Recensione waterblock Alphacool NexXxos GPX TITAN M01

Rimuovendo le viti a stella e le quattro brugole M4 presenti sulla parte in plexiglass e inferiore del waterblock possiamo inziare a ispezionare lo stesso separando il corpo di raffreddamento dalla piastra passiva,qui ci accorgeremo di come la sezione in alluminio abbia un peso sensibilmente inferiore rispetto al waterblock che a differenza della sezione passiva utilizza rame elettrolitico ad alta purezza.

alphacool gpx waterblock-inside alphacool gpx waterblock-inside2 alphacool gpx waterblock-inside3

Il blocco di raffreddamento è di semplice costruzione e non si differenzia tanto dai classici only-gpu. Guardando il suo interno si capisce benissimo in quale modo il fluido entra ed esce dal colplate grazie ai percorsi forzati disegnati dalle due canaline del top in acetato. La Piastra al suo interno è di rame elettrolitico e non presenta nessun tipo di trattamento particolareoltre al rivestimento in nichel come per il lato esterno.

alphacool gpx waterblock-inside top alphacool gpx waterblock-inside top2

Il cuore di questo NexXxoS GPX ha una matrice dissipante formata da una base in rame elettrolitico alimentata da un jetplate in plastica monoforo con canali di scolo asimmetrici sul fondo che permettono una miscelazione dei flussi all'interno della matrice consentendo una maggiore capacità dissipante.

alphacool gpx waterblock-coldplate alphacool gpx waterblock-coldplate2

 


Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Korean Russian Spanish

ULTIMI MESSAGGI DAL FORUM