Recensione Corsair H80i v2 e H100i v2

Come per i fratelli maggiori H115i e H110i per entrambi gli esemplari in analisi quest'oggi la confezione prevede una grafica a predominante nera con bande grafiche orizzontali dal giallo acceso e dai testi descrittivi in bianco che fanno da contorno alle foto panoramiche dei sistemi appena acquistati, legando il tutto con il classico schema cromatico usato da Corsair da qualche anno a questa parte per ciò che concerne il packaging dei propri prodotti.
Scendendo un filino più nel dettaglio, la porzione principale propone una struttura abbastanza consueta con foto panoramica in posizione centrale, nome dell'AIO affiancato dai loghi che ne attribuiscono i 5 anni di garanzia, la presenza di due ventole da 120mm e la compatibilità con il software Corsair LINK.
Sotto di essi si sviluppa una ulteriore porzione che descrive in maniera letterale quelle che sono le principali caratteristiche in tre lingue differenti (EN/FR/DE), si spazia dall'evidenziare le prestazioni alla possibilità di personalizzare i led fino al sottolineare la possibilità di gestire pompa e ventole.

corsair hydro v2 package 

Più ricchi di spunti tecnici risultano i restanti lati che ci riportano alcuni disegni con le quote millimetrate degli ingombri, i socket compatibili - praticamente tutti quelli usciti da sette anni a questa parte- , i sistemi operativi che supporta il software di controllo a bordo, un elenco della dotazione che accompagna l'Hydro da noi acquistato e la netta differenza in termini di resa calorica  rispetto alla soluzione stock che intel fornisce con i propri processori.
Presenti sono poi gli immancabili loghi di conformità per il mercato comunitario europeo e l'FCC Americano che ne certifica un basso impatto in termini di inquinamento elettromagnetico.

hydro h80i v2 package hydro h80i v2 package2 hydro h80i v2 package3

Oltre alle confezioni che fanno da base per l'intera serie riproponendo per tutti il medesimo pattern, risulta molto simile anche la dotazione che viene affidata ai vari Hydro di Corsair. Escluso l'H110i che viene prodotto da CoolIT, l'H80i v2, l'H100i V2 e l'H115i vengono tutti prodotti da Asetek che di conseguenza ne armonizza anche il bundle fornendo davvero minime differenze tra un prodotto e l'altro.
Partendo dall'H80i V2 a nostra disposizione avremo una fornitura di accessori che prevede, oltre alla manualistica in bianco e nero e una guida alla garanzia, la presenza di:

  • una staffa di ritenzione in acciaio a sezione circolare per socket AMD (Intel premontata di serie)
  • otto viti in acciaio M3 verniciate di nero per la ritenzione delle due ventole fornite
  • quattro distanziali specifici per socket intel 2011
  • quattro distanziali per socket Intel 115x/1366
  • quattro distanziali per i socket AMD
  • quattro dadi in acciaio zigrinati con testa munita di impronta philips
  • otto rondelle di guarnizione
  • un backplate in plastica nera
  • un cavo di interfaccia USB con la scheda madre

Corsair h80i v2 bundle

Praticamente identica, come accennato, risulta la dote dell'H100i v2 che tuttavia affianca alle otto viti di ritenzione per le ventole altre otto viti M3, sempre in acciaio sempre verniciate di nero, per poter fissare al tetto o a qualsiasi altra paratia dello chassis il radiatore da 240 millimetri che equipaggia la versione più grande in analisi su queste pagine.

Corsair h110i v2 bundle Corsair h110i v2 bundle2

Al solito la qualità del bundle risulta più che accettabile, Asetek viene da anni di esperienza nel settore e sa bene gli accorgimenti da prendere; tutto è nel posto giusto e le accortezze che servono sono tutte presenti grazie alla differenziazione dei distanziali per i vari socket, viti pretagliate a misura per scongiurare forature del radiatore e dadi di carico con un ampia zigrinatura per permettere una salda presa sugli stessi senza ricorrere necessariamente a cacciaviti o strumenti annessi.
Stona, come avevamo già sottolineato, il backplate che risulta in plastica flessibile..forse un po troppo flessibile; per carità si tratta di un componente che con queste proposte dovrà sostenere si e no un paio di etti di peso ma il biglietto da visita non è dei migliori, soprattutto se si proviene da dissipatori ad aria di fascia alta muniti di staffe di ritenzione decisamente più massicce e pesanti di quest'ultimo.


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM