Recensione Tecnofront Visual

Sul retro troviamo invece un'incisione del logo Tecnofront e l'alloggiamento per un led da 5mm con relativo passacavi.

retro_1

retro_2

Ma apriamo il "cofano". Anche qui troviamo gli inserti ad espansione che garantiscono un serraggio ottimale e che evitano di rovinare il corpo della vaschetta in seguito a ripetuti montaggi/smontaggi. Rimuovendo le 6 viti sul frontale possiamo disaccoppiare il corpo della vaschetta con la copertura in plexiglass fumè da 5mm di spessore. I materiali risultano di ottima fattura e privi di qualsiasi difetto. La tenuta complessiva è assicurata ovviamente da un oring ed è possibile, come detto in precedenza, rimuovere il cursore in ottone del flussometro.

componenti_vaschetta

inserto

cursore

Il corpo della vaschetta vero e proprio è costituito da due camere simmetriche da 13,85mm di larghezza (nelle sedi in cui può scivolare il cursore) e 69,13mm di lunghezza.

camere_centrali

Alla base delle camere in corrispondenza dei fori di ingresso/uscita ci sono due piccole micro-camere che consentono il passaggio del flusso dall'esterno alle camere centrali.

micro-camere_sul_bottom

Sul top delle 2 camere centrali troviamo infine la struttura che funge da air trap; se ci fate attenzione complessivamente richiama la lettera "E". La trap costringe il flusso a transitare da una camera all'altra e favorisce l'accumulo di aria ai suoi lati, aria che troverà uscita sul foro di rabbocco.

trap_superiore

Il funzionamento della vaschetta risulta quindi molto semplice: il foro di ingresso è sempre quello dove avete posizionato il cursore in ottone del flussometro; da qui il flusso prosegue verso la camera di uscita eliminando l'aria attraverso la struttura della trap descritta precedentemente.

gif-visual-tecnofront


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM