Recensione NZXT Kraken X40

Il Software di gestione che avremo in abbinamento con la serie Kraken èun programma incredibilmente semplice ma che allo stesso tempo permette impostazioni ben più complesse che richiederebbero qualche oretta di applicazione con algortmi di terzi.
Andiamo tuttavia per ordine, come visto in precedenza il software viene fornito all'interno di un semplicissimo CD contenuto nella più classica busta di carta, appena inserito nel pc(vista/7/8 o MacOS X) avremo l'exe che ci guiderà nelle varie fasi di installaziione; nulla di compelsso avremo il solito disclaimer da accettare e da selezionare la cartella di installazione, il tutto si svolge in maniera molto semplice e veloce.
Ad applicativo avviato vedremo che verrà riconosiuta correttamente la periferica sulla porta USB utilizzata e il software del kraken manderà a schermo la schermata di apertura; essa è costituita da una finestra avente in primo piano gli rpm di pompa e ventola, la temperatura del liquido e la temperatura della CPU; si noti che per tale aspetto le temperature di cui sotto non si riferiscono a nessuna CPU raffreddata dal sistema in oggetto ma si rifanno ad un i7 del laptop utilizzato per l'analisi del software.

start

 Nella parte superiore e inferiore della schermata principale abbiamo rispettivamente un selettore di profilo "extreme/silent/custom" che ci permetterà di switchare tra le varie modalità in maniera rapida e precisa a seconda delle situazioni, e quattro ulteriori tab per la navigazione all'interno del software stesso.
La prima sotto il nome di "Graph" ci porta ad una schermata in cui il sistema logga e crea due grafici inerenti gli RPM della ventola e la temperatura del liquido unita con quella registrata sul primo core della CPU rapportando il tutto al tempo passato dall'inizio della monitorizzazione.

grafici

 Spostandoci a destra, nella tab successiva "fan setting" abbiamo a disposizione il controllo della ventola mediante set point; quetso è suddiviso mediante tre profili differenti extreme-silent-custom e permette all'interno di ciascuno di posizionare sei set point che stabilisto a quale specifico valore di rpm deve lavorare la ventola al raggiungimento di una data temperatura.
Ovviamente tutti e tre i profili possono essere modificati a piacere:

nzxt-software-fan-settingnzxt-software-fan-setting2nzxt-software-fan-setting3

Saltando per un momento la scheda inerente il controllo dei led, l'ultima sezione ci permette di impostare la lingua(solo l'inglese per ora risulta disponibile), il tempo di log e la durata dello stesso, il tipo di gradi visualizzati, e il limite a cui deve essere notificato un warning all'utente se gli rpm scendo sotto un determinato valore o se il liquido supera una soglia di temperatura prestabilità. L'allarme è essenzialemnte costituito da un popup che avvisa l'utente, nessuna azione viene presa dal software anche nel caso in cui ci siano gravi malfunzionamenti.

settingwarning

Ritornando al controllo die led la schermata ci permette di controllare l'illuminazione della scritta "NZXT" presente sul monoblocco centrale del sistema, la regolazione avviene mediante l'utilizzo di un led RGB dalle discrete prestazioni; diverse tonalità intermedie se pur impostabili da software non vengono infatti riprodotte dal gruppo ottico che si limita a riprodurre gli accoppiamenti principali. Sarebbe stato forse eccessivo sperare in perfette sfumatore da quello che di fatto è più un optional che una vera e propria caratteristica del prodotto in oggetto.

ledsetting

Di seguito una carrellata delle principali colorazioni riprodotte ed un video dell'utilizzo del "fading" selezionabile da software.

 kraken-led-1  kraken-led-3kraken-led-4

kraken-led-5kraken-led-6kraken-led-2kraken-led-7

 

 


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM