Recensione Arctic Liquid Freezer 120 e 240mm

I due nuovi liquidi compatti di casa Arctic arrivano in due confezioni di cartone che lasciano sicuramente spiazzati da quanto sono piccole, il segreto sta tutto nella saggia distribuzione dei componenti all'interno; ogni singolo millimetro quadro viene sfruttato al meglio e il risultato ne sono delle confezioni davvero contenute, azzarderei un meno della metà rispetto ai 240mm concorrenti.

Chiusa la piccola parentesi volumetrica le confezioni sfoggiano una grafica molto semplice ed elegante: sfondo bianco con panoramica del prodotto sulla parte frontale, sfondo bianco con principali features sul retro con annessa illustrazione delle stesse e laterali con l'elenco delle caratteristiche tecniche di ventole e sistema di raffreddamento a liquido compatto.
Chiude il tutto la parte superiore ed inferiore che viene colorata di azzurro e accompagnata dal logo di Arctic assieme ad una breve frase che cerca di sintetizzare un po la politica che sta dietro agli AIO. Interessante in questo caso risulta notare come la casa faccio largo uso dei QrCode.
Sia qui che nel libretto di istruzioni troveremo infatti il codice da scannerizzare che ci porta direttamente alla pagina del prodotto e al relativo libretto di istruzioni in formato digitale.

Arctic Liquid Freezer 240

arctic liquid freezer 240 package arctic liquid freezer 240 package5

arctic liquid freezer 240 package3 arctic liquid freezer 240 package4 arctic liquid freezer 240 package2

Arctic Liquid Freezer 120

arctic liquid freezer 120 package arctic liquid freezer 120 package2 arctic liquid freezer 120 package3

All'interno delle confezioni troveremo una dotazione sostanzialmente identica per entrambe le versioni, l'unica cosa che cambia tra i due sistemi risulta il parco ventilante che si ferma a due unità da 120mm per l'AIO munito di radiatore a singolo slot mentre per il 240mm avremo la fornitura di ben quattro ventole da 120mm che analizzeremo a breve.
Oltre a ciò abbiamo la presenza del classico sistema di ritenzione di Asetek e quindi sezione circolare in acciaio dentellata come staffa di ritenzione, backplate in plastica a croce, viti di ritenzione con relative rondelle, dadi zigrinati e distanziali diversificati per i socket intel 115* e 2011.
Come ulteriori accessori ci vengono inoltre fornite due fascette in plastica per un minimo di cable management e una bustina usa e getta di MX-4, attuale cavallo di battaglia in fatto di paste termoconduttive per quanto riguarda Arctic.

arctic liquid freezer bundle

liquid freezer bun crop liquid freezer bun crop2

La qualità generale della dotazione è più che soddisfacente, la viteria gode tutta di un'ottima nichelatura nera, i dadi vantano una zigrinatura che permette una salda presa con le mani anche per chi solitamente si trova in difficoltà in questo genere di applicazioni.
Semplicissime risultano anche le fasi di installazione, si impiegano letteralmente 60 secondi ad installare il sistema all'interno del proprio PCB:

  1. si avvita la corona sulla base del gruppo pompa
  2. backplate sul retro della scheda madre
  3. si fissano i quattro distanziali
  4. si blocca in sede la corona inserendo i relativi fori tra i distanziali e i dadi zigrinati

Quattro passaggi semplici semplici, difficile pensare ad un qualcosa di ulteriormente semplificato che non siano i pushpin originari di casa Intel.
l'unico appunto che forse possiamo muovere, se pur sia un difetto cronico che Asetek si porta avanti da anni, risulta la pressione che questo sistema è in grado di esercitare sul processore, la lamina della staffa di ritenzione risulta infatti decisamente sottile tanto che flette vistosamente non appena si supera una determinata soglia di carico. Un paio di decimi di millimetro in più renderebbero il sistema più solido e permetterebbero di scaricare maggiore pressione sull'IHS a tutto vantaggio delle prestazioni senza pregiudicare in maniera sensibile la sicurezza sia del sistema che della scheda madre su cui lo stesso sta andando ad operare.

 


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM