Recensione Ybris ACS-G e Ybris Eclipse GPU

 

ybrissnowft

Ancora una volta,Ybris.
Dopo aver precedentemente recensito l'Eclipse andiamo a vedere adesso cosa ci offre questa casa nell'ambito del raffreddamento a liquido per VGA.

La piattaforma di test e nello specifico la scheda video della stessa era già fornita dell'Ybris ACS-G per il raffreddamento della GPU,quindi questa review si occuperà non solo dei test inerenti il più nuovo Eclipse GPU ma anche del suo predecessore per meglio comparare le differenze tra i due.

2009_06_30_0128


Riportiamo qui le caratteristiche tecniche dei due waterblock ricordando che queste informazioni sono state prese dal sito del produttore.
Per quanto concerne l'Ybris ACS-G:

Base :
Materiale : Rame Elettrolitico da 51x51x9.0 mm
Struttura interna : matrice a semisfere contrapposte
Lavorazioni interne interamente tramite fresatura cnc
Lavorazioni esterne : levigatura , spazzolatura, lucidatura superiore.
Rettifica, lappatura e lucidatura del fondo
Chiusura tramite viterie in acciaio Inox anticorrosione
Lucidatura finale manuale
Trattamento antigraffio di indurimento e finitura PVD per un effetto specchio senza precedenti.

Coperchio :
Ottone di prima qualità da 51x51x23,5 mm
Lavorazioni interne realizzate tramite fresatura cnc .
Lavorazioni esterne tramite fresatura cnc e levigatura estetica finale.
Lucidatura finale superiore.
Trattamento antigraffio di protezione e finitura estetica PVD.
Logo Ybris e Serial Number inciso a Laser

Fissaggio alla base tramite 4 viti in acciaio inox

Raccordi :
Raccordi in ottone cromato con O-ring di tenuta per uno smontaggio rapido in fase di manutenzione.
Filettature da ¼ G
Fori interni 9 mm , esterno 13 mm adatti a tubazioni da 12/17

Peso finale :
WB Top Ottone finito , completo di staffa e raccordi : 500 g

COMPATIBILITA':

Staffa standard :  tutte le schede video ATI anche di ultimissima generazione e schede Nvidia serie 7xxx 8xxx

Staffa serie 280 :  schede Nvidia serie 260 275 280 285

specificare nelle note dell'ordine il tipo di staffa desiderata

Per l'Ybris Eclipse GPU riportiamo invece:

Ybris® ECLIPSE FULL CHROME GPU   Beta 02 Released

GPU block dotato di staffa universale compatibile con tutte le schede video ATI e NVIDIA di ultima generazione ( ad esclusione ATI 4770 e Nvidia 295 XXX)

specifiche tecniche principali

Base :
Materiale : Rame Elettrolitico 
Struttura interna : matrice a micropin da 529 elementi 
Lavorazioni interne interamente tramite fresatura cnc
Lavorazioni esterne : levigatura , spazzolatura, lucidatura superiore.
Rettifica e lappatura  del fondo
Chiusura tramite viterie in acciaio Inox anticorrosione
Lucidatura finale manuale

Coperchio :

Materiale : Ottone 
Lavorazioni interne realizzate tramite fresatura cnc .
Lavorazioni esterne tramite fresatura cnc e levigatura estetica finale.
Lucidatura finale superiore.
Trattamento antigraffio di protezione e finitura estetica tramite cromatura lucida. 
Logo Ybris e Serial Number inciso a Laser

Fissaggio alla base tramite 4 viti in acciaio inox

Raccordi utilizzabili :
Filettature da ¼ G , diametro massimo della corona esterna del raccordo : 23 mm

Il Waterblock è fornito SENZA raccordi che vanno pertanto presi a parte.

Versione : Beta 02 Released

nota: immagini puramente indicative, il prodotto puo' essere soggetto a variazioni estetiche o a modifiche della struttura senza alcun preavviso.

Peso finale :
WB Top Ottone finito , completo di staffa e raccordi : 600 g

COMPATIBILITA':

tutte le schede video ATI anche di ultimissima generazione  ( ad esclusione ATI 4770)  e schede Nvidia serie 7xxx 8xxx 260 275 280 285


Come al solito la Ybris bada poco alle apparenze ma molto ai fatti. La confezione dell'Eclipse GPU (si ricorda che stiamo parlando di una beta rilasciata del waterblock in questione che presenta alcune carenze per quanto riguarda il lato estetico,carenze che saranno colmate nella versione finale) è come al solito spartana.

 

 

 

2009_06_30_0109

2009_06_30_0111

Tralasciando i 4 adattatori che non hanno nulla a che vedere con il bundle dell'Eclipse GPU come si può notare dalle foto abbiamo la solita confezione Ybris elementare ma ben imbottita al cui interno troviamo il waterblock e una bustina contenente il necessario per il serraggio del waterblock e 2 raccordi portatubo classici.

2009_06_30_0124

Data la difficoltà di alcuni utenti nel montare questo waterblock notate bene la configurazione in cui sono state messe molla,rondelle e dadi sulla vite: spiegherò il motivo per cui le ho messe in questo modo quando analizzerò la fase di montaggio del waterblock sulla VGA.


Analizziamo meglio i 2 waterblock. Dell'ACS-G ormai sappiamo già tutto: ottime come al solito le rifiniture,base del waterblock separata dal top ed unita ad esso tramite 4 viti posizionate alla base del waterblock,staffa agganciata alla base tramite 4 viti (c'è quindi la possibilità di cambiare la staffa),il tutto condito da una struttura interna che richiama quella dell'ACS per CPU che garantisce ottime prestazioni.

 

 

 

2009_06_22_0001

2009_06_22_0006

2009_06_22_0007

2009_06_22_0013

2009_06_22_0014

2009_06_22_0016

2009_06_22_0019

Per quanto riguarda l'Eclipse GPU invece possiamo notare alcune novità rispetto al suo predecessore. L'impatto estetico è come al solito notevole

2009_06_30_0112

2009_06_30_0116

ma in questo caso è meno impreziosito dal fatto che il waterblock presenta delle striature su tutti e 4 i suoi lati,oltre che un piccolo fossetto sul top.

2009_06_30_0115

Altra cosa da sottolineare e che ripeto è presente soltanto in questa versione beta è la non rifinitura/lavoratura della base del waterblock che andrà a contatto con la GPU.

2009_06_30_0118

Sulla base troviamo le 4 viti che consentono l'apertura del waterblock e incuriosiscono altri 4 piccoli fori filettati posti ai 4 spigoli della base,la cui utilità non è ancora nota.
A questo punto siamo pronti per aprire il waterblock.

2009_06_30_0122

Come si può facilmente vedere la struttura interna del top richiama molto quella dell'ACS-G se non fosse per il fatto che qui non abbiamo più una matrice a semisfere ma due semplici fori oblunghi che consentono il passaggio dell'acqua in entrata e in uscita al waterblock stesso.
Una prima novità rispetto al passato è la staffa: non abbiamo più una staffa removibile come lo era prima ma la abbiamo direttamente incorporata al top del wb. Viene incontro a questo "problema" la foratura sulla staffa di montaggio dell'Eclipse GPU: non abbiamo più fori distinti compatibili a seconda del tipo di VGA ma abbiamo due forature oblunghe che consentono di adattare al meglio il waterblock alle diverse situazioni.
Infine analizziamo il nuovo cuore di questo waterblock.

2009_06_30_0121

La struttura interna della base è identica a quella dell'Eclipse per CPU,stessa matrice a micropin quindi. L'acqua entra quindi da uno dei due ingressi (non abbiamo un ingresso obbligatorio,possiamo sceglierlo arbitrariamente in base alle nostre comodità), attraversa la fitta base ricoperta dai micropin ed infine esce dall'altra parte. Il funzionamento è quindi identico a quello dell'Eclipse per CPU solo che qui non abbiamo jetplate intercambiabili ed ingresso centrale obbligatorio. Sono presenti dei segni lasciati dall'oring, probabilmente il waterblock è stato precedentemente testato.

2009_06_30_0123

Per concludere vista finale del waterblock con due raccordi a compressione della Koolance da 3/8" ID. Differentemente da quanto ravvisato da altri utenti i filetti del waterblock sono risultati perfetti, i due raccordi sono entrati senza il minimo problema.


Veniamo al dunque e parliamo di dati. Come consueto è stato effettuato per prima un test della portata per entrambi i waterblock in test. La carenza di scheda madre in questi giorni ha reso il piano superiore del mio nuovo banchetto un po' scarno e quindi si prestava molto bene ad accogliere tutta la strumentistica per il test.

 

 

 

 

2009_06_30_0135

Per quanto riguarda l'Eclipse GPU ho rilevato i seguenti dati e ne è stato estrapolato il seguente grafico,il primo in mbar e il secondo in PSI.

20090701153327_xx

20090701153543_xxx

Come sopra, stesso discorso ma parliamo dell'ACS-G.

20090701153617_xxxx

20090701153654_xxxxx

Infine sono stati comparati questi 2 dati con quelli relativi al Fuzion GFX rev.1 e all'EK Supreme per VGA, dati questi presi da altri validi tester.

20090701153723_xxxxxx

20090701153754_xxxxxxx

Facendo riferimento a questi ultimi 2 grafici è possibile vedere come i waterblock Ybris risultino meno restrittivi rispetto alla concorrenza. Questo risulta un vantaggio per chi vuole dotare di molti waterblock il proprio loop spinto da una singola pompa la cui potenza non deve essere smisurata perchè non necessaria. Si ricorda infatti che la pompa è un componente che va scelto in base alla restrittività dei waterblock e/o altri componenti del proprio impianto, anche perchè le differenze prestazionali nell'avere una portata esagerata rispetto ad una portata normale sono abbastanza irrilevanti. Ovviamente questo dipenderà dalle esigenze e dalle comodità che ogni utente avrà intenzione di ottenere.


Prima di passare alle prestazioni parliamo un po' di installazione. Molti utenti trovano abbastanza scomodo l'ormai "datato" sistema di montaggio dei waterblock Ybris per VGA ed anche io personalmente condivido questa opinione. Molte case produttrici come la EK ma soprattutto la D-Tek offrono sistemi di serraggio più comodi ed immediati: la D-Tek addirittura fornisce di serie delle backplate per il serraggio del waterblock con le viti che si fermano su di essa a fine corsa, garantendo così un serraggio perfetto e privo di inconvenienti per qualsiasi tipo di utenza. Ovviamente con questo non si deve pensare che il sistema adottato da Ybris sia inefficace ma semplicemente può risultare più macchinoso o per chi è ormai abituato ad altri sistemi di montaggio o per chi si avvicina al mondo del liquid cooling per la prima volta. Per capire meglio di cosa stiamo parlando andiamo a vedere come bisogna montare il waterblock sulla propria VGA,nel mio caso una 8800 GT della Gainward (rev.2).

Per prima cosa è conveniente montare  il blocco composto da vite-rondella-molla-rondella sul waterblock serrando il tutto con un dado senza esagerare (non a caso ci sono 8 dadi nel bundle), in questo modo possiamo far scorrere la vite sul relativo foro oblungo per farla combaciare al momento del montaggio del waterblock in corrispondenza dei fori della nostra VGA. La testa della vite deve essere in corrispondenza del top del waterblock. Questa operazione consente di non dover tenere con la mano o con le dita, una volta capovolta la VGA, le 4 viti di serraggio che altrimenti scivolerebbe via. Ovviamente bisogna ripetere questa operazione per ogni foro del waterblock come mostrato sotto in figura

2009_06_30_0136

Fatto questo il resto risulta abbastanza scontato: dopo aver messo la pasta termica sulla GPU con una mano teniamo la VGA in aria e con l'altra dobbiamo piazzare le 4 viti in corrispondenza dei fori della propria VGA, infine capovolgiamo la scheda e avvitiamo i 4 dadi sulle relative viti quel tanto che basta affinchè il waterblock non balli troppo sulla GPU ottenendo questo risultato.

2009_06_30_0138

Nel mio caso specifico non ho utilizzato le 4 rondelle prima di mettere i 4 dadi perchè la mia vga ha già una sorta di protezione che consente di non rovinare il pcb come si può vedere dalla foto (è presente su tutti i punto in cui ci sono viti da serrare). A questo punto non resta che serrare le nostre viti agendo con un cacciavite a testa piatta sulla testa di ogni vite tenedo con una mano i dadi per non farli girare ed il gioco è fatto.

2009_06_30_0139

Come si può vedere il sistema non presenta grosse difficoltà ma sarebbe quantomeno preferibile avere al posto dei piccoli dadini forniti di serie dei dadi più grandi a pomello come quelli che vengono utilizzati nei waterblock Ybris per CPU, o ancora meglio si potrebbe cambiare questo sistema con un altro in cui si utilizza una backplate che vada sotto alla VGA e delle vite che arrivino a fine corsa, ma questa è una scelta che dovrà fare il produttore.


Arriviamo quindi alla pagina che più attira il lettore, le prestazioni. Per testare la VGA sotto overclock si è usato Furmark come programma di stress, Rivatuner per monitorare il tutto ed è stata affiancata alla VGA una Nanoxia da 8cm per dissipare meglio la zona mosfet/memorie dato il caldo di questi giorni. E' stato anche utilizzato un pinguino per abbassare un po' la temperatura della stanza ma in verità non è che abbia guadagnato chissà cosa (se non ci sono stati 29° in camera con il pinguino acceso è solo stato merito del temporale pomeridiano che mi ha consentito di vivere a 26°).

 

 

 

2009_07_02_1102

2009_07_02_1103

Non sono riuscito a fare i test alle diverse portate ma non avendo una sonda precisa per la rilevazione della temperatura della GPU si sarebbe rivelata probabilmente una inutile perdita di tempo. Inizialmente ho provato l'Eclipse GPU ma dopo qualche test ho capito che c'era qualcosa che non andava: la temperatura del core saliva in maniera eccessiva rispetto all'idle e molto repentinamente, probabilmente il contatto non era buono (le viti/molle erano serrate troppo poco). Ho rieseguito il test per fare una controprova ed ho ottenuto gli stessi risultati.

IDLE

Temperatura Air IN 28,9°
Temperatura H2O 30,46°

8800_gt_oc_eg_idle_test

FULL

Temperatura Air IN 28,9°
Temperatura H2O 32,32°

8800_gt_oc_eg_full_test

Visto che dovevo smontare il waterblock per verificare il contatto ho preferito passare all'ACS-G per vedere la situazione come andava ed ho notato che andava molto meglio. La temperatura del core saliva di pochi gradi facendo fatica sintomo che il tutto era montato per il meglio. Ho eseguito anche un controtest per verificare l'attendibilità deI risultato ed ho ottenuto questo.

IDLE

Temperatura Air IN 26,3°
Temperatura H2O 29,11°

8800_gt_oc_acsg_idle_test_1

FULL

Temperatura Air IN 26,3°
Temperatura H2O 30,87°

8800_gt_oc_acsg_full_test_1

A questo punto sono ritornato sui miei primi passi ed ho rimesso su l'Eclipse GPU sulla VGA stringendo di più le viti e facendo comprimere le molle come avevo precedentemente fatto con l'ACS-G. Rivatuner è stato parecchio chiaro a riguardo questa volta: estrema difficoltà da parte del core a salire quindi il montaggio è stato effettuato con successo. Di sotto i risultati ottenuti.

IDLE

Temperatura Air IN 26,3°
Temperatura H2O 29,20°

8800_gt_oc_eg_idle_test_2

FULL

Temperatura Air IN 26,3°
Temperatura H2O 30,95°

8800_gt_oc_eg_full_test_2

Come si può vedere dal grafico di Rivatuner (a parte la mia distrazione nel ridurre ad icona Furmark per un po') il guadagno si attesta sul 1° netto. Nonostante l'overclock la mia VGA a quanto pare non scalda moltissimo e quindi le differenze prestazionali tra i due waterblock si assottigliano di conseguenza.


Finalmente giungiamo al verdetto. Esteticamente parlando non si può esprimere un giudizio obiettivo in quanto parliamo di una versione beta ma sicuramente ho gradito il cambio delle linee per quanto riguarda il disegno di questo waterblock che appare meno "mattone" del suo predecessore. Se tralasciamo ciò che la beta comporta, ovvero le striature ai lati e la base che va a contatto con la GPU non cromata, la sostanza è sempre la stessa: le lavorazioni e i trattamenti risultano ottimi e di grande qualità anche se un controllo migliore sui componenti sarebbe gradito (piccolo fossettino sul top cromato). Ciò che rende quest waterblock un passo avanti rispetto al passato sono le prestazioni e la portata: così come per l'Eclipse per CPU sono stati migliorati entrambi questi aspetti dato che la restrittività è scesa di molto così come sono aumentate le prestazioni. La restrittività diminuita consente un utilizzo di pompe anche di medio livello per chi ha intenzione ad esempio di gestire a liquido solo la propria CPU e VGA, ma io ci aggiungerei anche il chipset e poichè la maggioranza degli utenti raffredda a liquido "solo" questi componenti è facile intuire che questo comporta il non dover spendere molti euro da investire per l'acquisto di una pompa. A differenza di altri beta tester le migliorie sul piano prestazionale non sono state così rilevanti, ma come già detto questo può dipendere dal mio particolare modello di VGA utilizzato per i test. Per quanto riguarda il sistema di montaggio magari sarebbe il caso di evolversi con qualcosa di più sofisticato ma più facile ed immediato, l'utenza generale penso che lo gradirebbe parecchio. Il prezzo di questo waterblock è in linea con i precedenti modelli prodotti dalla Ybris e più o meno in linea anche con il prezzo dei waterblock only-gpu delle marche concorrenti. In conclusione direi che anche in questo caso si può salire sul gradino più alto del podio

aworo

Si ringrazia la Ybris cooling nella persona di Paxia Alessandro per averci fornito il sample in oggetto per la creazione della recensione.

Aggiornamento 1-9-2009: la metodologia di test è in aggiornamento e sarà soggetta a variazioni, di conseguenza questi risultati potrebbero non essere comparabili con le future recension.

Commenti sul forum.