Recensione FSP Aurum Xilenser 500W

Il FSP Aurum Xilenser 500W arrivato nei nostri locali è in versione modulare; solo il connettore per la scheda madre è fisso, mentre tutti gli altri cablaggi sono modulari, con le relative connessioni raggruppate nel pannello posto appena sotto il cavo principale da 24pin.

Nella seguente tabella sono riportati tutti i cavi e connettori a disposizione, con le relative lunghezze.

Cavi e connessioni
Principale 24pin 1x 550mm fisso
ATX12V/EPS12V 4+4pin 1x 650mm modulare
PCI-E 2x 6+2pin
2x 550mm-100mm modulare
Cavo 3x SATA 1x 550mm-155mm-155mm modulare
Cavo 2x Molex + 1x SATA 2x 550mm-155mm-155mm modulare
Adattatore Molex-FDD 1x 150mm

 

Nel complesso la dotazione di cavi e connettori è sufficiente; si hanno a disposizione infatti 5 connessioni SATA e 4 PCI-Express da 6+2pin per configurazioni multi-gpu; sono quattro invece i classici Molex da 4pin, una quantità forse non eccezionale considerato che possono tornare sempre utili per alimentare, ad esempio, ventole o periferiche extra.

La lunghezza dei cavi è buona, sufficiente anche per i case un pò più grandi; il cavo per la scheda madre è lungo 550mm,  mentre quello ATX12V/EPS12V da 4+4pin circa 650mm.

I due cavi PCI-Express sono lunghi circa 650mm, con il primo connettore a 550mm e il secondo distante 100mm dal primo, distanza un pò troppo limitata. Non è così invece per gli altri cavi, per i quali i vari connettori sono distanzati di circa 155mm, un buon valore che rispetta le raccomandazioni delle specifiche ATX.

Nulla da ridire sulla qualità di tutti connettori, che sono privi di sbavature e si incastrano alla perfezione tra di loro; unico piccolo neo sta forse nella leggera difficoltà che si incontra nell'estrarre i cavi modulari dal pannello.

Notiamo infine che tutti i cavi sono 18AWG (ad eccezione dei due cavi +12V1 e +12V2 del connettore ATX da ben 16AWG), dimensione corretta per le potenze in gioco.

Arriviamo quindi allo sleeving dei cavi; FSP qui ha adotatto una soluzione un pò particolare per mezzo della quale tutti i cavi modulari non sono rotondi come di consuetudine, ma rimangono piatti; il "Low Profile Flat Cabling System", come definito dalla casa stessa, permette di ottimizzare i flussi d'aria all'interno del proprio case e di ottenere una integrazione più pulita.

Questo risultato è stato ottenuto grazie all'impiego di calze in gomma nera su tutti i cavi, ad eccezione del cavo principale da 24pin che utilizza uno sleeving tradizionale in nylon. L'idea è interessante, ma la realizzazione forse un pò meno; lo sleeving non copre interamente i cavi ma lascia sistematicamente scoperti circa 20mm di cavo (come in moltissimi altri alimentatori d'altronde) ed inoltre il termorestringente impiegato non è stato ben stretto e lo si può scalzare dalla sua posizione con facilità, come si nota dalle seguenti immagini.

sleeving 1 sleeving 2

sleeving sata sleeving length

 Quest'ultimo dettaglio lo si può notare molto bene anche sul cavo da 24pin, all'altezza dello chassis, dove il termorestringente è molto lasco.

 

psu back sleeving

C'è poi da discutere sulla rigidezza dei cavi così inguainati, perchè risultano decisamente meno flessibili rispetto ad uno sleeving tradizionale, permettendo così delle curve meno strette, a tutto svantaggio dell'integrazione nel sistema e del cable management; d'altronde o si ha la botte piena o la moglie ubriaca.

 

cable curve

Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM