Recensione BitFenix Recon

Da un punto di vista tecnico, rimosso il rimovibile, possimo vedere sulla scheda di controllo la presenza nella parte destra di un cicalino, già privo di adesivo di protezione, affiancato da tutta una serie di resistori posti in maniera più che ordinata in sei colonne da tre righe ciascuna, lasciando sopra di esse il molex 4 pin di alimentazione ed i primi tre canali a tre pin per l'alimentazione di ventole e/o altri dispositivi elettronici a voltaggio variabile.
Spostandoci in posizione centrale abbiamo la presenza del primo micorprocessore a 44 pin appartenente alla serie EM78P520N caratterizzata da procesori a basso consumo operanti a 8 BIT con il compito di gestire l'LCD, controllandone la visualizzazione a schermo delle informazioni ed elaborando i dati in arrivo dai sensori di temperatura e dai segnali tachimetri delle ventole.
A sinsitra abbiamo invece il secondo processore per la gestione del tochscreen resistivo e la presenza del circuito di interfaccia usb cosi come gli accoppiatori maschio/femmina per la connessione del pcb al film frontale del tochscreen.


bitfenix-recon-pcb

Per quanto riguarda le fasi di alimentazione, il circuito risulta piuttosto semplice e si basa essenzialmente sull'uso diretto dei transistor che non godono ne di capacitori ne di induttori a supporto come invece accade sulle soluzioni di Scythe e Lamptron; soluzione allo stesso modo funzionale ma che riduce in maniera netta la "delicatezza" con cui vengono gestite le periferiche alimentate dal Recon.
Da notare risultano invece senza dubbio i dissipatori implementati su ogni transistor, una soluzione che si mette un po in contrasto con quanto detto nelle righe precedenti; se da un lato la casa utilizza infatti un circuito diretto dall'altro si prende cura dei transistor dissipandoli.

bitfenix-recon-transistorbitfenix-recon-transistor-2

Collegato il fan controller all'alimentazione trattandosi di dispositivo touch screen, come da tradizione, abbiamo provveduto alla realizzazione di due video illustrativi dell'interfaccia e del controllo di quest'ultima in remoto, vero e proprio cavallo di battaglia del BitFenix Recon.
Nel video seguente nel dettaglio andremo ad illustrare le funzionalità del fan controller, modificando i giri delle ventole da 0 a +12volts, diminuendo il set point di allarme che andrà successivamente ad azionare la procedura di allerta del Recon aumentando gli rpm ed azionando diversi segnali acustici; buona visione:

Il secondo video prende in analisi il funzionamento da remoto del fan controller; con un portatile andremo a variare gli rpm di tre ventole,arrestandole e impostando gli rpm intermedi.
Si noti che in questo caso tramite software proprietario della casa, scaricabile al questo indirizzo, è possibile salvare tre profili caricabili "on fly" su esigenza.

 

 

 


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM