Recensione PSU Super Flower Golden Silent SF-500P14FG - 0DB(A)

super flower
Attiva fin dal 1991 sul mercato Asiatico, Super Flower ha di recente esteso le proprie radici in Europa dove grazie a partnership con importanti distributori del vecchio continente è riuscita a introdurre direttamente le proprie offerte commerciali, da prima in vendita unicamente sotto mentite spoglie come ormai accade sempre più spesso in questo tipo di settore.
Forte quindi di oltre vent'anni di esperienza che le consentono di proporre prodotti all'avanguardia anche per il difficile mercato europeo, a partire dal 2014 è riuscita ad introdurre anche sul suolo Italiano un listino decisamente vasto che spazia dalle soluzioni entry level, certificate 80+ bronze, fino ai top di gamma riportanti certificazioni 80+ platinum con potenze che oscillano tra i 400 e i 1300 Watts.
Si tratta in questo caso di unità dotate di ventilazione attiva esercitata mediante l'utilizzo di una ventola FDB(cuscinetto autolubrificante) da 120 o 140mm che consente la corretta dissipazione del calore generato dall'alimentatore agevolando il corretto funzionamento dell'elettronica a prescindere che si stiano erogando 10 o 1000W.
A queste soluzioni si è tuttavia unita una seconda generazione di alimentatori pensata per gli amanti del silenzio dove emissioni acustiche, prestazioni e qualità costruttiva sono la chiave di volta per poter risucire a scalfire un mercato sempre più combattuto; la risposta a queste esigenze prende il nome di "Golden Silent" una serie di PSU priva di emissioni acustiche che ad oggi vanta due esponenti caratterizzati da una potenza di 430W e 500W con una certificazione di efficienza energetica 80+ platinum ai vertici di categoria.

Oggi andremo a parlare proprio di questa interessante serie focalizzando la nostra attenzione sull'esemplare da 500Watt di picco del quale andiamo ad snocciolare le principali caratteristiche tecniche dichiarate dal costruttore:

super flower
Codice prodotto SF-500P14FG
Potenza in uscita 500W
Efficienza energetica
Carico Efficienza
20% 91.47%
50% 92.83%
100% 90.77%
Intel Power Design Guide EPS 12V 2.92
Tensione di alimentazione Full Range APFC, supporta da 100V~250V
Frequenza
50/60 Hz
Dimensioni ventola Fanless / ventola assente / 0dB(A)
Dimensioni unità 170mm(L) x 150mm(W) x 86mm(H)
Fattore di forma ATX 12V V2.3 & EPS 12V V2.92
Protezioni OVP、OCP、OPP、SCP、UVP
Certificati di sicurezza cTÜVus / TÜV/ CB / CE / FCC /CCC / C-Tick / BSMI
Peso
ca. 3Kg
super flower golden silent 500P14FG specs golden silent 500W

 

 


 L'alimentatore arriva sugli scaffali dei rivenditori online all'interno di una scatola in cartone a predominante viola e bianco che va a richiamare la composizione cromatica del logo aziendale; sulla scatola ritroviamo molteplici informazioni con la parte frontale che riporta le principali qualità come l'assenza della ventola, l'alta efficienza,i connettori modulari proprietari e la presenza di condensatori giapponesi.

Assieme a queste informazioni ritroveremo sui restanti lati le caratteristiche tecniche riportate in apertura di articolo, la presenza della certificazione 80+platinum a cui si affiancano la TUV,CE e RoHs per il commercio sul mercato comunitario e per l'assenza di metalli pesanti che garantisce il rispetto dell'ecosistema se smaltito in maniera corretta.

Golden silent package Golden silent package2 Golden silent package3

Molto interessanti risultano anche le features presenti sulla parte posteriore che prevedono:

  • un consumo in standby inferiore al singolo W(ammesso ovviamente che non si pongano carichi sui 5vsb)
  • presenza di protezioni per sovraccarichi, sovra/sotto tensioni e cortocircuiti
  • psu testata per 2000 cicli di on/off
  • PFC attivo
  • compatibilità con le ultime schede video anche in SLI o Crossfire

Aperta la confezione, all'interno troviamo la PSU avvolta con uno strato di pluriball mentre la dotazione prevede la fornitura di quattro viti con testa zigrinata, un cavo di alimentazione con presa tedesca schuko a cui si unisce un libretto di istruzioni decisamente essenziale e generico tanto che riporta il funzionamento di una ipotetica ventola ovviamente non riferita al modello in questione.

golden silent bundle

La cavetteria modulare che fa da contorno all'alimentatore viene consegnata all'interno di un astuccio in finto tessuto e risulta essere realizzata su piattina multipolo di colorazione nera, con molex di conessione in tinta per i 4 pin e SATA e rossa per quanto riguarda le alimentazioni ausiliarie del PCI-Express mentre gli attacchi di connessione all'unità risultano in plastica trasparente fumè.

golden silent bundle cables golden silent cable2 golden silent cable3

Decisamente buona risulta la qualità complessiva, tutti i cavi risultano rubusti con crimp ben saldi ai molex e con le piattine che consentono una buona mobilità assecondando le varie curve che dovranno fare una volta posti all'interno del case.

golden silent cable4 golden silent cable5

Discrete risultano anche le lunghezze complessive, non siamo di fronte a cavi lunghissimi ma risultano sufficienti per la stra grande maggioranza dei telai in circolazione, gli unici problemi potrebbero sorgere nel momento in cui andassimo ad utilizzare un full tower con cable management posteriore al tray della scheda madre, in tal caso i 500mm medi dei vari cavi potrebbero risultare insufficienti.
La tabella seguente ricapitola la dotazione mettendo in risalto le lunghezze dei cavi in funzione della tipologia di connettore adottato, in caso di catene il primo numero indica la lunghezza del cavo fino al raggiungimento del primo molex mentre il secondo, terzo etc. numero indica la distanza che intercorre tra i vari connettori della catena.

Unità principale | tipo di connettore
Lunghezza (mm)
ATX 20+4 pin 565
4+4 pin EPS12V/ATX12V 620
6 pin PCIe 570
6+2 pin PCIe 140 in aggiunta ai 570 precedenti
Cavi modulari | tipo di connettore
Lunghezza (mm)
6 pin PCIe 550
6+2 pin PCIe 110 in aggiunta ai 550 precedenti
5.25" Drive (550mm+110mm+110mm)
SATA (550mm+110mm+110mm+110mm)
SATA (550mm+110mm)
Drive da 5.25" (+110mm+110mm)

 


Il Super Flower Golden Silent 500P14FG risulta essere un alimentatore di colorazione nera utilizzante un telaio esterno in acciaio per larga parte costellato da fori esagonali sormontati nella parte superiore da un massiccio dissipatore monoblocco in alluminio, alettato, con uno spessore di ben 15mm; il buffer qui è decisamente l'ultimo dei nostri problemi.

super flower golden silent 500P14FG super flower golden silent 500P14FG 1 super flower golden silent 500P14FG 2

I cavi, a discapito di quanto visto con le soluzioni modulari precedenti, vengono inseriti all'interno di una calza in PET multifilamento nera che offre un buon potere coprente lasciando nei pressi dei molex di connessione 50mm di cavo scoperto al fine di facilitare le curve nei pressi della femmina saldata sul PCB che andremo ad alimentare.
Anche qui i molex godono di colorazioni differenti con il 20+4pin nero affiancato dall'alimentazione ausiliaria per la mainboard azzurra e il PCIe di colorazione rossa; decisamente gradita risulta inoltre la presenza di tappi in silicone sui connettori non utilizzati dei cavi modulari, utilizzabili anche ad alimentatore in funzione, che permettono di mantenere il tutto libero da polvere evitando falsi contatti nel momento in cui li si vada a sfruttare.

super flower 500P14FG sleeve super flower 500P14FG sleeve2 super flower 500P14FG sleeve3

Sotto il piano tecnico l'intelaiatura esterna offre alcuni importanti spunti, oltre alla struttura a nido d'ape delle pareti per agevolare la dissipazione termica, il dissipatore superiore offre ulteriori agevolazioni alla convezione naturale grazie a due fori disposti esattamente sopra l'APFC ed il primario permettendo all'aria di uscire agevolmente dalla struttura senza che questa venga ostacolata dal monoblocco che risulterrebbe deleterio.

