplate, dovendo smontare quindi anche la scheda madre e le relative schede di espansione con un netto risparmio di tempo.
A ciò viene affiancato un backplate a doppio strato di colorazione nera e dalla fattura piuttosto spartana, esso risulta infatti una semplice placca di acciaio riportante i vari socket che viene successivamente rivestita da una pellicola di plastica consentendogli di isolarsi totalmente dalla scheda madre evitando possibili cortocircuiti che andrebbero inevitabilmente a rendere inutilizzabile la componentistica.

Gli accesori prevedono la fornitura di quattro disaccoppiatori in gomma per il backplate, un tubetto di pasta termoconduttiva siliconica di fascia media,una adattatore 4-->3 pin a 7v non sleevato, un libretto di istruzioni in bianco e nero che risulta essere un semplice A4 piegato; e la fornitura di ben otto clip di ritenzione per le ventole che ci permetteranno di montare fino a tre ventole, da 120 o 140mm, sul corpo dissipante del K2.

alpenfohn-k2-bundle2 alpenfohn-k2-bundle

Ci sono tuttavia diversi però che col senno di poi fanno anche in parte sorridere, Alpenföhn infatti nella creazione del bundle si è un po persa via nei dettagli; il primo di questi risulta essere la fornitura di un unico adattatore di downvolt 4--->3pin a fronte dell'utilizzo di due ventole, ciò andrà a porre l'utente nel dover scegliere quale ventola downvoltare o lo obbligherà a downvoltarle entrambe utilizzando il doppio molex integrato nella ventola da 120mm; non esattamente il massimo della vita se si pensa che ormai nelle soluzioni di fascia alta potenziometri su slot pci o cavi passanti con resistori sui +12v sono all'ordine del giorno.
Il secondo "problema" risulta essere quello più macroscopico e che fa capire che forse chi ha dettato i numeri del bundle era sprovvisto della reali dimensioni del K2, la fornitura di otto clip per le ventole risulta quantomeno bizzarra poichè, volenti o nolenti, il massimo numero di ventole che potremmo installare risiede nel numero di tre collocate rispettivamente sulla prima torre, sulla seconda torre e una terza posta tra queste due in estrazione o immissione a seconda di come si vogliano configurare i flussi.
Questo è dettato dal fatto che la distanza tra le due torri, come mostrato nei disegni tecnici in prima pagina, è di "soli" 28mm che permettono giusto giusto l'alloggiamento di una ventola comune da 25mm, portando il numero massimo di soluzioni instalabili a tre e non quattro; lasciando quindi due clip in "omaggio" all'utente.
L'installazione di quattro ventole a onor del vero e per completezza di informazione, sarebbe possibile unicamente con ventole da 120mm a basso profilo come le slip stream di casa Scythe che, con i loro 12mm di altezza, riescono a inserirsi tra le due superfici dissipanti lasciando meno di 4mm tra le due cornici delle ventole; tuttavia una soluzione di questo tipo risulterebbe parecchio più rumorosa e meno performante di una soluzione da 25mm o comunque delle ventole fornite in bundle, ricordo infatti che dai dati dichiarati una Slip stream da 1600rpm produce a +12v soli 38CFM con una emissione acustica di quasi 29Db(A).
Non avendo inoltre Alpenföhn a catalogo alcuna ventola a basso profilo ci risulta difficile credere, per ovvi motivi, che la casa abbia optato per questo genere di soluzione per far fare "cassa" ad altre aziende, e quindi riteniamo essere un problematica di confezionamento del tutto.
Non che sia ovviamente un problema ma magari una maggior attenzione nella fornitura del bundle poteva eventualmente portare all'eliminazione delle due clip, di fatto inutili per l'utente obbligato lo stesso a pagarle, fornendo al loro posto un ulteriore adattatore e magari implementando pure una sleevatura sui cavi a vista.
Come perdersi in un bicchiere d'acqua!


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM