Da 120 a 180mm; la serie di ventole Phobya

Phobyact_lab
Phobya è una giovane azienda nel panorama dell'hardware cooling che fonda le sue origini due anni orsono grazie alla continua espansione del marchio aquatuning, tuttora alla sua guida,che con essa mette in gioco se stesso presentando prodotti che ormai interessano qualsiasi campo nell'ambito del cooling per pc, spaziando dai semplici cavi di alimentazione fino agli accessori per il liquid cooling passando da ventole,waterblock,pompe,radiatori e quant'altro. Tutti prodotti che gli permettono in data odierna di offrire un listino prodotti decisamente vasto e completo.

Se da una parte abbiamo un cosi ampio catalogo bisogna tuttavia precisare che Phobya non dispone di una catena produttiva propria ma si limita semplicemente a sondare il mercato scovando quello che esso è in grado di offrire e, nel caso in cui offra le caratteristiche per cui si dimostri valido, procede ad acquistarne i diritti rimarchiandolo e rivendendolo sotto il proprio logo; tutto quello che arriverà nei vostri case non sarà quindi fabbricato in Germania(sede legale di aquatuning e di Phobya) ma sarà prodotto nei diversi continenti del globo a seconda se il pezzo provenga dagli Stati Uniti piuttosto che dall'Asia.

Quest'oggi grazie ad una recente partnership tra la nostra testata e aquatuning, andreamo ad analizzare l'intera serie di ventole Phobya che in data attuale vanta tre ventole da 120 millimetri, una da 140mm e la sorella maggiore da ben 180mm, immessa sul mercato per soddisfare la richiesta di ventole adatte ai nuovi radiatori caratterizzati dalla medesima grandezza e ormai disponibili sia presso watercool che presso phobya stessa grazie alla serie Xtreme Nova.

Le ventole da 120 millimetri sono divise in tre modelli che ne identificano prevalentemente la fascia di utilizzo per cui sono state pensate; tra esse avremo due modelli privi di controllo PWM e uno munito del quarto cavo oltre al classico tachimetrico, significativa in questo caso è la dicitura "nano" inserita nel nome del prodotto, essa infatti identifica una tecnologia precisa e ci permette di identificare con certezza il brand di provenienza originale come vedremo nel corso della recensione.

Modello ventola Phobya G-Silent 12
Dimensioni 120x120x25mm
Colore Frame trasparente/ pale rosse
Peso 119 grammi
Voltaggio di start up 5volts
Ampere assorbiti 0,20
RPM 1500
Portata CFM 57,22
Emissioni acustiche dB(A) 25
Pressione statica mmH2o 1,61
MTBF 50000 ore
Connessione molex a tre pin
Modello ventola Phobya Nano G-12 Silent
Dimensioni 120x120x25mm
Colore Frame nero / pale rosse
Peso 119 grammi
Voltaggio di start up 5volts
Ampere assorbiti 0,22
RPM 1500
Portata CFM 63,44
Emissioni acustiche dB(A) 25
Pressione statica mmH2o 1,60
MTBF 100000 ore
Connessione molex a tre pin

 

Modello ventola Phobya Nano G-12 PWM Silent
Dimensioni 120x120x25mm
Colore Frame nero / pale rosse
Peso 119 grammi
Voltaggio di start up 5volts
Ampere assorbiti 0,22
RPM 1500
Portata CFM 63,44
Emissioni acustiche dB(A) 25
Pressione statica mmH2o 1,60
MTBF 100000 ore
Connessione molex a quattro pin

Singolo modello invece sia per quanto riguarda la misura da 140 che da 180 millimetri:

 

Modello ventola Phobya Nano-G 14 Silent
Dimensioni 140x140x25mm
Colore Frame nero / pale rosse
Peso 138 grammi
Voltaggio di start up 7volts
Ampere assorbiti 0,22
RPM 1000
Portata CFM 63,44
Emissioni acustiche dB(A) 25
Pressione statica mmH2o 1,85
MTBF 100000 ore
Connessione molex a tre pin
Modello ventola Phobya G-Silent 18
Dimensioni 180x180x32mm
Colore Frame nero / pale rosse
Peso 432 grammi
Voltaggio di start up 7volts
Ampere assorbiti 0,25
RPM 700
Portata CFM 100,00
Emissioni acustiche dB(A) 18
Pressione statica mmH2o n/a
MTBF n/a
Connessione molex a tre pin

 

 


Le ventole vengono vendute all'interno delle solite confezioni di cartone che cambiano di dimensione a seconda del modello scelto; mentre rimane costante la grafica applicata alle confezioni.
Su tutte le scatole abbiamo infatti uno stile che si ripete e che prevede nella parte frontale la stampa del "simpatico" mostriciattolo del brand, il nome della ventola ed una finestra in acrilico trasparente che permette di dare un primo sguardo al prodotto,manca in maniera piuttosto curiosa invece il logo e lo slogan "fear it!" sulla confezione della Nano-G12 Silent.
Come per la parte anteriore anche il retro è piuttosto tematico, per tutte viene riportato nuovamente il nome del prodotto acquistato, le carateristiche tecniche dichiarate, praticamente identiche per tutte e tre pur cambiando le linee di attacco delle pale,le principali features e le conformità raggiunte dalla ventola come la rhos(rispetto ambientale) e la certificazione CE, indispensabile per la vendita all'interno della comunità europea cui, ovviamente, l'Italia fa parte.

 

 

phobya-fans-package  phobya-fans-package-1 phobya-fans-package-2

phobya-fans-package-3 phobya-fans-package-4 phobya-fans-package-5

Il bundle che viene fornito a corredo con le ventole a marchio Phobya è essenzialmente differente da modello a modello non presentando, di conseguenza, una linea guida che accomuna tutti i prodotti; caso eclatante è il paragone che possiamo fare fra la G-Silent 12, sprovvista di qualsiasi bundle, e le sue due sorelle Nano G-12 che prevedono, in una, la presenza di due cavi di downvolt a cinque e sette volt mentre nell'altra, oltre al controllo pwm su molex a quattro pin, è presente uno switch per lo spegnimento manuale dei led, per entrambe inoltre sono previste le classiche quattro viti in acciaio per la ritenzione della ventola, escluse anche queste nella G-silent.
Chi volesse utilizzarla sul case è di conseguenza costretto ad acquistare pure le viti o un sistema di ritenzione secondario ad antivibrazionali o a clip di ritenzione.

g-12-silent-bundle g-12-silent-pwm-bundle g-silent-bundle

Discorso analogo al precedente anche per le ventole da 140 e 180 millimetri; con esse il bundle sarà ancora differente rispetto alle altre configurazioni.
Nello specifico con la ventola da 140 millimetri avremo a nostra disposizione unicamente un cavo di downvolt a sette volts e con la 180 avremo solo quattro viti di ritenzione nere.

phobya-g14-bundle phobya-g18-bundle

 


 

Iniziamo la nostra rassegna con la ventola che forse più si distingue fra tutte per le sue caratteristiche estetiche, la Phobya G-Silent 12.
Essa è caratterizzata da una struttura in acrilico trasparente che gli conferisce una luminosità piuttosto marcata che viene amplificata dai quattro led rossi applicati sul telaio stesso della ventola e che ne illuminano tutti gli anfratti nel momento in cui viene messa in funzione al suo voltaggio nominale.

 

 

 

 

 

g-silent-bundle phobya-g-silent-12-side-45 phobya-g-silent-12-side-3 phobya-g-silent-12-side-4

Decisamente azzeccata risulta inoltre essere la scelta di utilizzare dello sleeving e molex bianco che conferisce alla ventola quel tocco in più che può fare la differenza in fase d'acquisto; la cosidetta ciliegina sulla torta insomma.

phobya-g-silent-12-sleeve

Dal lato tecnico la ventola offre il classico layout a sette pale con line di taglio e di spinta piuttosto lineari senza particolare attenzione dedicata al controllo dei vortici pre e post pala, ogni singola struttura vanta la classica forma a doppia linea di inclinazione, passando da oltre 60° nei pressi del motore a meno di 30 nella parte più esterna della pala.
Ovviamente con una attenzione cosi maniacale verso l'estetica, risulta praticamente obbligatoria la possibilità di poter smontare le pale per effettuare una corretta pulizia del tutto; detto, fatto.

g-silent-12-impeller

 


Oltre alla versione G-Silent 12, la serie delle ventole da 120 millimetri sotto il marchio di Phobya è composta da ulteriori due modelli che vengono caratterizzati da una qualità sia costruttiva che dei materiali totalmente differente dalla precedente.
Molteplici sono infatti i fattori che ci indicano la diversa provenienza delle ventole; due di questi sono indubbiamente motore e materiale delle pale delle ventole come possiamo vedere nelle foto seguenti.

 

 

 

 

 

phobya-fans-difference phobya-fans-difference-2

Lampante risulta essere sia la differenza della rifinitura delle pale, lucida per una ed opaca per le altre, e la struttura del motore totalmente differente per ciò che concerne la sede dell'albero motore che indica, tra l'altro, la totale differenza dei due motori sleeve bearing per la G-silent e NFB per le G-12.

Abbiamo infatti introdotto all'inizio della recensione di come la dicitura "nano" all'interno del nome dei modelli delle ventole Phobya Nano G-12 PWM Silent e Nano-G12 Silent, riporti ad una azienda particolare operante nel settore già da qualche tempo.
Tale azienda, dopo afer fatto gli accertamenti del caso ed alcune semplici verifiche, possiamo dire con certezza essere la Gelid solutions, brand non molto conosciuto all'interno del nostro paese ma che cerca imperterrito di emergere anno dopo anno con ventole e prodotti innovativi.
Nello specifico con "Nano" si identifica la tecnologia implementata nel motore della ventola da ricondurre alla NFB technology (NanoFlux Bearing), la quale permette mediante un unico cuscinetto a sfera, posto direttamente sotto l'alberino della struttura ventilante, di ridurre l'attrito del motore, migliorandone la lubrificazione e diminuendo al contempo le emissioni acustiche; non neghiamo che il sistema risulta per certi aspetti decisamente molto simile ai motori dell'austriaca Noctua.

La prova del nove l'abbiamo voluta fare con una Gelid Solutions Wing 12, ventola che alla luce dei fatti risulta uguale in tutto e per tutto alla Phobya Nano G-12 Silent; unica differenza? il colore delle pale che passa da blu a rosso.

phobya-gelid-solutions-1 phobya-gelid-solutions-2 phobya-gelid-solutions-3

Dalle foto soprastanti si possono facilmente vedere i segni che contraddistinguono il produttore di una ventola, nel particolare possiamo osservare le prese d'aria del motore identiche per entrambe, la stessa inclinazione delle pale, lo stesso sleeving ed il medesimo controllo dei vortici posto all'estremità della pala.
Se ciò non bastasse abbiamo inoltre verificato che l'albero montore della Phobya monta tranquillamente sul motore NFB della Gelid Solution, allo stesso modo quello della Gelid monta sulla Phobya, le etichette in questo caso fanno da notai.

phobya-gelid-solutions-4 phobya-gelid-solutions-5 phobya-gelid-solutions-6

Se nel corso dei mesi passati abbiamo letto diverse ipotesi sul nostro forum e su portali esteri che ipotizzavano questo genere di somiglianza, oggi sicuramente possiamo dire anche un qualcosa di più ovvero che la phobya Nano G12 Silent risulta in tutto e per tutto una Gelid Wing 12 rimarchiata e venduta in europa.

 

 


Le Nano G-12, a differenza della G-silent, sono caratterizzate da un chassis nero e da una struttura palare rossa che richiama in maniera piuttosto marcata anche i colori del logo o che comunque la casa è solita usare frequentemente.
Per ciò che concerne la G-12 priva del controllo PWM, essa si presenta come una ventola utilizzante un layout a nove pale che gli permette di ottenere buoni valori di pressioni statica e di portata grazie alla migliore copertura superficiale ed alla inclinazione data alle pale stesse.
La cornicie esterna risulta essere il classico telaio nero in acrilico in uso nella stragrande maggioranza di questi prodotti, l'unica accortezza che la casa implementa è la lucidatura interna del telaio che permette cosi, a ventola accesa, di creare giochi di luce sicuramnete graditi agli amanti del genere.

Indubbiamente buona la qualità dello sleeving e delle guaine termorestringenti che offrono una buona presa ed una ottima copertura dei cavi lasciando trasparire decisamente poco.

 

phobya-g12-silent phobya-g12-silent-2 phobya-g12-silent-3

Dal lato tecnico la G-12 come la wing 12 di Gelid solutions, offre delle linee di taglio e di spinta piuttosto regolari comunemente utilizzate nel campo, le saldature e la qualità costruttiva nel complesso risulta ad ogni modo pienamente soddisfacente; le pale sono termosaldate in maniera precisa al rotore centrale e la qualità dei materiali assicura una buona resistenza alla ventola.
Unico appunto segnalabile è la presenza di qualche sbavatura dovuta al taglio delle pale stesse, se da lontano è assolutamente non visibile da vicino possiamo facilmente notare dei residui bianchi depositati sul bordo della pala, essi tuttavia non inficiano minimamente ne sul comportamento ne sull'estetica del prodotto.
Interessante risulta inoltre notare il controllo dei vortici posto nell'estremità superiore della superfcie ventilante, esso si compone essenzailmente di una pinna alta circa 3 millimetri avente la funzione di stabilizzare i flussi i uscita dalla ventola smorzando cosi il consueto cono d'aria che si viene a creare post ventola, non molto efficace in termini pratici ma sicuramente meglio di niente.

phobya-blade phobya-blade-2

 

Esteticamente parlando la G-12 PWM silent risulta identica alla sua sorella priva del controllo PWM appena analizzata, le uniche differenze sono quindi sul piano tecnico.
Oltre ad avere ovviamente un molex a quattro pin la G-12 PWM offre una inaspettata feature; essa consiste nell'utilizzo di uno switch a due posizioni che vi permetterà di spegnere o accendere i quattro led implementati nella ventola, indubbiamente una funzione più che apprezzata.
Rimangono invece sostanzialmente immutati, sleeving,chassis,pale e motore con l'unica differenza che questo NFB monterà la circuiteria per il controllo PWM.

g-12-pwm-sleeve g-12-pwm-switch g-12-pwm-engine

 

 


Le ventole da 14 e 18 centimetri di Phobya sono ancora una volta totalmente differenti; le case che stanno dietro a questi prodotti sono completamente slegate e sicuramente possiamo quasi escludere che si tratti ancora una volta di Gelid Solutions, almeno per la 180mm.

La Phobya G-14 ricalca esteticamente le linee delle sorelle minori presentando ancora una volta un telaio nero e un layout a 11 pale di colorazione rossa privo di controllo dei vortici e dalla buona qualità costruttiva; ancora una volta il blocco ventilante è facilmente rimovibile dal corpo motore per procedere con la periodica manutenzione.

 

 

 

 

phobya-g14  phobya-g14-2 phobya-g14-3 phobya-g14-bundle

Da notare nuovamente, la presenza di uno sleeving ad alta copertura e la presenza di un molex a tre pin di colore nero, la ventola monta inoltre uno telaio lucidato a specchio e quattro led di colorazione rossa che permettono di creare la caratteristica turbina a ventola in funzione.

Discorso completamente diverso doppiamo invece fare per la ventola da 180 millimetri di diametro, qui Phobya ha puntato su un prodotto che prima di tutto offra solidità e che in secondo luogo offra delle discrete performance.
La G-18 infatti ha un peso compelssivo di quasi mezo kilo e presenta pale dello spessore di ben tre millimetri che conferiscono solidità e stabilità all'intero complesso ventilante che offre una soluzione lineare senza particolari appendici aerodinamiche.


phobya-g18-blade

 

 

In questo caso si è optato per una soluzione a sette pale, dando a queste ultime una superficie ventilante decisamente estesa al fine di aumentarne il pescaggio in funzione degli rpm.
Decisamente interessante è la collocazione delle pale sulla struttura ventilante, esse infatti non vengono termosaldate unicamente lateralmente al perno motore ma hanno addirittura la parte più interna che solca la parte cilindrica centrale per poi dare spazio, mediante uno scalino, alla pala vera e propria.
Tale soluzione ha la duplice funzione di stabilizzare l'enorme superficie ventilante diminuendo le vibrazioni ed aumentando la pressione statica nei pressi del motore, quasi a valori trascurabili con questo tipo di prodotto.

phobya-g18-bundle Phobya-g-18-2 Phobya-g-18-3

Presenti anche su questa ventola i canonici quattro led incassati nel telaio mentre, a differenza ti tutta la serie Phobya, manca lo sleeving nero sui cavi di alimentazione che rimangono sfusi uno ad uno e vengono crimpati su un molex a tre pin marrone.

phobya-g18-led

 

 


Le ventole di casa Phobya  sono state testate secondo la nostra consueta metodologia di test, essa può essere liberamente consultabile al segunte indirizzo web:
http://www.coolingtechnique.com/guide/metodologie-di-test/399-galleria-del-vento.html

Per le ventole da 120mm viene inoltre applicata una seconda metodologia che ne verifica il pescaggio attraverso un radiatore reference dalla media resistenza aerodinamica, anche quest'ultima metodologia è liberamente consultabile al seguente url:
http://www.coolingtechnique.com/guide/metodologie-di-test/620-raffreddamento-ad-arialiquido-ventole-qair-through-radiatorq.html

 

Nome ventola: Phobya G-Silent 12

g-silent-12-data

Video in Full HD

Nome ventola: Phobya Nano G-12 Silent

nano-g-12-data

Video in Full HD

Nome ventola: Phobya Nano G-12 PWM Silent

nano-g-12pwm-data

Video in Full HD

Nome ventola: Phobya Nano G-14 Silent

nano-g-14-data

Video in Full HD

Nome ventola: Phobya G-Silent 18

g-18-data

Video in Full HD


 

 

 

 

 

 

 

 

 

120mm

Db(A)/CFM (Rumorosità)                            Pressione(mmh2o)/CFM (Prestazioni)

dba-120mm pressure-120mm

RPM/CFM(Pescaggio)

rpm-cfm-120

140mm

Db(A)/CFM (Rumorosità)                            Pressione(mmh2o)/CFM (Prestazioni)

 dba-cfm-140 pressure-g14

RPM/CFM(Pescaggio)

cfm-rpm-g14

180mm

Non avendo valori di riscontro ed essendo un modello, alla data attuale, piuttosto di nicchia; la 180mm viene comparata con le ventole con il maggior diametro ventilante fino ad ora testate.

Db(A)/CFM (Rumorosità)                            Pressione(mmh2o)/CFM (Prestazioni)

dba-cfm-g18 pressure-g18

RPM/CFM(Pescaggio)

rpm-cfm-g18

 

 


Le ventole che Phobya quest'oggi ci ha permesso ti testare sono prodotti che si distinguono uno dall'altro per materiali di costruzione e performance; essi non hanno molti punti in comune e l'how to che sta dietro ai singoli modelli è sostanzialmente differente; se si volesse raffreddare un'intero pc usando unicamente i vari modelli Phobya si rischierebbe caldamente di montare dieci marche differenti all'interno del case con motori che emettono a frequenze differenti risultando cosi più rumorosi rispetto ad una pari soluzione di case a singolo produttore.

Nelle ventole da 120 millimetri testate si hanno grossomodo due blocchi comportamentali chiaramente visibili dai grafici prestazionali, se da un lato le due "nano" equipaggiate con motore NFB di produzione Gelid solutions risultano pressochè speculari in tutti i test, la G-Silent si stacca dal gruppo e fa segnare, a parità di CFM, pressioni statiche leggermente superiori(in media 0,1mmh2o) che tuttavia non giustificano il problema di risonanza rilevato attorno ai 10 volts dove la ventola passa da una emissione acustica di 15dB(A) a 19dB(A) a fronte di un incremento della portata di soli 4CFM, pagando di conseguenza un decibel per ogni CFM generato.

Estendendo il quadro alle soluzioni di terzi, la panoramica che otteniamo risulta essere piuttosto accettabile per ciò che concerne le emissioni acustiche dove tutte e tre le ventole fanno segnare buoni valori posizionandosi a metà del gruppo ottenendo parametri al di sotto di marchi come Noctua,Scythe GT e Coolink, se passiamo tuttavia al quadro delle performance le ventole non sono certamente le migliori attualmente presenti sul mercato, peggio di loro fanno unicamente la Multiframe S2( ventola ormai riconosciuta come chiaramente orientata al silenzio) e la coolink SwiF2 120P che si trova, in quel range di rpm, a medi voltaggi e termina comunque la sua corsa a pressioni decisamente più alte rispetto alle Phobya.

Discorso analogo è previsto per la Nano G-14 Silent, se da un lato le prestazioni in termini di pressione acustica sono ampiamente accettabili dall'altro si nota chiaramente, nei grafici della pressione del pescaggio, di come il produttore abbia dovuto sbilanciare la ventola al fine di diminuire le emissioni acustiche andando incontro ad un'alto pescaggio(top di categoria) che comporta inevitabilmente una sensibile perdita di performance a livello di pressione; in questo ambito la G-14 risulta, anche con un certo margine, la peggiore 140mm fino ad ora testata.
Passando alla G-Silent 18, in data attuale ci risulta difficile tirare delle somme; essa risulta un prodotto piuttosto di nicchia e con margini di vendita decisamente più contenuti rispetto alle soluzioni fin qui descritte.
Con questo tipo di Soluzione Phobya ha voluto andare a coprire unicamente quella fetta di mercato che si avvicina ai radiatori che possono ospitare ventole da 180millimetri fornendo un prodotto bilanciato e solido che possa soddisfare le esigenze dell'utente.
Inevitabili sono tuttavia le curve prestazionali che caratterizzano questo genere di soluzioni, nello specifico i nostri test evidenziano un altissimo pescaggio che porta a basse emissioni acustiche, solo 16dB(A) per oltre 50CFM, ed ad altrettando basse pressioni statiche che si assestano su valori di circa 1.7mmh2o inferiori rispetto ad una Wing Boost di casa Alpenföhn(EKL).

Rimane piuttosto curioso infine capire di come Phobya, o chi per essa, abbia misurato e dichiarato le portate di quest'ultima dato che, escludiamo nella maniera più assoluta, possa generare un flusso d'aria pari a 100CFM cosi come riportato sulla confezione e sul sito ufficiale di riferimento.

Nome prodotto PRO CONTRO Eventuali Award
Phobya G-Silent 12

+Materiali di ottima qualità
+Tanta attenzione all'estetica
+Discreto bilanciamento
+Sleeving e molex in tinta
+Pale removibili

-Bundle inesistente
-Risonanza a +10v

ct_silver_technicalct_medium_performance
Phobya Nano G-12 Silent

+Materiali di buona qualità
+Ottimo sleeve
+cavi di downvolt in bundle
+Pale removibili

-Prestazioni inferiori alla media

ct_bronze_technicalct_medium_performance
Phobya Nano G-12 PWM Silent

+Materiali di buona qualità
+Ottimo sleeve
+cavi di downvolt in bundle
+Pale removibili

-Prestazioni inferiori alla media

ct_silver_technicalct_medium_performance
Phobya Nano G-14 Silent

+Materiali di buona qualità
+Ottimo sleeve
+Pale removibili

-Basse prestazioni in termini di pressione statica ct_low_performance
Phobya G-Silent 18 +Ottimi materiali
+Ventola decisamente solida e robusta
+Silenziosa
-Cavi non sleevati
-Basse pressioni statiche
-Pesante (≈0.5kg)
ct_high_performance

Si ringrazia aquatuning per la concessione dei samples in esame.

Commenti sul forum.