super flower 500P14FG heatsink super flower 500P14FG heatsink2

Attenzione è stata data anche ai dettagli con un profilo in plastica a protezione dello sleeving sulla lamiera dell'alimentatore a cui si affianca un effetto spazzolato del dissipatore posto in contrasto con la verniciatura bucciata dello chassis, appositamente creata per resistere ai vari graffi dati dai fermi dei case più economici non propriamente "gentili"nei confronti dell'hardware installato.
Immancabile risulta inoltre l'adesivo sulla parte inferiore dove possiamo vedere come l'intera potenza sui +12v pari a 41,5A sia riversata interamente su un unico ramo, caratteristica che accomuna tutti gli alimentatori che utilizzano VRM per fornire le basse tensioni a partire dali +12v.

golden silent external golden silent external2 golden silent external3

specs golden silent 500W

 


 

Alla parte interna dell'alimentatore possiamo accedere tramite la rimozione di otto viti, una coperta dal sigillo di garanzia, le quali mantengono solidale il dissipatore con il resto della struttura, assicurando anche la corretta pressione ai pad termoconduttivi che fanno da interfaccia termica tra i dissipatori interni e l'esterno di buffer evitando che le strutture dissipanti interne entrino in collasso anzitempo nonostante la certificazione 80+ platinum che assicura bassi sprechi dal punto di vista energetico e quindi basse emissioni termiche.

golden silent thermal pad golden silent thermal pad2 thermal pad glue

I pad utilizzati risultano in tutto quattro, ciascuno da 3mm di spessore con un lato munito di biadesivo e un'altro sgombro da colla al fine di consentire le eventuali operazioni di manutenzione senza danneggiare ulteriormente l'unità; essi interfacciano come introdotto poc'anzi i dissipatori del'APFC e del primario assieme ai VRM con il dissiptore superiore che riceve anche il calore del trasformatore.
Curata risulta la parte inferiore del PCB che prevede nuovamente l'utilizzo di alcuni pad termoconduttivi, disposti in zone strategiche, a cui si unisce un film in plastica trasparente che previene il passaggio delle correnti dall'elettronica alla lamiera evitando inutili tensioni latenti.

golden silent film plastic

Sul piano costruttivo l'alimentatore vanta un circuito interfacciato con la classica spina trapezoidale per il prelievo dalla rete, da qui l'alternata fluisce direttamente nel PCB dove incontra il primo stadio di filtraggio composto da due avvolgimenti, tre condensatori a X e quattro a Y (due centrali e ulteriori due vicino al diodo rettificatore) affiancati da un fusibile di sicurezza che sopperisce anche all'assenza del MOV per gli sbalzi di tensione in entrata; ovviamente immancabile risulta anche il cavo di messa a terra vincolato direttamente alla lamiera esterna.

golden silent pcb golden silent pcb2

A lato della fase di filtro abbiamo lo stadio rettificatore costituito da un unico ponte raddrizzatore privo di seriale, dissipato in maniera passiva dalla medesima struttura dissipante che si occupa del contenimento delle temperature del Mosfet e del diodo di boost; a loro supporto trovano collocazione un condensatore Nippon Chemi-Con e un termistore munito di relativo relais per riportare l'unità al suo correto funzionamento a termistore raffreddato.

Termistore e relativo relais di controllo Ponte raddrizzatore
 termistore ponte raddrizzatore

Passato il ponte raddrizzatore la corrente viene reindirizzata verso il primario dove si trova il circuito di APFC che aumenta l'efficienza complessiva dell'unità; questo è composto da un mosfet siglato 5R140P e un diodo; gli switchers utilizzati per il primario sono in tutto due con sigle 5R199P, accoppiati ad un convertitore LLC per aumentare l'efficienza della PSU.

mosfet diode mosfet diode2

Il Controllo dell'Active PFC è dato da un NCP1653A alloggiato sulla scheda secondaria disposta sulla sinistra a cui si affianca un controllo in PWM deputato al pilotaggio dei transistor di switching.

daughterboard

Il secondario prevede quattro ulteriori mosfet per la generazione della +12v mentre le tensioni minori vengono estrapolate mediante l'utilizzo di un convertitore DC-DC (VRMs) che consente di ottenere sia la 5v che la 3,3v a partire dalla 12v fornita in continua.
Le connessioni in uscita prevedono nel complesso cinque slot per la +12v, di cui solo tre utilizzate, tre per la 5v, tre per la massa e una per la 3,3v; tutte prese dal PCB tramite l'utilizzo di cavi di rame crimpati all'interno di un connettore a puntale successivamente saldato al PCB, gli amanti delle riparazioni avranno vità facile qui.

secondario tensioni uscita secondario tensioni uscita2

Ulteriormente filtrato risulta anche il molex di connessione per i cavi modulari che prevede l'adozione di due condensatori elettrolitici posti a protezione dell'hardware alimentato.

capacitor exit rails


 

 La fase di test dell'alimentatore in questione ha previsto l'impiego di sistemi di carico sintetico da noi direttamente sviluppati, si tratta dei medesimi utilizzati per il carico dei fan controller ovviamente in scala maggiore con relativo sistema di raffreddamento a liquido. Ulteriori informazioni possono essere visionate al seguente URL:
http://www.coolingtechnique.com/guide/70-metodologie-di-test/838-raffreddamento-ad-arialiquido-fan-controller.html

Il test consiste nel misurare le tensioni erogate dalle linee +12V, +5V e +3.3V al variare della potenza richiesta dal sistema per valutarne l'andamento; i dati sono raccolti tramite l'impiego di un multimetro digitale e oscilloscopio analogico.

Le misure sono state ripetute tre volte al fine di ridurre possibili errori di misurazione; il valore finale è la media aritmetica delle letture effettuate.

Condizioni di test Valori Unità di misura
Tensione in ingresso 220-230 volts AC
Corrente in ingresso 10(MAX) ampere
Frequenza 60 hertz
Potenza di uscita 500(MAX) watts

 

In tabella sono raccolti i dati ottenuti:

Volts PF Carico (%) Watts assorbiti dalla rete +12V media aritmetica di tutti i rami -12V 5v 3.3v 5vsb Watt generati Efficienza
227 0.91 20% 113 12.2 12.3 5.1 3.3 5.1 103 91%
230 0.96 50% 278 12.1 12.2 5.0 3.3 5.1 258 92.8%
228 0.98 80% 436 12.1 12.1 5.0 3.3 5.0 402 92.2%
230 0.98 100% 567 12.1 12.2 5.1 3.4 5.1 515 90.8%

 

efficienza  efficienza2

 Sono stati inoltre rilevati i seguenti consumi a sistema spento:

  Corrente di drain Potenza +12V +5V +3.3V
Idle (carico sui 5vsb)
0.18A 4.51W 12.1V 5.1V 3.3V
Standby 0.022A 0.48W / / /

 

  12V 5V 3.3V 5Vsb
20% 10.8 mV 8.3 mV 7.1 mV 5 mV
50% 13.7 mV 8.8 mV 8.9 mV 6.1 mV
80% 17.6 mV 10.8 mV 12.9 mV 7.6 mV
100% 21.1 mV 14.3 mV 19.1 mV 9.1 mV

 

I dati raccolti mettono in chiara evidenza la bontà dell'alimentatore in questione, le tensioni risultano tutte decisamente stabili con un ripple di gran lunga al disotto dei limiti imposti dal form factor adottato(ATX) che viene rispettato anche nello scostamento, minimo, dei parametri operativi in funzione del carico applicato all'alimentatore.
Molto buono risulta pure il comportamento sia nelle fasi di idle load che di standby ove la PSU consuma dalla rete poco meno di mezzo watts, rientrando anche in questo caso nei parametri dettati dalla certificazione ErP Lot 6 che dalla più recente, ed importante, direttiva europea n°617/2013 in vigore dal primo Luglio di quest'anno la quale impone livelli di efficienza superiori all'80% con un PF al 100% di 0,9 o superiore e un consumo in standby inferiore al singolo Watt.

Unico puntino nero risulta l'efficienza registrata al 50% con l'alimentatore caldo, nonostante infatti i ripetuti test non siamo mai risuciti ad ottenere valori superiori al 93% di efficienza, parametro ampiamente al di sopra dell'80+ Gold ma di circa un punto percentuale ancora al di sotto dell'80+ Platinum di cui dovrebbe godere l'esemplare in analisi. Si tratta ovviamente di un cavillo ma che riteniamo opportuno riportare assieme a quanto di buono fin qui registrato.


Il SuperFlower 500P14FG analizzato nel corso delle pagine precedenti è risultato un alimentatore decisamente interessante sotto molteplici punti di vista; innegabile risulta la qualità delle lavorazioni e dei materiali che lo caratterizzano con una lamiera esterna di protezione adottante una verniciatura bucciata, solida e ben fatta, in grado di proteggere l'estetica del prodotto anche se lo stesso non verrà trattato con i guanti.
Alla cura per la verniciatura si unisce il massiccio dissipatore monoblocco in alluminio spazzolato anche lui di colorazione nera che svolge una funzione diretta di raffreddamento sia per il primario che per il secondario, con gli stadi che vengono messi in contatto con la superficie dissipante esterna tramite ulteriori dissipatori in alluminio; soluzione sicuramente più dispendiosa del semplice utilizzo di monoblocchi dissipanti alettati interni al telaio ma che è in grado di garantire, sul lungo periodo, un minore stress dei componenti che si traduce in una maggiore speranza di vita per il proprio alimentatore. Al solito un chip correttamente raffreddato è un chip che difficilmente vi saluterà dall'oggi al domani, grantendo sia efficienza che affidabilità.

Molto buona è risultata anche la dotazione e la cavetteria fornita di serie che prevede catene di Sata, molex 4pin, attacchi ausiliari per PCIe e tutte le connessioni standard necessarie per il funzionamento dei moderni PC. I cavi godono tutti di un'ottima qualità costruttiva e i crimp sono ben saldi ai relativi molex di connessione, differenziati per colore e con la presa di riferiemnto stampata sul dorso; il tutto è decisamente a prova a prova di errore a prescindere che siate neofiti o esperti del settore! L'unico cavillo risulta la discutibile scelta di usare due approcci differenti per quanta riguarda i cavi modulari e quelli fissi sull'unità, con i primi che godono di uno sleeve in PET lucido nero mentre i secondi risultano privi di calza poichè realizzati su piattina multipolo; una soluzione che se da un lato non inficia minimamente sulle prestazioni dall'altro può far storcere il naso ai puristi dell'estetica che si ritrovano con due soluzioni estetiche differenti all'interno del proprio case.

Lato prestazioni l'SF-500P14FG fa ne più ne meno il suo dovere, la presenza della certificazione 80+ platinum si fa sentire facendo registrare valori di efficienza decisamente elevati, tensioni stabili e ripple contenuti segno inequivocabile dell'elevata qualità della componentistica utilizzata nonchè della bontà del progetto costruttivo, che deficita unicamente di un MOV sulla corrente in entrata Eccellente risulta anche la gestione delle fasi di full load dove i parametri risultano tutti da specifica; con le temperature, in piena modalità passiva, sotto i 55°C a fronte di una temperatura ambientale attorno ai 22°C.
Completano il quadro inoltre i soli 0,48W assorbiti ad alimentatore spento e la solidità della 5V sb; decisamente non male per un unità che produce su carta, ma anche nella realtà, 0dB(A) di inquinamento acustico.

In data attuale il prezzo per portarsi a casa questo Golden Silent SF-500P14FG risulta di 134.90€ tasse incluse, cifra indubbiamente elevata per un 500W ma che ha dalla sua un progetto solido, alta efficienza e quello che per alcuni non ha prezzo, l'assoluto silenzio.

Nome prodotto PRO CONTRO Award tecnici
Award prestazionali

 super flower

Super Flower Golden Silent 500P14FG

+ verniciatura solida e ben realizzata
+ sistema modulare
+ alta efficienza
+ bassi consumi a pc spento
+ sistema di raffreddamento solido e funzionale
+ griglie di aerazione a nido d'ape
+ viti di ritenzione zigrinate
+ basso ripple
+ tensioni stabili a prescindere dal carico applicato
+ filtro EMI
+ protezione in caso di surriscaldamento
+ protezione in caso di sovraccarico

/

 ct gold technical

 ct high performance

Si ringraziano SuperFlower e il distributore europeo Caseking.de per l'esemplare oggetto dell'articolo di oggi.


Commenti sul forum.