Comparativa sleeve 2010

Oltre alla mera presenza dei materiali utilizzati in ambito comune presentati nelle pagine precedenti, abbiamo deciso grazie alla collaborazione con Techflex di dedicare una pagina dell'articolo a delle soluzioni ingegneristiche utilizzate in rami della tecnica decisamente più complessi rispetto all'ambiente casalingo dove si trovano ad operare le guaine usate all'interno dei desktop pc.
Questo tipo di prodotti lascia totalmente o parzialmente in disparte i materiali fin qui visti, utilizzando materiali di ultima generazione e lavorazioni decisamente avanzate per uno sleeve.

Per questo genere di manufatti abbiamo deciso di prendere un approccio sostanzialmente differente, non saranno infatti catalogati come i precedenti tramite tabella ma ci limiteremo a presentarli con foto illustrandone le features principali, la scelta è dettata dal semplice fatto che questa non vuole risultare un analisi dei prodotti ma, dati i costi dei prodotti, vuole essere unicamente una appendice alla comparativa sin qui svolta.

Il primo sleeve che vogliamo presentarvi e che sappiamo già che stuzzicherà l'attenzione di molti, è uno sleeve costruito al 100% in Kevlar; un materiale la cui fama ci precede e che viene ampiamente utilizzato in ambito militare e civile.
Il Kevlar infatti è una fibra sintetica inventata nel 1965 dalla DuPont, azienda Americana celeberrima che detiene diversi brevetti tra cui ritroviamo anche Nylon ed il neoprene, e che da anni è la prima esponente dei composti aromatci e non solo; trovando impieghi anche nel mercato delle pile a combustione e in praticamente tutti i settori in cui vengono utilizzati elastomeri e fibre sintetiche.
Il kevlar nello specifico appartiene al ramo delle fibre sintetiche; una delle sue caratteristiche principali e il fatto di resistere, a parità di peso, dalle tre alle sette volte più dell'acciao rendendolo di conseguenza una delle fibre più interessanti dal punto di vista tattico.
Esso viene largamente usato in ambito militare,automobilistico e civile trovando applicazione negli elmetti dei marines e dei nostri vigili del fuoco, nelle corde da arrampicata e negli altoparlanti Hi-FI di fascia alta, nei tubi dell'olio di auto,moto e dei veicoli da copetizione in linea generale, nei veivoli di tutte le fascie e nelle imbarcazioni dalle più semplici alle più complesse...insomma potremmo continuare all'infinito.

Ovviamente il kevlar, strano a dirsi ma viene utilizzato anche per gli sleeve, nel nostro caso ci viene fornito nel diametro da 1/4" in colorazione giallo paglierino(colore naturale) e come tale è bene tenere bene a mente che in questo caso l'espansione è parecchio limitata; stiamo pur parlando di una fibra parecchio più resistente dell'acciaio.

kevlar-sleeve kevlar-macro

Specifiche tecniche, da notare la forte sensibilità ai raggi UV.
kevlar-specifiche

Video

                                                          

Il secondo sleeve di cui andiamo a parlare è strettamente legato a quello appena visto e in fatto di resistenza è la soluzione a relativo basso costo che il mercato ci propone subito dopo.
Stiamo ovviamente parlando dell'acciaio Inox, in questo caso la casa ci ha fornito una calza formata da una maglia a tre filamenti non applicando nessun tipo di colorazione artificiale al metallo; le applicazioni di questo tipo di guaina sono prettamente industriali dedicate a quel tipo di macchinari che richiedeno una protezione di tubi e cavi significativa acquistando una considerevole rigidità.
Caratteristiche peculiari dell'acciaio sono, oltre alla ovvia resistenza, la capacità di resistere alla stragrande maggioranza di acidi disponibili sul mercato e la caratteristica di non subire decadimenti qualora venga esposto ai raggi UV, cosa che succede con la controparte in kevlar.

acciaio-macro-calza acciaio-sleeve

Specifiche tecniche

steel-braided-spec

Video

                                                            

Ritornando ai polimeri la Techflex ci offre infine due soluzioni decisamente interessanti e che possono trovare, a fronte di un esborso in termini monetari piuttosto significativo, applicazione anche all'interno dei nostri chassis.

La prima soluzione viene denominata Flexo conductive e viene progettata per la salvaguardia dei cavi altamente sensibili ad interferenze e a cariche elettrostatiche facendo inoltre da schermo al cavo nel momento in cui ci fossero delle scariche elettriche indesiderate; l'isolamento è dato da un processo brevettato di carbonizzazione del Nylon che permette alla guaina di condurre corrente elettrica e di scaricarla al suolo senza che il cavo o i cavi contenuti al suo interno ne risentano minimamente.

flexo-conductive flexo-conductive-macro

Specifiche tecniche

conductive-sleeve-spec

Video

                                                          

La seconda soluzione è altrettanto affascinante ed è decisamente inaspettata, essa è una guaina fonoassorbente in grado di combinare al contempo resistenza all'abrasione, eccellente copertura dei cavi ed eliminazione del rumore; tutto in un unico prodotto.

Ciò è reso possibile grazie all'utilizzo di PET a singolo filamento e PET multifilamento cui vengono affiancate delle fibre di produzione proprietaria in grado di assorbire gli eventuali decibel creati; unica controindcazione è l'infiammabilità del composto qualora venga esposto alle alte temperature.

noise-reduction noise-reduction-macro

Specifiche tecniche
noise-reduction-sleeve-spec

 

 


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM