Gemin II SF524 e Vortex Plus; il topdown secondo Cooler Master

Il fratello maggiore del Vortex plus risulta essere una soluzione per certi aspetti più semplice e meno azzardata del fratellino ma da un punto di vista estetico sicuramente più curato.
Esso ripropone il layout a flussi top/down(perpendicolari alla scheda madre) e viene fornito di serie con la 120mm premontata di serie, tale ventola risulta essere l'ormai più che conosciuta A12025 di produzione cooler master che abbiamo già visto impiegata sulle altre soluzioni del brand in più varianti prive o meno del controllo PWM; tale ventola viene ancorata alla superficie dissipante tramite un sistema a doppia ritenzione che prevede in primis il serraggio di quattro viti nichelate di nero ad una staffa estetica e il successivo fissaggio di quest'ultima tramite ulteriori quattro viti che vengono filettate direttamente all'interno della superficie dissipante utilizzando le prime alette come guida per le viti in acciaio.

Cooler-master-geminsf524-fan Cooler-master-geminsf524-fan2 Cooler-master-geminsf524-fan3

Cooler-master-geminsf524-cover Cooler-master-geminsf524-fan

Rimosse tutte le parti estetiche accessorie tramite le opportune otto viti, il dissipatore vero e proprio si compone da una superficie dissipante formata da ben sessantadue alette in alluminio che vengono alimentate per l'intera estensione superficiale da cinque heatpipes da sei millimetri di diametro L design(singolo punto di condesazione) aventi un processo di antiossidazione effettuato tramite rivestimento al nichel di colorazione naturale.

cooler-master-gemin-sf524-1 cooler-master-gemin-sf524-2 cooler-master-gemin-sf524-3 cooler-master-gemin-sf524-4

Vista a 360°, click per ingrandire:

 Piuttosto scarne risultano le particolarità tecniche, con il GeminII SF524 Cooler Master ha optato più per una soluzione classica investendo sull'effetto estetico della propria offerta piuttosto che sulla gestione termica; l'unica particolarità di cui dover tenere conto risulta essere la creazione del dissipatore di buffer direttamente con il pacco alettato della superficie dissipante che, con le prime 21 alette, scende direttamente fino al monoblocco della base in rame, anch'esso rivestito in nichel, sprovvisto dell'HDT che lascia il posto ad una "semplice" rettifica per ottenere la planarità desiderata.

cm-geminII-sf524-soldering cm-geminII-sf524-base

Visibile dalla foto di sinistra di cui sopra, risultano inoltre totalmente assenti le saldature con una punzonatura delle alette che, forse a causa della nichelatura, non risulta in tutte le sue parti ben salda ai tubi di calore ammettendo piccoli spostamenti longitudinali lungo la superficie dissipante da parte di alcune alette; problematica che va, in questo caso, ad influire negativamente sulle prestazioni di scambio termico tra le heatpipes e le alette in alluminio incaricate del corretto smaltimento del calore.


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM