Recensione Cooler Master MasterGel Maker NANO

La nuova pasta termoconduttiva a nome MasterGel Maker Nano con cui Cooler Master va a rinnovare la propria offerta si impone in maniera autoritaria all'interno dei nostri ambienti di test presentando diverse sfaccettature decisamente interessanti.
Prima e non trascurabile tra queste risulta la dotazione di serie; se sino a qualche anno fa i composti termici venivano infatti forniti in anonime buste monouso usa e getta oggi non è più cosi, tanto che si arriva a fornire quello che è un vero e proprio corredo di accessori attorno alla pasta vera e propria, posizionando Cooler Master nuovamente come una delle aziende esponenti di questa filosofia che trova sfogo con il prodotto in analisi su queste pagine dove l'esperienza d'uso fa parte dell'intero pacchetto che non viene più relegato alle mere prestazioni termiche ma anche alle fasi che avvengono immediatamente prima e dopo l'uso del prodotto stesso.
Si tratta oggettivamente di un valore aggiunto che è bene segnalare soprattutto se si comparano prodotti che stanno in range economici che spaziano unicamente tra i cinque e i dieci euro.

Detto questo andando al succo della questione, ovvero le prestazioni termiche, la Mastergel Maker NANO non tradisce i propri dati di targa facendo segnare temperature ai vertici di categoria con un delta fino a 250W che non si scosta dalle dirette avversarie alle quali risponde colpo su colpo chiudendo le sessioni di test ad aria sul podio assieme a Junpus e Prolimatech, tutte e tre racchiuse in un gap di soli 0,3°C mentre seguono a ruota le soluzioni di Antec, Thermalright e Noctua distanziate a loro volta di pochi decimi di grado.
Allineati risultano anche i coefficienti di costo, nonostante la soluzione di CM sia gravata da una dotazione sensibilmente più ricca della concorrenza(che fornisce la mera pasta termoconduttiva) che la colloca sul mercato ad un prezzo di 11,50€ IVA inclusa, il costo al grammo risulta essere inferiore alla PK3 e allineato con la DX1 mentre Antec e Noctua risultano rispettivamente leggermente più costose ed economiche, centesimi per lo più.

Quale scegliere quindi?
Escludendo i composti termici che fanno del prezzo/quantità il loro cavallo di battaglia e che rientrano per forza di cose sotto esigenze differenti rispetto a quelle cui si rivolge la "MasterGel", puntando il riflettore sulle prestazioni il mercato ci mette a disposizione un ventaglio di 6-7 prodotti sul piano prestazionale molto simili azzarderei a dire quasi equivalenti, se però quello che cerchiamo è quel qualcosa in più che ci agevoli le fasi di installazione e pulizia senza dover spendere ulteriori soldi, Cooler Master è attualmente l'unica che fornisce una soluzione completa da questo punto di vista e per lo più lo fa ad un prezzo decisamente competitivo tanto che risulta comparabile se non persino più economica, nella fascia alta, con quanto richiesto dalla diretta concorrenza che offre, si risultati similari, ma una minor attenzione verso l'utente.


Nome prodotto

PRO

CONTRO
AWARD
TECNICI
PRESTAZIONALI

 coolermaster

Cooler Master
MasterGel Maker NANO

+ confezione curata e sigillata termicamente
+ spatola di serie
+ tampone chimico per la pulizia
+ composto termico in siringa riutilizzabile
+ alta conducibilità termica
+ composto stabile sin da subito sino a 250W

/

ct gold technical ct best performance

 Si ringrazia Cooler Master ITALIA per l'esemplare di pasta termoconduttiva oggetto dell'articolo odierno.

Commenti sul forum.


« Indietro 5/5 Avanti

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM