Recensione Phanteks PH-TC14PE

Estratto dalla confezione e dagli elementi protettivi, il Phanteks PH-TC14PE si rivela essere un dissipatore a doppia torre caratterizzato da una superficie dissipante in alluminio alimentata da cinque heatpipes U design da otto millimetri di diametro a capillarizzazione sinterizzata, queste ultime vengono collocate all'interno del pacco alettato in maniera simmetrica tra le due torri senza un particolare disposizione che ne ottimizzi la distribuzione del calore, limitandosi unicamente a posizionare le heatpipes in maniera verticale lungo la torre dissipante.

phanteks-ph-tc14pe phanteks-ph-tc14pe-2 phanteks-ph-tc14pe-3 phanteks-ph-tc14pe-4

Da notare risulta unicamente la parte di attacco della superficie lamellare che in corrispondenza della ventola presenta una matrice dentellata delle alette al fine di diminuire il coefficiente di resistenza aerodinamica della superficie dissipante, ciò permette di diminuire l'aria scaricata lateralmente aumentando al contempo le prestazioni termiche dovute al maggior apporto di aria all'interno del dissipatore.
Piuttosto curiosa risulta invece la testa del PH-TC14PE; qui Phanteks ha optato per una copertura estetica in alluminio sull'ultima aletta dissipante ,che  vede sovrapposta ad essa una placca da 0,5 centimetri di altezza in grado di coprire per intero i capi delle heatpipes; dando al tutto una linea scorrevole se pur venga riprodotto in rilievo su entrambe le torri il logo della casa.

phanteks-ph-tc14pe-5 phanteks-ph-tc14pe-6

Per ciò che concerne la parte bassa del dissipatore, possiamo notare una base in rame priva di monoblocco in allumnio di buffer, a causa del sistema di ritenzione a ponte che ne impedisce lo svilluppo, interamente rivestita in nichel, non utilizzante una lucidatura a specchio e risultante leggermente convessa nella parte centrale; utilizzando un calibro viene infatti messa in evidenza un piccola depressione nella parte esterna sinistra con circa un millimetro di dislivello che in fase di funzionamento potrebbe portare a qualche grattacapo diminuendo la superficie a diretto contatto con l'ihs del processore.

phanteks-base phanteks-base2

Sempre per quanto riguarda l'assemblaggio risultano visibili nei luoghi di punzonatura delle alette alle heatpipes, sprovviste di saldature in lega, delle zone di forte ossidazione del rame dei tubi di calore nei pressi della chiusura dell'aletta stessa; problematica forse dovuta ad un serraggio troppo deciso delle alette che ha portato ad una perdita del nichel dei tubi di calore seguita da un successiva ossidazione dei metalli e degli elementi chimici utilizzai per la lavorazione a contatto con l'aria.

phanteks-soldering-missing phanteks-soldering

 


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM