Recensione Aquacomputer Aquaero 5 XT

Trattandosi della versione "XT" a nostra disposizione avremo anche un telecomando che ci permetterà di controllare da remoto, tramite infrarosso, il pannello.
Tale feature se di primo acchitto può non sembrare di immediato utilizzo, se ipotizziamo l'utilizzo dell'aquaero come pannello multimediale per controllo di radio o film in un salotto, esso prende subito piede e si dimostra essere un valido aiuto nel svolgere le operazioni quotidiane come il cambio del canale, la riduzione dei giri pompa e rpm ventole al fine di preparare il sistema alla notte o alla visione di un film e cosi via.
Il telecomando si presenta di forma quadrangolare e di colorazione nera; sulla sua superficie compaiono diversi pulsanti che oltre a prevedere un'intera tastiera qwerty vedono la presenza di due joystick, un pulsante di accensione/standby, regolazione del volume e pulsanti di navigazione e di interfaccia, non neghiamo che il primo impatto con questo genere di attrezzatura è piuttosto drammatico e spesso può spiazzare soprattutto se, come nel nostro caso, la casa costruttrice non ci mette a disposizione nemmeno una guida cartacea per il corretto utilizzo del tutto.

aquaero-remote-controller-1 aquaero-remote-controller-2 aquaero-remote-controller

Da notare risulta la particolare sagomatura del chasis in plastica esterno, esso viene sagomato ergonomicamente al fine di consentire una facile presa del dispositivo anche a due mani in maniera piuttosto agevole senza intoppi, evitando la sovraposizione delle dita e consentendo un facile utilizzo del tutto che si traduce in facilità e velocità di scrittura e di fruizione delle principali caratteristiche dell'aquaero.

aquaero-5-hands

Da come si puo intravedere nella foto di cui sopra, nella parte retrostante del telecomando si trovano due alloggiamenti trapezoidali che hanno il compito di ospitare le due stilo AAA adibite alla corretta alimentazione del sensore ir e della circuiteria ad esso annessa; di serie verranno già fornite delle pile di fabbricazione cinese che oltre ad avere un peso specifico di circa la metà di pile di marca, risultano avere una scarsa autonomia tendendo inoltre a far lavorare in maniera limitata il sensore ir che perde di metratura utile se confrontato con le prestazioni ottenute con pile ibride ricaricabili o con pile alcaline presenti sul mercato da svariati anni; sconsigliamo quindi l'utilizzo delle pile fornite di serie che potranno essere facilmente sostituite con equivalenti stilo a standard AAA.

aquaero-remote-battery aquaero-remote-battery2 aquaero-remote-battery3

Presenti anche in questo caso i controlli di qualità "QC"inseriti in  ogni vano delle batterie che ne assicurano il perfetto contatto e il corretto funzionamento di tutto l'apparecchio.
A batterie inserite la scrittura risulta piuttosto semplice, sembrerà di impugnare un normale telecomando con l'unica differenza che qui avremo una testiera qwerty al posto del comune tastierino numerico; impressionante la metratura utile raggiunta dal sensore che nel nostro caso riceve il segnale anche da 10 metri di distanza, andando praticamente a coprire qualsiasi esigenza di utilizzo.

distanza-controllo-remoto


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM