Recensione Silverstone Tundra TD03

Con il Tundra TD03 Silverstone entra sicuramente a gamba tesa nel mercato dei sistemi di raffreddamento a liquido compatto, posizionando la sua soluzione come una via di mezzo tra la intraprendente offerta di Cooler master con l'Eisberg e la monotonia dei sistemi OEM tutti uguali sotto il profilo estetico e della dotazione.
Eccellente da un punto di vista qualitativo risulta tutta l'offerta dell'azienda che lascia largo utilizzo all'alluminio e al rame limitando la plastica unicamente alle ventole e a pochi semplici particolari della pompa e radiatore, costruendo tutto il resto in solido metallo che risulta, ciò nonostante, capace di rispettare tutti gli accoppiamenti in fase di produzione chiaro segno di un rigoroso Quality control a monte che non può far altro che piacere in un periodo dove tutto è volto al contenimento dei costi.
Ottima risulta anche tutta la dotazione di serie con clip di ritenzione da ben 5mm di spessore e viti con relative molle di carico in acciaio lucidato a specchio che affiancano un backplate in acciaio, pasta termoconduttiva di fascia alta e antivibrazionali in gomma di produzione 3M, tutto al top del mercato.
Per ciò che concerne la scelta della componentistica elettronica Silverstone punta un po sul sicuro inserendo due ventole da 120mm oggettivamente sovradimensionate per i carichi termici presenti sulle piattaforme di oggi, entrambe le ventole a +12v sono infatti capaci di produrre realmente 190CFM, una portata d'aria largamente sufficiente anche per carichi superiori ai 300W che difficilemente, anzi diciamo pure è impossibile, ritrovare in ambito daily use o in overclock spinti. Le ventole vanno quindi viste in ottica di downvolt, se pure questo non sia direttamente previsto dal setup di Silverstone che non fornisce ne cavi di downvolt ne software di controllo, dove una possibile tensione per l'utilizzo giornaliero possono essere i 7volts, qui a fronte di una emissione acustica relativamente contenuta pari a 18Db(A) la ventola esercita una portata di 60CFM capaci tranquillamente di gestire carichi nell'ordine dei 150W cui rientrano larga parte delle macchine circolanti.
Due parole vanno spese anche sulla pompa, essa come descritto nel corso della recensione risulta una 12v in corrente continua che viene alimentata direttamente da un molex a tre pin, a differenza delle ventola essa è tuttavia parecchio silenziosa e nel 99,99% delle situazioni non richiederà alcuna modifica e potrà essere lasciata operare al pieno delle proprie funzionalità, solo nei sistemi interamente fanless potrebbe dare un leggerissimo fastidio ammesso sempre che riusciate a sentirla, sicuramente una delle pompe più silenziose fino ad ora testate.

Passando a quel che sono le prestazioni pure dell'intero sistema, Silverstone sa decisamente il fatto suo; le modifiche apportate al radiatore e l'utilizzo di un unibody interamente in alluminio segnano infatti in maniera inequivocabile la curva comportamentale del prodotto. Se la migliore gestione dei flussi ventilanti permette di livellare il Tundra agli alti carichi con il diretto contendente di NZXT, equipaggiato con la quarta generazione dei liquidi compatti di casa Asetek, facendo segnare praticamente le stesse temperature; il discorso cambia ai bassi e medi carichi termici, qui il TD03 fino a 125W di carico grazie all'enorme buffer messo a disposizione del monoblocco in alluminio riesce ad ottenere temperature persino più basse dell'Eisberg 240L equipaggiato con un radiatore da 240mm in rame prendendo poco più di 1°C a 90W dall NH-U14S di Noctua, ad oggi il miglior risultato ottenuto da un AIO a 25-50 e 90W di carico.
Il Silverstone Tundra TD03 è attualmente venduto sul mercato nazionale ad un prezzo di 99,90€ tasse incluse, stesso prezzo del kraken X40 ma con prestazioni migliori ai bassi carichi termici e pressochè identiche ai medi e alti wattaggi; se si è disposti a rinunciare al software di controllo e non si è interessati ad una soluzione ad aria, il TD03 di Silverstone ad oggi è il meglio che il mercato possa offrire soprattutto sui carichi termici che più interessano le architetture di ultima e penultima generazione.

 

Nome prodotto PRO CONTRO Award tecnici
Award prestazionali

silverstoneSilverstone Tundra TD03

+ ottima qualità costruttiva
+ materiali di prima qualità
+ estetica curata
+ ventole performanti
+ base in rame elettrolitico priva di viti a vista
+ monoblocco in alluminio
+ radiatore performante anche a basse portate
+ liquido anticorrosivo di serie
+ possibilità di smontare il sistema
+ eccellenti prestazioni ai bassi e medi carichi termici
+ dotazione di fascia alta
+ pompa silenziosa

- assenza di cavi di downvolt
- materiale dei tubi migliorabile

ct gold technical ct high performance 

Si ringrazia Silverstone per l'AIO oggetto dell'articolo di oggi.
Commenti sul forum.

 

 

 


« Indietro 9/9 Avanti

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM