Recensione Noctua Redux e IndustrialPPC

La nuova serie di ventole Redux e industrialPPC a marchio Noctua mette in un colpo solo davvero tanta tanta carne al fuoco, nel giro di pochi anni il listino dell'azienda austriaca ha sistematicamente subito degli allargamenti giungendo fino a questo 2014 dove il catalogo ha ricevuto un innesto generoso tra i più grandi e massicci mai apportati dall'azienda.
Andando con ordine e partendo dalle Redux, le ventole in questione nonostante siano a tutti gli effetti la linea economica vantano la medesima qualità costruttiva delle fasce superiori fornendo una buona rigidità strutturale e una sleevatura impeccabile, si fa sentire tuttavia l'assenza del bundle che lascia un po spiazzati nel vedere una Noctua privata di tutti i suoi accessori cosi come lascia spiazzati la confezione in semplice cartone con ben pochi richiami al prodotto acquistato; si tratta tuttavia di "accessori" al prodotto principale che quindi non influiscono, ovviamente, sul suo funzionamento.
Proprio su quest'ultimo è bene soffermarsi, le Redux infatti non sono semplicemente un restyle della fascia "referente" ma sono un ibrido tra le vecchie e le nuove tecnologie che vengono implementate in maniera del tutto saltuaria sui vari modelli che hanno tuttavia in comune il vecchio motore SSO che ha ancora dal suo da dire.
Contestualizzando, risultano discrete le prestazioni registrate dalla NF-S12B redux che rispecchia le attese di silenziosità facendo registrare emissioni acustiche decisamente basse se pur deficita, come era lecito aspettarsi, nelle pressioni statiche; discorso similare riguarda le NF-P14s e r che vantano emissioni acustiche da fascia media ma si riscattano nelle pressioni statiche dove danno battaglia in campo aperto a tutta la concorrenza facendo segnare ottimi valori lungo tutto l'arco di analisi, meglio di loro fa solo la agguerrita iPPC.
Per ciò che concerne infine le sorelline da 90 e 80mm queste, non avendo precursori, sono realmente le ventole standard ricolorate e dotate di un motore inferiore, ciò tuttavia non ne pregiudica in maniera sensibile le prestazioni che permettono alla R8 di ottenere 47CFM a 17dB(A) e alla B9 55CFM a 18dB(A) risultati molto interessanti date le dimensioni contenute e i consumi che si mantengono comunque sulla medesima linea degli attuali motori, sono infatti richiesti soli 0,6W e 0,84W rispettivamente per l'R8 e la B9 per poter operare alla potenza nominale a +12v in continua, mette in serie otto stilo AA e riuscirete ad alimentarle a piena potenza per ore!

Passando alle industrialPPC qui Noctua tira fuori dei veri e propri gioiellini sotto tutti i punti di vista, le ventole godono di una qualità costruttiva top di gamma e la solidità strutturale trasmessa è decisamente di rilievo come di rilievo sono tutte le accortezze tecniche che vengono implementate dal coperchio di rinforzo del motore in acciaio a tutte le appendici aerodinamiche utilizzate per il contenimento delle emissioni acustiche e per il miglioramento dei coni d'aria post pala. Impressionante risulta la facilità di startup e la linearità del motore assolutamente stabile in qualsiasi posizione lo si metti, le vibrazioni questi motori non sanno decisamente cosa siano e il merito va al bellissimo motore a tre fasi partorito da Noctua che è stata capace di portare quella che è una tecnologia strettamente industriale, e costosa, in un ambito consumer con un prezzo di acquisto tutto sommato accettabile.
Assolutamente di rilievo risultano le prestazioni fatte segnare da entrambe le ventole con emissioni acustiche nella parte bassa e pressioni nella parte alta dei grafici di riferimento, a tal proposito la NF-F12 iPPC si candida come la principale rivale delle GrandFlex a marchio Scythe, altre ventole di derivazione industriale, delle quali ricalca passo passo le prestazioni offrendo tuttavia un estetica migliore e consumi energetici a dodici volts di quattro volte inferiori!
Molto performante risulta anche la sorella maggiore NF-A14 iPPC che fa segnare emissioni acustiche superiori solo alla sorella P14 e alla Thermalright TY-141, quando tuttavia si va a valutare la curva prestazionale P/Q essa scava un solco netto nei confronti della diretta concorrenza, l'unica possibile rivale risulta essere la TY-143 che tuttavia ha emissioni acustiche che sfiorano i 45dB(A).
Tirando le somme su questo lungo e complesso articolo, le Noctua Redux risultano delle proposte ventilanti tutto sommato molto interessanti ma che devono essere valutate bene in fase di acquisto, a fronte infatti di una riduzione spesso minima del prezzo allo scaffale si ottiene un prodotto dalle prestazioni simili all'attuale fascia alta ma che non vanta tutto il parco di accessori che Noctua include con la stessa, l'acquisto anche di un solo kit di accessori a nostro parere deve far riflettere, colori permettendo, sul fatto che forse sia il caso di puntare direttamente ad uno scalino più sopra portandosi a casa un prodotto temporalmente più vecchio ma tecnologicamente più giovane.
Assolutamente fuori dagli schemi risultano invece le industrialPPC che con un prezzo di vendita al dettaglio di circa 26 e 28€ iva inclusa vi danno prestazioni, il top della tecnologia e una sicurezza di funzionamento a lungo termine che ben pochi altri possono garantirvi; se non avete limiti di budget fiondatevi diretti su di loro senza nemmeno consultare gli altri listini.

Nome prodotto PRO CONTRO Award Tecnici
Award prestazionali

noctua
Noctua Redux

  • NF-P14s 1500 PWM    
  • NF-P14r 1500 PWM
  • NF-S12B 1200 PWM
  • NF-B9 1600 PWM
  • NF-R8 1800 PWM

+ ottima qualità costruttiva
+ cavi sleevati
+ ottime prestazioni in funzione del campo di appartenenza
+ controlli dei flussi pre e post pala
+ controllo PWM proprietario
+ prezzo di acquisto
+ bassi consumi
+ ventole bilanciate
+ basse vibrazioni trasmesse dal motore al telaio

/

 ct silver technical

 ct high performance

noctua
Noctua iPPC

  • NF-A14 2000 PWM
  • NF-A14 2000
  • NF-F12 2000 PWM
  • NF-F12 2000

 

+ eccellente qualità costruttiva
+ struttura solida rinforzata con fibra di vetro
+ rinforzo in acciaio del coperchio motore
+ cavi sleevati
+ molex di connessione in tinta
+ antivibrazionali angolari
+ motore estremamente efficiente e lineare
+ controllo PWM proprietario
+ ottimizzazione dei flussi pre e post pala
+ basse emissioni acustiche in funzione dei CFM
+ alte pressioni statiche
+ vibrazioni sostanzialmente nulle
+ timbro di emissione spostato su frequenze fuori dal filtro A

- fenomeno di risonanza evidenziato a 680Hz@ +12V per la NF-F12

 ct gold technical

 ct best performance

Si ringrazia Noctua per aver reso possibile la creazione dell'articolo.
Commenti sul forum.


« Indietro 12/12 Avanti

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM